Archive for the ‘Incontri’ Category

:: I cinque finalisti del Premio Biella 2019 al Circolo della Stampa di Torino

18 ottobre 2019

banner

I cinque finalisti del Premio Biella Letteratura e Industria 2019, Rossana Balduzzi Gastini, Giorgio Falco, Maurizio Gazzarri, Alberto Prunetti, e Eugenio Raspi, saranno ospiti a Torino, mercoledì 23 ottobre, nella storica sede del Circolo della Stampa di Corso Stati Uniti 27, iniziativa che nasce dalla collaborazione tra il Premio Biella e Confindustria Piemonte.

Inoltre avrà luogo anche la presentazione della III edizione del Premio Confindustria Piemonte, il cui vincitore sarà reso noto il 31 ottobre.

Dopo i saluti del Presidente di Confindustria Piemonte Fabio Ravanelli che presenterà il Premio Confindustria Piemonte, e l’intervento di Alberto Sinigaglia, Presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte, sarà Paolo Piana, Presidente del Premio Biella Letteratura e Industria a illustrarne gli obiettivi culturali e sociali e ad annunciare l’adesione di un nuovo importante sponsor, il Banco Popolare.

Pier Francesco Gasparetto Presidente della Giuria del Premio Biella Letteratura e Industria composta da Claudio Bermond, Paolo Bricco Paola Borgna , Loredana Lipperini, Giuseppe Lupo, Marco Neiretti, Sergio Pent e Alberto Sinigaglia, dialogherà con i finalisti.

Appuntamento poi sabato 16 novembre 2019, presso l’Auditorium di Città Studi di Biella, quando verrà proclamato il vincitore del Premio Biella Letteratura e Industria XVIII edizione, a cui verrà consegnato un premio di 5mila euro.

In quell’occasione saranno consegnati anche il premio Giuria dei Lettori, il Premio Concorso per le Scuole “Cuore, testa, mani”, e il premio Lions Bugella Civitas per la migliore recensione.

Siete tutti benvenuti.

:: Venerdì 11 ottobre. A tu per tu con HELGA SCHNEIDER

4 ottobre 2019

A tui per tu 11 ottobre 2019 locandina

:: Liberi di Scrivere al Salone Internazionale del Libro di Torino 2019 – trentaduesima edizione

14 Mag 2019

Salone-del-libro-2019-696x464Per 5 giorni Torino è stata al centro della più importante manifestazione dedicata all’editoria in Italia, e noi di Liberi ci siamo stati. Non potevamo mancare di certo, come i tanti ragazzi arrivati con trolley e zaini al seguito da tutt’Italia: blogger, scrittori, editori, disegnatori quest’anno i giovani sono stata la vera sorpresa del Salone.
Non si può dire che le polemiche pre e post Salone non abbiano rattristato gli animi, ma parte dell’entusiasmo è sopravvissuto, e questo è parte del miracolo che ogni anno si ripete al Lingotto, con crescente numero di visitatori, spazi rinnovati e ampliati (quest’anno l’Oval ha catalizzato molto l’attenzione), e tanti volontari che hanno fatto la differenza, se tutto ha funzionato molto è merito loro.
Io più che vagare per gli stand ho lavorato in Sala stampa, e la tentazione di chiedere l’autografo ai giornalisti è stata grande, ma ho preferito non disturbare.
Che celebrità ho incrociato? vediamo: quest’anno Lagioia non l’ho visto, in compenso ho incrociato Federico Rampini con la sua immancabile camicia a righe bianca e blu, visto la Lipperini mentre faceva vivere il suo programma radio, salutato Giorgio Ballario, un signore d’altri tempi, poi posso morire felice, ho salutato anche Maurizio de Giovanni, dopo tanti anni che ci conosciamo virtualmente, e mi hanno presentato Daniela D’Angelo di Avagliano Editore con cui abbiamo discusso dei racconti di Guido Gozzano.
Poi ho intravisto Gambarotta, Molinari, e tanti adetti stampa tra cui la mitica Carlotta di Las Vegas Edizioni, Tania di Arkadia, Giulio di EO, non stupitevi se li chiamo per nome, ho scoperto che al Salone basta il nome per riconoscersi.
È stato bello dai, faticoso ma bello.
Abbiamo annunciato i 5 finalisti del Premio Biella, ma su quello farò un post a parte. Libri non ne ho comprati, nè ne ho ricevuti, ma in realtà non avevo borse per contenerli, in compenso ho comprato vari gadget tra cui magneti da frigo con il logo di questa edizione e bracciali colorati.  E finalmente ho trovato la custodia per il pass, la conserverò per l’anno prossimo con due nastrini uno giallo e uno bianco.
Il personale della sicurezza è stato impeccabile, attento e professionale ma scherzava visto che per la maggior parte erano ragazzi. È andato tutto bene, nessun incidente, qualche mugugno ma in compenso tutti sembravano stanchi ma soddisfatti.
Dall’Oval ai padiglioni c’era un punto senza passerella un po’ in salita, ho visto un ragazzo in carrozzina farla all’indietro con una certa fatica. Alcuni punti erano davvero stretti e si faceva fatica a passare. Migliorerei l’agibilità per questi ragazzi, che erano tanti quest’anno.
Poi consiglierei di mettere segnaletica guida per terra, con i vari colori per indicare le varie uscite, e i vari padiglioni, era facile perdersi nonostante la segnaletica volante.
Per quest’anno è tutto, appuntamento all’anno prossimo, e porterò più adesivi del blog, magari penne, borse e spillette, promesso.

:: Presentazione del romanzo “Magnetic” di Sara D’Amario con Fabrizio Fulio-Bragoni a cura di Giulietta Iannone

15 febbraio 2019

Affollatissima la saletta del Circolo del Lettori di Torino per la presentazione del romanzo “Magnetic” di Sara D’Amario (LeggerEditore). Introdotto e moderato da Fabrizio Fulio- Bragoni, traduttore e critico, con la presenza dell’autrice, l’incontro è stato molto divertente e partecipato, se si pensa che avevamo Laura Morante nella sala accanto che presentava il suo libro, ma non ci siamo fatti intimidire. Il pubblico era vario: professori, studenti, genitori, colleghi di Sara D’Amario che ha spiegato porta avanti le due carriere di attrice (da ventisei anni) e di scrittrice (da dieci) con grande serietà e preparazione. “Magnetic” è un YA originale con tematiche attualissime (dai campi magnetici, alla sperimentazione scientifica senza regole, all’uso di droghe sintetiche), e non spesso affrontate (ancora) e sia l’autrice che il moderatore sono statati bravi a incuriosire senza spoilerare troppo. “Magnetic” è un libro per ragazzi, scritto con responsabilità per un pubblico di lettori adolescente ed è stato molto interessante quando l’autrice ha parlato della difficoltà di scrivere romanzi per questa fascia di età rispettando lo sviluppo e il cuore di questi giovani lettori. Insomma scrivere libri per ragazzi necessita di competenze e sensibilità sue proprie, certo è intuibile ma è giusto che venga ribadito. Fabrizio Fulio- Bragoni ha fatto diverse domande all’autrice,  ma numerose sono state anche quelle del pubblico tanto che l’incontro è durato più di un’ ora e mezza. Non ho fatto foto, e un po’ mi dispiace, ma il marito dell’autrice, François-Xavier Frantz, anche lui presente, credo abbia registrato parte della presentazione. Non avendo ancora letto il libro (ma penso lo farò al più presto) non so dirvi molto della trama, ma sicuramente è un libro con in certa misura anche un valore educativo sicuramente nel mettere in guardia i giovani dal pericolo delle droghe sintetiche così facilmente disponibili e così dannose se non mortali. E quando lo dicono i genitori non li si ascolta, un’amica forse sì. È naturalmente anche una storia d’amore, ma non delle più convenzionali. Insomma sono molto contenta di aver partecipato all’incontro e vi invito tutti in libreria.

Gli illustratori di Tolkien a Milano a cura di Elena Romanello

22 novembre 2018

p104 Glorfindel and the Balrog (1)Il 28 novembre a Milano presso lo Spazio Oberdan di Milano in piazza Oberdan ci sarà Immaginifico Tolkien, un incontro presso lo Spazio Oberdan con due dei più grandi illustratori dell’opera del maestro del fantasy moderno, Alan Lee e John Howe.
L’evento è il momento finale di un corso dal 19 al 30 novembre di illustrazione realizzato con Alan Lee, John Howe e Andrea Alemanno.
Alan Lee John Howe sono due artisti di fama internazionale e sono gli illustratori storici delle opere di J. R. R. Tolkien, con immagini che a partire dagli anni Novanta hanno contribuito a creare l’immaginario della Terra di Mezzo e sono state un riferimento fondamentale per la realizzazione delle ambientazioni delle trilogie de Il Signore degli Anelli e de Lo Hobbit di Peter Jackson. Infatti i due maestri sono stati anche chiamati per elaborare il concept design dei film e Alan Lee ha vinto nel 2004 l’Oscar per le scenografie del film Il Signore degli Anelli – Il Ritorno del Re.
Alan Lee, classe 1947, si è fatto notare negli anni Settanta con le illustrazioni di libri fantasy come Fate, The Mabinogion, Castles, Merlin Dreams e Black Ships Before Troy: The Story of the Illiad, prima di approdare al mondo di Tolkien, fino all’ultimissimo La caduta di Gondolin. Tra i suoi altri lavori ricordiamo le scenografie di Legend di Ridley Scott, di Erik il Vichingo di Terry Jones e di Merlino.
John Howe, canadese di Vancouver, classe 1957, ha iniziato a lavorare negli anni Ottanta ai calendari tolkeniani, raggiungendo la notorietà internazionale con le sue illustrazioni per Storia della Terra di Mezzo, una serie in dodici volumi che contiene e analizza molti degli scritti inediti di Tolkien raccolti dal figlio Christopher. Anche lui ha collaborato con Peter Jackson, tra i suoi altri lavori ricordiamo le tavole per Beowulf , le illustrazioni per il film Le cronache di Narnia: il leone la strega e l’armadio e per la linea di carte Magic: The Gathering cards.
L’incontro del 28 ricostruirà tutto il percorso dei due maestri. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, occorre prenotarsi all’indirizzo:  www.mimasterillustrazione.com

:: Libri in giardino

19 settembre 2018

federica

Libri in giardino, quattro incontri per condividere il piacere della lettura presso il Giardino dei Ciliegi di Ponte San Marco (BS).

Modera gli incontri la nostra Federica Belleri, mamma, scrittrice, blogger e grande amica.

:: Al via Book Pride Fiera Nazionale dell’ Editoria Indipendente

22 marzo 2018

Book Pride 2018

Al via domani venerdì 23 marzo 2018 a Milano il BOOK PRIDE, Fiera Nazionale dell’Editoria Indipendente, alla sua quarta edizione, che si svolgerà negli spazi dell’ex Ansaldo fino a domenica 25. Il cuore della fiera si conferma BASE, ormai affermato polo culturale della città di Milano, a cui si affianca il MUDEC, il Museo delle Culture. BOOK PRIDE è organizzato da Odei, Osservatorio degli editori indipendenti, in collaborazione con il Comune di Milano, e diretto per la prima volta da Giorgio Vasta. Ingresso gratuito.

:: Prime notizie sul Salone del Libro 2018 a cura di Elena Romanello

6 marzo 2018

SalTO18

La presentazione ufficiale sarà ad aprile, ma ci sono già le prime indiscrezioni e notizie sul Salone del Libro 2018, che si svolgerà come di consueto al Lingotto dal 10 al 14 maggio.
Partner d’eccezione del Salone è il Circolo dei lettori, che si occupa tra le altre cose delle attività connesse al contatto con gli editori, della gestione degli spazi espositivi, del programma e del Bookstock Village, mentra la Fondazione per la Cultura Torino seguirà il programma musicale per la città, la Festa Mobile e il Salone Off. Tra le location extra Lingotto si segnalano le OGR di corso Castelfidardo, recuperate e rilanciate come polo artistico e culturale.
Quest’anno al Salone del libro di Torino ci sarà tutta l’editoria italiana, sia le voci indipendenti sia i grandi gruppi che l’anno scorso avevano disertato l’evento, che si annuncia con ospiti che spaziano dagli scrittori agli scienziati, dai registi agli artisti, dai musicisti a vincitori di premi prestigiosi nella cultura come il Nobel, il Pulitzer, il Goncourt, l’Oscar.
Il tema conduttore è Un giorno tutto questo e all’interno della manifestazione si parlerà di chi si vuole essere, perché serve un nemico, a chi appartiene il mondo, dove portano spiritualità e scienza, cosa si cerca nell’arte.
Il manifesto è stato realizzato da Manuel Fior, autore di graphic novel e illustratore noto ed amato a livello internazionale.
Il Paese ospite sarà la Francia, a cinquant’anni dal Maggio francese, ma si parlerà anche dell’oggi, con come ospiti che si possono già annunciare Antoine Volodine e Edgar Morin, spazi come una libreria al Lingotto e tanti eventi in tema.
Tra gli altri ospiti si segnalano già i nomi del premio Nobel Herta Muller, di Alice Sebold, dello scrittore e sceneggiatore Guillermo Arriaga, dei registi Bernardo Bertolucci e Giuseppe Tornatore, dell’autore russo Eduard Limonov, della fedelissima Alicia Gimenez Bartlett, di Paco Ignacio Taibo I, di Almudena Grandes, dell’attesissimo Joël Dicker, di Dori Ghezzi con un tributo a Fabrizio de André, di Paolo Giordano che presenterà il suo nuovo libro in uscita per maggio.
Tra le altre cose in programma si segnala il focus di approfondimento sul mondo arabo, riflessioni sul movimento Metoo, una sezione sulla letteratura fantastica a cura di Loredana Lipperini, dove si parlerà di nuovo di Tolkien, ma anche di Martin e dei duecento anni di Frankenstein di Mary Shelley.
Tra i partner fieristici del Salone di Torino si conferma la Fiera del libro per ragazzi di Bologna e arriva Lucca Comics and Games, l’altro evento culturale dedicato all’immaginario cartaceo più amato e frequentato d’Italia.
Insomma, c’è già di che farsi venire l’acquolina in bocca.

:: Mi piace corto: rassegna letteraria dedicata al racconto, a cura dell’associazione culturale “Leggere fa male”

2 marzo 2018

zanna

:: ALIA Evo 3.0 al Mufant di Torino a cura di Elena Romanello

20 febbraio 2018

Alia Evo 3.0Domenica 18 febbraio si è svolta al Mufant, Museo del fantastico di Torino la presentazione dell’antologia di autori italiani ALIA Evo 3.0, tredicesimo di una serie che ha fatto scoprire il panorama complesso e affascinante del fantastico contemporaneo.
In questo nuovo volume, disponibile sia in formato cartaceo che digitale per Buckfast edizioni, ci sono diciannove autori e autrici che hanno collaborato e discusso insieme per avere un’antologia dove il fantastico è esaminato in tutte le sue sfumature, horror, weird, fantascienza, gotico, con più di quattrocento pagine tutte da divorare e scoprire.
Gli autori pubblicati in questo nuovo volume sono: Danilo Arona, Valeria Barbera, Vittorio Catani, Paolo S.Cavazza, Fabio Centamore, Massimo Citi, Maurizio Cometto, Alberto Costantini, Mario Giorgi, Consolata Lanza, Fabio Lastrucci, Massimiliano Malerba, Caterina Mortillaro, Luigi Musolino, Eugenio R.R. Saguatti, Massimo Soumaré, Silvia Treves, Francesco Troccoli, Davide Zampatori.
Le storie presenti nel libro sono quindi tra le più diverse, si va da Prima missione di Eugenio Saguatti dove bisogna salvare dei turisti molto speciali in un mondo futuro agli alieni di Sangue di famiglia di Davide Zampatori che mentre lottano contro la Terra approfondiscono amicizie e rapporti sociali, da Young Karla di Massimo Soumaré dove la protagonista trova una maestra degna per se stessa in mezzo ad atmosfere del fantastico orientale a Stat sua cuique dies di Francesco Troccoli dove una figlia deve insegnare al padre che non può essere Dio, da L’inverno alieno di Caterina Mortillaro dove si racconta della stagione più dura dell’anno in un altro mondo a Gli dei vegliano di Paolo Cavazza dove l’umanità continua a sbagliare, da Ritorno a casa di Massimo Citi per raccontare una colonizzazione dello spazio a Perseguitata di Valeria Barbera favola nera alla Tim Burton, da Il signore del giardino di Maurizio Cometto, storia di fantasmi nella Villa della Tesoriera a Torino all’ultra dark Il gioco della masca di Consolata Lanza.
L’occasione è stata anche utile per ribadire quanto fermento ci sia nel fantastico oggi, non solo in Italia, ma anche in Paesi e aree geografiche dove il fenomeno è diffusissimo come Giappone e Cina e altri dove sta crescendo a livello esponenziale come India, Paesi arabi e Africa.

14 Febbraio. Da un diario di polvere

10 febbraio 2018

:: La nostra 700° Follower

Racconti della Controra

fiore secco polaroid circle rebecca lena racconti controra.jpg

Finisce così, Papavero. Sempre che finisca davvero; in realtà credo sia solo una sospensione necessaria, un po’ come l’esistere qui sulla terra. Un punto di equilibrio nel disequilibrio. Ti ricorderò nella spuma che non si afferra e nel non dormire col naso attaccato al tuo, solo quando ti penserò a questo modo tornerò ad amare.

Ho un problema con la carne, forse lo sai, mi appaga solo temporaneamente e ne trovo così facilmente i difetti, e le brutture, e tutto ciò che si addice solo alle cose che devono marcire. Ecco cos’è. È il sentore della putrefazione che mi rende insopportabile il corpo umano. Lo so che siamo molto più del nostro involucro – e non parlo di anima, almeno credo – parlo di naturale tendenza verso la nostalgia, spontaneo proposito di viaggiare oltre la velocità della luce, ad esempio.

Si crede che l’amore appartenga ai primi cinque sensi. Ma…

View original post 199 altre parole

:: Al Mufant di Torino la seconda edizione di Torino Fantasy a cura di Elena Romanello

8 febbraio 2018

MufantDomenica 11 febbraio, dalle 16 alle 19, si terrà al Mufant, Museo del fantastico e della fantascienza di Torino in via Reiss Romoli 49 bis la seconda edizione di Torino Fantasy un viaggio tra leggenda, arte e cultura.
L’evento è organizzato all’interno della rassegna Eroi di carta, dedicata al rapporto tra fumetto e fantastico e curata da Silvia Casolari e Davide Monopoli, direttori artistici del Mufant ed è realizzata con il contributo della Città di Torino, sezione Patrimonio culturale, Divulgazione, Promozione del libro e della cultura.
L’argomento della giornata sarà appunto lo scoprire qual è il lato fantasy di Torino, in un convegno organizzato da Francesco Albano, presidente dell’associazione Archivio Sergio Albano, che aprirà l’avento raccontando il volto fantastico di Torino, attraverso il suo dedalo di edifici tra barocco e liberty, con decorazioni e sculture che presentano draghi, folletti, demoni e altre creature fantastiche.
A seguire l’antropologo Massimo Centini parlerà del suo saggio Torino magica, fantastica e misteriosa, dove ha raccolto sotto forma di enciclopedia varie voci sugli aspetti insoliti del capoluogo sabaudo, raccontati con il piglio scientifico.
Poi sarà la volta di Federico Ghirardi, autore della saga fantasy Brian di Boscoquieto, ambientata in una Val di Susa alternativa ed edita dalla torinese La Corte editore, che racconterà come scrivere fantastico sotto la Mole.
Infine il filologo Enrico Villois allargherà il discorso al fantasy nelle serie tv e nei videogames.
L’ingresso, comprensivo di visita al Museo dove tra le altre cose è in corso la mostra Lame rotante con tavole di artisti e fumettisti italiani per i quarant’anni di Goldrake nel nostro Paese, è intero di sette euro, ridotto per i possessori della Card Torino Musei a sei, quattro euro e cinquanta per i bambini.