Archive for the ‘Corsi Master Seminari Workshop’ Category

:: “Quando l’economia cambia la storia” 3 lezioni del professore Alessandro Barbero al Grattacielo Intesa Sanpaolo – Torino

5 novembre 2019

grattacieloDal 7 novembre, per tre giovedì, si terrà il ciclo di lezioni – conferenze del professore  Alessandro Barbero all’auditorium del Grattacielo di Intesa Sanpaolo di Torino, corso Inghilterra 3. “Quando l’economia cambia la storia” è il titolo del ciclo di incontri, a cura di Giulia Cogoli.

Giovedì 7 novembre, ore 18

Fra recessione e innovazione: la crisi del Trecento

Nel Trecento s’interrompe bruscamente il lungo ciclo della crescita medievale, che durava da secoli. Mutamenti climatici, nuove malattie, guerre interminabili provocano scompensi economici catastrofici e una drammatica riduzione della popolazione. E tuttavia il tenore di vita non si riduce, e la qualità della vita materiale continua a migliorare: perché la riduzione demografica agisce sui prezzi, i salari e la produzione, aprendo nuove possibilità di mercato a chi è capace di coglierle.

Giovedì 14 novembre, ore 18

Il denaro e le donne: Grazia Nasi, una finanziera del Cinquecento

Nel Cinquecento l’Europa cristiana offre il contrasto di un’economia straordinariamente prospera, fondata sul credito e il commercio, e una feroce intolleranza religiosa. A oriente, l’impero ottomano offre il quadro opposto di un’economia stagnante, ma di una relativa tolleranza. Fra questi due mondi si muovono i banchieri ebrei, protagonisti e vittime dell’epoca: e fra loro non solo uomini, ma anche donne, che gestiscono fortune colossali trattando con dogi e sultani.

Giovedì 21 novembre, ore 18

La bancarotta dello Stato: le cause della rivoluzione francese

Tutti ricordano che la rivoluzione francese è cominciata con la convocazione degli Stati Generali. Ma se il re di Francia, dopo aver esercitato per due secoli un potere assoluto, si trovò costretto a convocare un parlamento e chiedere il suo sostegno, è perché l’assolutismo, che voleva dire tasse e spese senza alcun controllo dal basso, aveva provocato il collasso finanziario della monarchia.

Gli incontri sono a ingresso gratuito previa prenotazione al sito

http://www.grattacielointesasanpaolo.com/news.

Allo stesso indirizzo sarà possibile seguire la diretta streaming.

Alessandro Barbero, storico e scrittore, è professore ordinario di Storia medievale presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale. È autore di numerosi saggi in particolare sulla storia medievale e militare. Nel 1995 ha pubblicato il suo primo romanzo storico, Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle gentiluomo (Mondadori, Premio Strega 1996). Nel 2001 ha vinto il Premio Isola d’Elba con L’ultimo rosa di Lautrec (Mondadori) e il Premio Cherasco Storia con Carlo Magno. Un padre dell’Europa (Laterza). È noto al pubblico oltre che per i suoi saggi e romanzi, per la sua straordinaria capacità divulgativa in particolare nella trasmissione Superquark nelle trasmissioni di RAI Storia a.C.d.C. e Il tempo e la storia. Collabora con La Stampa. È stato insignito nel 2005 del titolo Chevalier de l’ordre des Arts et des Lettres della Repubblica Francese. Tra i suoi libri: Piemonte medievale (con altri autori, 1985), Storia del Piemonte (2008) per Einaudi; Dietro le quinte della Storia. La vita quotidiana attraverso il tempo (con P. Angela, Rizzoli, 2013); Costantino il vincitore (Salerno, 2016); Il divano di Istanbul (2011), Federico il Grande (2017) per Sellerio Editore; Gli occhi di Venezia (2011), Le ateniesi (2015) per Mondadori; I prigionieri dei Savoia. La vera storia della congiura di Fenestrelle (2012); Medioevo. Storia di voci, racconto di immagini (con C. Frugoni, 1999), Lepanto. La battaglia dei tre imperi (2010), Donne, madonne, mercanti e cavalieri. Sei storie medievali (2013), Benedette guerre. Crociate e jihad (2009), Le parole del Papa. Da Gregorio VII a Francesco (2016), Caporetto (2017), Il ducato di Savoia (2018) per Laterza.

:: “Quo vadis Europa? Migranti, pace nel Mediterraneo e sovranità” Roma 19/12/2018- Convegno Odg-Lumsa dalla nostra inviata, Daniela Distefano

2 gennaio 2019

Convegno Lumsa (1)

Quo vadis Europa? Migranti, pace nel Mediterraneo e sovranità” è il titolo–manifesto di un corso di aggiornamento per giornalisti che si è tenuto – lo scorso 19 dicembre – presso l’ Aula Magna dell’Università LUMSA di Roma.

Hanno partecipato in questo quarto seminario, ultimo modulo:
Francesco Bonini (Rettore Università LUMSA)
Paola Spadari (Presidente dell’Ordine dei giornalisti del Lazio)
Liviu Petru Zapartan (Ambasciatore della Romania presso la Santa Sede e l’Ordine Sovrano di Malta; Jean Monnet Chair Babes Bolyai University of Cluj Napoca)
Lucio Battistotti (già Direttore della Rappresentanza in Italia della C.E.)
Sabika Shah Povia, (Associazione Carta di Roma)
Roberto Zaccaria, (Presidente del CIR – Consiglio italiano per i rifugiati).
Giovanni Ferri (Docente Economia Politica LUMSA)
Ezio Andreta (Coordinatore progetto Foresight del C.N.R.; già Presidente A.P.R.E.) Bruno Bugli (Presidente Accademia Europea) Francesco Tufarelli (Direttore Generale Presidenza del Consiglio dei Ministri) Massimiliano Mizzau Perczel (Giornalista) Antonella Canini (Direttore Dipartimento Biologia Università di Roma “Tor Vergata”) e molti altri esperti.

Argomenti della prima sessione sono stati:
“L’Euro non è solo moneta: Quo vadis Europa? Migranti, pace nel Mediterraneo e sovranità; Diritto di asilo tra promesse e realtà. L’Unione Europea e la governance condivisa dal FMI al G20 Idea d’Europa: Crisi o crescita della sovranità”.

Se le Università sono spazi di elaborazione critica, è giusto partire da questa premessa per trattare punto per punto le questioni più scottanti in tema di migranti e di quello che sta facendo l’Europa per il non ritorno alla barbarie. Oggi noi giornalisti disponiamo di molteplici Codici deontologici: la Carta di Roma valga come citazione per tutti. Obiettivo di queste carte è la tutela sia dei diritti dei migranti che dei giornalisti che ne riportano le vicissitudini a volte apocalittiche. Per l’Osservatorio di Pavia, siamo percorsi da un sistema di continuo allarme. Ovunque albergano parole di odio nei confronti dei migranti che arrivano con mezzi di fortuna nel nostro Paese. E’ indispensabile una corretta informazione: si tende, infatti, alla criminalizzazione del migrante. In un periodo non troppo remoto si ravvisava una certa accoglienza, adesso siamo passati dalla comprensione alla paura. Basta considerare il lessico adoperato. Il migrante è divenuto l’anticorpo da espellere per continuare a lustrare il cervello con la pacchia di una società che getta nella fogna anche l’ultimo barlume di pietà della nostra civiltà cattolico-cristiana. In questi ultimi mesi poi assistiamo pure ad un attacco in cui si è posta la questione dell’abolizione dell’Ordine dei giornalisti e l’autonomia dell’informazione. Bisogna difendere da questi assalti la nostra professione che conserva ancora una sua una funzione sociale a difesa dell’art. 21 della Costituzione. Di fronte a questo affievolimento umano, cosa fa l’Europa? L’Europa di pace, l’Europa non solo del Mercato Unico Europeo? Si palesa il bisogno di sviluppare il progetto europeo laddove le problematiche si sono fatte via via più complicate e stringenti:

– Brexit
– Populismo (illusione collettiva)
– Spazio, sicurezza, difesa comune
– Capire che possiamo camminare assieme nel processo di pace.

Per Roberto Zaccaria, la parola che oggi più circola nei canali dell’informazione è: “emergenza”. Siamo nel Paese delle urgenze che molestano i cittadini da decenni, salvo poi peggiorare di anno in anno.
Un male che affligge l’Italia? Il nostro è un Paese “vecchio”. In Italia nel 1860 c’era il 60% di giovani, oggi si ha il 28% di giovani, una situazione più preoccupante sarà nel 2050 col 17% di giovani. Non è dunque un problema culturale ma economico. Il migrante forse aiuta in questo senso a bilanciare questo gap demografico piuttosto che sovraccaricare l’Italia con le sue impellenze. Ma è importante sottolineare che occorrono luoghi di accoglienza “europei” non nazionali solamente. Il problema dei cosiddetti “sbarchi” è una questione europea non italiana. Tutto questo è andato a fondo di ogni previsione con un Governo che ignora persino quanto ha affermato la Corte di Cassazione ,cioè che il diritto d’asilo è attivato su un sistema a tre gambe: status di rifugiato, protezione sussidiaria, protezione umanitaria. Oggi il nostro Governo ha deciso di eliminare la protezione umanitaria. Questa norma è incostituzionale non solo perché scardina una legge ordinaria ma perché ignora persino una legge di attuazione comunitaria. Certo, in termini di solidarietà, anche L’Europa ha compiuto un passo indietro. La globalizzazione ha rovesciato gli equilibri di spazio e tempo. Ci vorrebbero corridoi umanitari, la difesa di sicurezza, un esercito europeo, e bisognerebbe anche affrontare le industrie smaterializzate. Il mondo cambia radicalmente . Negli Anni Venti dell’Ottocento, al tempo della rivoluzione industriale, avevamo un modello occidentale esportato dall’Europa che aveva i suoi imperi, le sue potenze militari e colonizzava il mondo intero. Dopo il Secondo dopoguerra l’Europa Occidentale si restringe, arrivano gli Stati Uniti, il Giappone e poi il resto dell’Asia. Un rovesciamento totale degli equilibri mondiali. L’Europa si è fatta man mano più piccina e il populismo è andato invece espandendosi. Si parla tanto di popolo ma di quale popolo parliamo?
Plebe? Populismo? Il popolo va inteso come i cittadini che hanno diritti e doveri nella Costituzione, tutti coloro che hanno diritto di voto. Su un territorio definito, coloro che devono rispettare la legislazione del territorio in cui vivono. Gestire una democrazia diretta sarebbe difficile. La minaccia incombente è l’avvento di un democrazia illiberale come quella che sta edificando Viktor Mihály Orbán, Primo ministro dell’Ungheria dal 2010. Assistiamo dunque ad una crisi della sovranità dell’Unione Europea. C’è una collegialità per decidere, c’è un bilancio comune, un’amministrazione, una corte di giustizia, ma mancano tantissimi elementi della vita dei cittadini. Le sfide sono molte: Un’Unione per l’ambiente, la sostenibilità, la protezione climatica, il riscaldamento globale, l’agricoltura, il consumo sostenibile.. Infine sono troppe le disuguaglianze che accrescono il nostro scetticismo e alimentano il risentimento per quanto non è stato ancora fatto, e quanto è stato fatto male. Un convegno-fiume che ha toccato i punti nevralgici del nostro presente frastagliato. Forse non sono state fornite cruciali risposte ai dilemmi sull’Unione Europea e i migranti, ma ha senza dubbio attivato una catena di quesiti, domande, nonché dubbi che solo il Tempo avrà l’accortezza di diradare.

:: Workshop di scrittura noir a Milano – docente: Lorenzo Mazzoni

6 aprile 2018

foto

Se siete interessati ai generi Noir Giallo, Poliziesco, Thriller, Horror, Pulp ed Hard Boiled, vi segnalo che il 21 e il 22 aprile a Milano si terrà un workshop dedicato. Docente, Lorenzo Mazzoni, scrittore e giornalista che da tempo si occupa anche di formazione, e di portare gli scrittori dove le storie nascono, in giro per il mondo.

Dalla letteratura classica a quella contemporanea, analisi del genere, la scuola tradizionale, l’avanguardia, l’attualità, i grandi maestri, i detective celebri, i casi classici, le strategie già applicate, quelle più abusate, quelle più attuali, le esigenze del mercato, i gusti del pubblico e i consigli dei maestri.

Da segnalare che gli elaborati giudicati migliori verranno proposti, da Lorenzo Mazzoni, al service editoriale ThinkABook per un’eventuale pubblicazione o per essere inseriti in un contest letterario.

Un’ occasione insomma per avvicinarsi al mondo editoriale della grande letteratura, dedicato a chi mi chiedeva come si fa a diventare scrittori. Ma ne riparleremo in seguito con una piccola iniziativa di Liberi.

Noi nel frattempo abbiamo fatto alcune domande al docente:

Come è nata l’idea, il progetto per questo corso? Hai ricevuto una significativa domanda di interesse proprio rivolta a questo genere, il noir?

L’idea è nata dalla mia passione come lettore, prima ancora che come scrittore, per il genere noir. Si tratta di un genere con mille sfaccettature, attraverso il quale si può scrivere di molte cose, dalle tragedie planetarie alla scoperta di se stessi e della propria condizione umana. Ho notato che durante i workshop e i corse di scrittura narrativa i corsisti sono sempre molto interessati al noir e che i lavori che mi vengono consegnati virano verso quei lidi.

Come strutturerai le lezioni? Sono solo due incontri, giusto, più teoria o pratica?

Le lezioni saranno intensive, due giorni, sì, ma le ore totali sono quelle dei corsi base di scrittura narrativa settimanali. Cercherò di dare degli spunti: una foto, dei nomi, degli oggetti (indizi insomma) e proverò a far partecipare i corsisti attraverso una pratica artigianale e non ispirativa: l’ispirazione è nemica della scrittura. Della buona scrittura.

Che libri consigli di leggere in occasione di questi incontri ai lettori scrittori che vi parteciperanno?

Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico“, per esempio… scherzo. Simenon, Greene, Khadra, Scerbanenco, Leonard (sia Elmore che Monk), Paco Ignacio Taibo II… ma credo che chi parteciperà avrà già una sua libreria di base. Sarà interessante confrontare gusti e stile dei partecipanti.

Dove: Scuola di Lingue di Corsi Corsari in Corso Buenos Aires, 52, Milano
Calendario: sabato 21 e domenica 22 aprile 2018 Orari: dalle ore 10.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 16.30
Ore totali: 10 h
Costo totale: 125,00 € comprensivo di tessera associativa (2018) all’Associazione Corsara; 120,00 € per i già tesserati
Prenotazioni: info@corsicorsari.it / 02/70108702

Se volete iscrivervi, (si può fare direttamente online) o chiedere maggiori informazioni, potete farlo a questo link: qui.

:: Come cambia l’informazione – I giornali on line: Tra normativa e prassi, le responsabilità del giornalista a cura di Daniela Distefano

23 novembre 2017

rotative

PALERMO – L’evento formativo che si è tenuto nell’Aula Magna del Tribunale di Palermo, lo scorso sedici novembre, ha visto la partecipazione sentita di due categorie professionali che stanno vivendo profondi e repentini cambiamenti nella loro quotidiana attività. Un po’ per la crisi economica, un po’ per l’evoluzione tecnologica, si avverte il bisogno di rinverdire i presupposti strategici sia dell’ordine dei giornalisti italiani, sia di quello degli avvocati. E a parlare per primo è stato l’avvocato Giuseppe Di Stefano il quale ha affermato:

Un evento come questo ci forma, siamo in contatto con i giornalisti per avere una visione comune della società”.

Da dove partire per arrivare al cuore delle problematiche di questo convegno?
Dalle leggi in Italia. Quante sono?
75.000 a livello statale; 150.000 in totale, comprendendo anche le leggi regionali.
In Francia, ci sono circa 7.000 leggi, in Germania anche meno.

Da noi, dunque leggi sconfinate, un numero senza limiti.
Riflettiamo su questo dato di fatto, poi possiamo procedere per affrontare gli altri aspetti sorprendenti che ci riguardano come cittadini dalle troppe norme che non sempre agiscono in difesa dei diritti.
A seguire, l’intervento dell’avvocato Nino Caleca per il quale se la comparsa di internet è un’evoluzione, ciò significa che entriamo in un mondo totalmente nuovo, e occorrono anche accorgimenti giuridici diversi; vale a dire adeguare le norme penali alle regole del web.
Operazione quasi impossibile. Ed emerge la dicotomia tra due ambiti, quello europeo e quello degli Stati Uniti. Esistono due blocchi.
Da una parte, l’Europa si prodiga per una libertà di espressione che tuteli e trovi un limite; dall’altra la visione U.S.A. molto più tollerante e morbida.
Cioè, per gli States non esisterebbero limiti alla manifestazione di pensiero.
Per esempio, per gli statunitensi non ci sarebbe bisogno di intervenire neanche di fronte alle c.d. Fake News.
Quale delle due soluzioni prevarrà alla fine? Chi avrà la meglio, Europa o Stati Uniti?

Due concetti vanno approfonditi per interpretare il problema:

1) Internet è un sistema di produzione di informazione decentralizzato: tutti sul web possono produrre informazione.
2)Per rendere utilizzabile questa massa di informazioni è essenziale il ruolo di chi ordina questi flussi di notizie (perché qualcuno c’è che lo fa) tramite algoritmi.

Ora, la rete è aperta a tutti, ma pochi sono i soggetti che mettono in ordine queste informazioni. Questo è quello che fa per esempio Google News, il motore di ricerca più affidabile.
In Italia, i giornali sono in crisi e la Rete per i giovani è la principale fonte di informazione.
Già, ma cos’è un “algoritmo”? Semplicemente un numero di operazioni con cui si risolvono alcuni problemi; un insieme di istruzioni: con l’algoritmo le macchine imparano da sole (“machine learning”: “l’apprendimento automatico rappresenta un insieme di metodi sviluppati negli ultimi decenni in varie comunità scientifiche con diversi nomi come statistica computazionale, riconoscimento di pattern, reti neurali artificiali, filtraggio adattivo, teoria dei sistemi …”).
Più dati leggo, più sono in grado di sapere ciò che il consumatore vuole.
Stessa concezione anche con il social dei social, Facebook.
E’ così che vengono calpestati i diritti alla riservatezza, e anche alla dignità umana.
Ma di questa violazione i provider rispondono?
Nella diffamazione attraverso internet, è possibile individuare da dove parte l’offesa, cioè dove si commette la prima azione. Poi il resto è tutto una catena.
La Polizia postale, responsabile di questa materia, tuttavia non compie quasi mai indagini.
E’ ancora un teatro in costruzione, la difesa da nuovi mezzi di diffamazione.
Come controllare allora il mondo dei social media di per sé non controllabile facilmente?
La chat è uno spazio in cui si consumano i reati potenziali.
Il resto del seminario è stato dedicato tutto alla trattazione del Testo Unico dei doveri del giornalista (2016-2017) che – come si legge nella premessa –

nasce dall’esigenza di armonizzare i precedenti documenti deontologici al fine di consentire una maggiore chiarezza di interpretazione e facilitare l’applicazione di tutte le norme, la cui inosservanza può determinare la responsabilità disciplinare dell’iscritto all’Ordine”.

Occorre prima di tutto una tempestiva rettifica di notizie, obbligo non solo per il giornalista, ma anche per l’editore di una testata.
Diritto all’oblio? Parliamone. Quale condotta deve tenere il giornalista in merito?
Fondamentale è il rispetto della identità della persona.
Riferimenti a fatti del passato devono essere effettuati solo se necessari. Occorre poi dare notizia del reinserimento del soggetto nella società; pure una valutazione attenta sull’opportunità di pubblicare una notizia.
Più andando a fondo con questo ragionamento, viene in superficie la questione del trattamento dei dati personali. La riservatezza, per esempio, per i dati che riguardano minori (Carta di Treviso), soggetti deboli, stranieri.
Importantissimo, oltre ai doveri di rettifica delle notizie, il rispetto delle fonti e del segreto professionale.
Siamo nell’ambito di una sfera spesso trasgredita.
Ultime tematiche sono: i doveri in termini di pubblicità e sondaggi, informazione sportiva, e uffici stampa.
Le conclusioni di questo percorso formativo sono volte a scacciare gli spettri del panico di fronte al dilagare di una informazione non garantita.
E’ vero, l’America ha un diverso concetto di libertà, e noi in Europa siamo più per la tutela, la garanzia.
Ma non serve l’eccessiva cautela, la rete non è il far west, anzi, a volte esprime una vigilanza impressionante. Provando a tirare le somme, siamo in una fase cruciale, di passaggio, sappiamo che quello che abbiamo davanti è ancora confuso, oscuro, incerto, ma non per questo dobbiamo privarci della speranza che possa in futuro servire l’ignoto per decodificare presente e passato.
Cliccate su google la parola “coraggio” e imparerete a volare.

:: Corso di letteratura femminile a Brescia – docente: Viviana Filippini

19 settembre 2017

centro san clementeIl Centro Linguistico e Culturale San Clemente, che ogni anno organizza oltre 250 corsi su misura per privati e aziende, quest’anno ha in programma un Corso di letteratura femminile, tenuto da una docente speciale, la nostra Viviana Filippini, giornalista e operatrice culturale che i nostri lettori conoscono ormai da anni, sempre distintasi per bravura e serietà. Il corso si terrà dal 10 ottobre 2017 al 28 novembre 2017,  a Brescia in Via Cremona 99. Il martedì dalle 18,30 alle 20. In tutto 12 ore per un costo contenuto di 185 €.

Il corso verterà sull’analisi della vita e delle opere di alcune delle scrittrici più significative della letteratura del Nocecento e non solo. Un libro a lezione.  Tra le scrittrici: Sibilla Aleramo, Iréne Nèmirovsky, le sorelle Bronte, Dacia Maraini, Laura Morante, Sof’ja Tolstaja, Matilde Serao, Selma Lagerlof.

Una serata di presentazione gratuita del corso sarà tenuta dalla docente Viviana Filippini in data 3 ottobre 2017 alle ore 18.30, sempre presso la sede di Via Cremona 99 a Brescia.

Ma noi, curiosi, ne abbiamo voluto sapere di più per cui abbiamo chiesto maggiori informazioni direttamente a Viviana. Ecco cosa ci ha detto:

Come è nata l’idea, il progetto per questo corso?

Il corso dedicato alla Letteratura al femminile è nato dall’amore per la lettura e dal fatto che spesso nel corso della Storia, certe attività erano ritenute esclusivamente  maschili. Era difficile nei secoli scorsi accettare il fatto che una donna potesse fare la pittrice, la scrittrice, il medico, la musicista, la regista e tanto altro. Con il passare dei secoli, molti ostacoli furono abbattuti, ma ancora nel XX secolo certe scrittrici incontrarono ancora difficoltà nel farsi accettare per quello che facevano. Nel corso delle lezioni cercherò di far conoscere e riscoprire alcune donne che fecero dello scrivere il mestiere di una vita. Alcune di loro saranno Sibilla Aleramo, Iréne Nèmirovsky, Dacia Maraini, Elsa Morante, Sof’ja Tolstaja, Selma Lagerlof, Toni Morrison, Ella Maillart o Annemarie Schwarzenbach. Alcune sono note, altre magari un po’ meno, ma molto attive nella scrittura. inoltre tengo a ricordare che tutto sarà possibile grazie alla collaborazione che c’è con il Centro Linguistico Culturale San Clemente di Brescia, dove il corso si svolgerà, e dove ho già avuto modo di tenere un corso dedicato alla città di Brescia, tra Storia e arte.

Come ti sei preparata per le lezioni?

Leggendo e scegliendo i libri delle autrici che saranno protagoniste delle lezioni, il tutto cercando di individuare elementi che legano, come un sottile filo, le autrici le une alle altre. Ogni serata sarà un incontro e un confronto tra autrici che hanno qualcosa in comune e no. Ho cercato donne scrittrici che possono essere messe in relazione tra loro perché, per esempio, si sono occupate di mettere nel libro il conflitto giovani adulti, o hanno preso in considerazione le condizioni dei neri d’America, oppure hanno convissuto con la malattia mentale, o hanno fatto del viaggio, della scrittura e della fotografia il principale strumento per documentare e raccontare la realtà. Temi che potrebbero sembrare lontani nel tempo ma, che in realtà sono ancora molto attuali.

Come è strutturato il corso e che materiale devono procurarsi gli allievi?

Il corso sarà caratterizzato da una lezione di presentazione gratuita che si terrà a Brescia, presso il Centro Linguistico Culturale San Clemente. In quell’incontro racconterò ai presenti la struttura del corso che partirà il 10 ottobre, per 8 martedì, fino al 28 novembre. In ogni lezione le protagoniste saranno due, a volte tre, autrici donne. Tengo a precisare che non sarà necessario aver letto i libri raccontati, anzi quelli saranno un po’ la sorpresa, perché l’intento del cammino in questi romanzi è quello di fare una sorta di storytelling dei alcuni romanzi per stuzzicare la curiosità dei partecipanti, spingendoli, spero, alla lettura del romanzo che presenterò alla lezione e degli altri che caratterizzano la produzione letteraria delle scrittrici. I partecipanti potranno prendere appunti se lo riterranno opportuno e poi, potranno proseguire la scoperta delle scrittrici e come donne che spesso hanno lottato per affermarsi come tali.

Se volete iscrivervi, (si può fare direttamente online) o chiedere maggiori informazioni, potete farlo a questo link: qui.