Archive for the ‘Fiere Festival Presentazioni’ Category

Estate al Parco del Fantastico del Mufant di Torino a cura di Elena Romanello

11 luglio 2020

locandina2-740x698

In vista del festival dedicato al fantastico visto in tutte le sue forme, libri in tema, Loving the alien, previsto dal 18 al 20 settembre, il Mufant, Museo del fantastico e della fantascienza di Torino in via Reiss Romoli 49 bis presenta un’Estate al Parco del fantastico, con incontri, presentazioni, passeggiate letterarie, momenti musicali, laboratori creativi con artisti per famiglie, performance artistiche, attività di giardinaggio e garden design partecipato.
Gli appuntamenti sono organizzati su tre aree tematiche: i Green Days, gli X Days, i Fantalab e Fantanight e prevedono varie giornate dedicate.
I Green Days parlano di ambiente, verde e riqualificazione urbana, con incontri con architetti del paesaggio, esperti di fantascienza ambientale, scrittori di letteratura fantastica, flash mob e laboratori, e si svolgeranno di sabato dalle 16 alle 19. Gli X Days sono dedicati all’identità di genere e all’inclusione sociale, in vista della mostra su Sailor Moon, icona GLBTQ, che verrà inaugurata durante Loving the alien, e vedranno in scena incontri con collezionisti e fumettisti esperti di manga, inaugurazione di nuove opere del Parco, performance artistiche, reading, incontri con esperti. Si svolgeranno per tre sabati, dalle 16 alle 19.
I Fantalab, di giovedì dalle 15 e 30 alle 19, sono rivolti alle famiglie, e partono dal Parco e dalle sue statue per reinterpretarle in maniera artistica con un laboratorio in tema: sono condotti dall’artista Stefano Fiorina, che ha già realizzato nel quartiere Torpignattara di Roma un progetto sull’eroe.
Le Fantanight, con come sotto titolo Trame di Clorofilla dal terzo millenio nel Parco del Fantastico vedranno lo spazio fuori dal Museo, ormai Parco urbano, animarsi per tre serate con voci, suoni e immagini, il tutto curato dal duo artistico Fannidada. In particolare ci saranno letture di brani di autori e autrici come  J.G. Ballard, Ursula K. Le Guin e P. K. Dick, videoproiezioni e musica, il 24 e 31 luglio e il 7 agosto, tre venerdì, dalle 21 alle 23.
Il programma completo, con anche le norme di sicurezza da seguire, è nel sito ufficiale del Mufant , con anche le norme di sicurezza da seguire. Tra i vari eventi, da segnalare sabato 11 luglio la presentazione del romanzo di fantascienza EVE di Giovanni Torchia, il 26 luglio incontro con Pupi Oggiano e Gabriele Farina su La paura trema contro e con Alessandro del Gaudio e il suo Metallo d’ombra, il 29 agosto inaugurazione della statua di Wonder Woman e il 5 e 12 settembre incontri su Sailor Moon e sull’identità di genere.
La manifestazione vuole proporsi ad un pubblico di prossimità ma anche come nuova attrattiva turistica per Torino ed è pensata per diventare un appuntamento costante, così come Loving the alien, per sancire la creazione di un nuovo polo culturale e artistico in periferia, legato a un mondo amato da più generazioni come l’immaginario fantastico.

Che futuro per le fiere del fumetto? a cura di Elena Romanello

29 giugno 2020

KODAK Digital Still Camera

Tra i tanti eventi che sono saltati a causa delle misure di contenimento del Coronavirus, ci sono le fiere del fumetto, una realtà di cui si parla poco ma che significano lavoro, cultura, promozione sociale: tra le vittime illustri si segnalano Napoli Comicon, rinviata due volte e poi cancellato, forse se ne parlerà a dicembre, Romics, rinviata all’anno prossimo, Riminicomix, con lo stesso destino, il Festival dell’Unicorno a Vinci, stesso problema, Torino Comics, che forse tornerà a fine anno, mentre resta in forse Lucca Comics & Games il week-end di Ognissanti, anche se alcune aperture verso i festival della Regione Toscana fanno ben sperare.
Del resto è un problema non solo italiano, in Francia è saltato il Japan Expo di Parigi, in Giappone il Comiketto, negli Stati Uniti il San Diego Comicon che si svolgerà on line a partire dal 22 luglio, un po’ come ha fatto il Salone del libro di Torino.
I festival del fumetto italiani si sono uniti per scrivere al governo e sollecitare misure urgenti per un settore in sofferenza e che non va assolutamente considerato di serie B. Hanno aderito all’appello festival di varia grandezza e importanza, come ARF! Festival (Roma), Be Comics! (Padova), B-Geek (Bari), BilBOlBul (Bologna), Cesena Comics & Stories, COMICON (Napoli), Etna Comics (Catania), Lanciano nel Fumetto, Le Strade del Paesaggio (Cosenza), Lucca Comics & Games, Lucca Collezionando, Mostra Mercato del Fumetto ANAFI (Reggio Emilia), Palermo Comic Convention, Pescara Comix & Games, Rapalloonia! Mostra Internazionale dei Cartoonists (Rapallo), Riminicomix, San Beach Comix (San Benedetto del Tronto), TCBF Treviso Comic Book Festival, Teramo Comix, Tiferno Comics (Città di Castello), Torino Comics, Varchi Comics (Montevarchi), Venezia Comics.
Nell’appello i festival hanno ricordato alcune cose importanti, innanzitutto l’impatto sul territorio e il loro essere un importante volano economico, con un indotto di oltre trecento milioni di euro, che rischia di essere perso del tutto. Ma il fumetto non è solo vil denaro, e i promotori della manifestazione hanno ricordato: Quando si parla di fumetto si parla di cultura e si parla anche di editoria, industria, imprenditoria, artigianalità, creatività, professionalità, filiera. I più importanti festival dedicati alla nona arte uniscono oggi le loro forze con l’obiettivo di far riconoscere il valore culturale dei fumetti e di tutto il mondo che vi gravita attorno, per promuovere il linguaggio fumettistico e stabilire un dialogo duraturo e proficuo con le istituzioni.
Il tutto senza contare l’occasione di incontro, importantissima in un momento in cui la solitudine può diventare un vero dramma, soprattutto per giovani e giovanissimi.  Ma è davvero tutto perduto?
Appunto, si attendono notizie per Lucca Comics, ma il 12 e 13 settembre prossimo è stata annunciata  Alecomics ad Alessandra, e lo stesso week-end dovrebbe svolgersi anche la fiera a Busto Arsizio rimandata da Milano. Da settembre dovrebbero ricominciare anche le fiere mercato del fumetto organizzate dalla Kolosseo di Bologna e il primo week-end di ottobre dovrebbe tornare Cartoomics alla fiera di Rho alle porte di Milano.
A questo punto non resta che incrociare le dita e aspettare di potersi ritrovare tra appassionati e professionisti in quelli che sono da vari anni ormai luoghi magici e indimenticabili.

Ritorna a Torino Il Libro ritrovato a cura di Elena Romanello

29 giugno 2020

pic-2

Sembra passato un secolo: il 2020 iniziava con la scomparsa, ogni prima domenica del mese, del tradizionale mercatino tematico Il Libro ritrovato in piazza Carlo Felice a Torino, scomparso vittima della burocrazia.
Ma durante i lunghi mesi del confinamento le cose non si sono fermate, anche perché sarebbe stato assurdo privare i torinesi e non solo loro di un evento prestigioso e amato, che attira appunto persone anche da fuori città, sia tra i visitatori che tra gli espositori, e che permette di trovare libri, fumetti, locandine, DVD, cd e molto altro a prezzi per tutte le tasche, proponendo materiale per tutti i gusti.
L’associazione culturale Casa Malta (https://www.casamalta.it), con già una lunga esperienza in eventi sul libro, sull’antiquariato e di promozione sociale, si è aggiudicata il bando per l’organizzazione della manifestazione, e da domenica 5 luglio piazza Carlo Felice e il tratto di via Roma adiacente tornerà ad animarsi di bancarelle colorate con mille proposte per gli amanti dei libri di ogni età.
Al Libro ritrovato possono partecipare ambulanti, commercianti in sede fissa, liberi professionisti attinenti al settore e hobbisti che trattino libri antichi e usati, stampe, fumetti, filatelia, numismatica, collezionismo e tutto ciò che concerne il mondo della carta. Un mondo fantastico che è bene ritrovare di nuovo, soprattutto dopo quello che è successo negli ultimi mesi.
L’appuntamento è quindi per domenica prossima, con ingresso libero e l’invito a seguire eventuali misure di sicurezza.

:: SalTo Extra Replay

27 maggio 2020

unnamedIl Salone del Libro di Torino che come tutti gli anni avrebbe dovuto tenersi in questi giorni di Maggio sappiamo tutti causa Covid, come molti altri eventi non si è potuto svolgere, ma si è ovviato con iniziative online che hanno attirato lo stesso moltissimi visitatori.

Si è conclusa infatti la prima edizione di SalTo Extra. L’adesione di autori, editori, librerie è stata grandissima: ospiti da tutto il mondo per più di 60 incontri.

Ve li siete persi? Niente paura c’è SalTo Extra Replay. Potete così rivedere tutti i contenuti di SalTo Extra sul sito, su YouTube, Facebook e Instagram.

Ecco il link per il SalToExtra Replay qui.

Il Salone del libro 2020 per ora è virtuale a cura di Elena Romanello

14 maggio 2020

3.Manifesto_MARA-CERRI_SalToEXTRAss

Giovedì 14 maggio avrebbe dovuto iniziare l’edizione 2020 del Salone Internazionale del Libro di Torino, ma per ovvi motivi tutto è rimandato quasi sicuramente a quest’autunno, insieme a Portici di carta.
L’organizzazione però vuole essere vicina a chi in questi anni ha animato questo importantissimo evento, e in attesa di ritrovarsi tutti dal vivo la kermesse si trasferisce sul web dal 14 al 17 maggio, con un ricco programma di eventi in live streaming e la partecipazione dei molti ospiti nazionali e internazionali.
Certo, non è facile, ma è comunque un segno importante, proprio mentre per fortuna hanno riaperto in tutta Italia librerie e fumetterie.
Gli eventi verranno raccontati in diretta sui canali social del Salone, Facebook, Instagram e Twitter, e ci sarà spazio per gli eventi anche su Rai Radio3 e sulla Rai.
L’edizione dei prossimi giorni è dedicata alle vittime del virus, ai loro parenti, al personale medico e paramedico che con abnegazione e professionalità sta salvando tante vite. Tutto non si esaurirà in questi giorni, perché la fase di avvicinamento all’edizione autunnale del Salone proseguirà con presentazioni editoriali, rubriche di approfondimento culturale e vari appuntamenti digitali sul mondo dei libri e della cultura.
Giovedì 14 maggio si parte alle 19 con una lectio magistralis di Alessandro Barbero in collegamento dalla Mole Antonelliana di Torino. Venerdì 15 e sabato 16 maggio ci saranno incontri in live streaming tra gli altri con Samantha Cristoforetti,  Amitav Ghosh, i ragazzi di Fridays For Future, Ahdaf Soueif, Katherine Rundell, Javier Cercas, Annie Ernaux, Vinicio Capossela, Dacia Maraini, Salman Rushdie, Maurizio de Giovanni, Linus, Jovanotti, Roberto Calasso, Tim Parks, Walter Siti, Donna Haraway, Paolo Rumiz.
Domenica 17 maggio, dalla torre di libri creata da François Confino e simbolo del Salone, maratona con Fabrizio Bosso, Mariangela Gualtieri, padre Enzo Bianchi, Zerocalcare, Paolo Giordano, Spiritual Trio, Massimo Gramellini, Carlo Rovelli, Alessandro Baricco, Arturo Brachetti, Roberto Saviano, Fabrizio Gifuni, Perturbazione, Eugenio in via Di Gioia.
Per ulteriori informazioni visitare il sito ufficiale della manifestazione.

:: BookCity Milano #BCM2020

5 marzo 2020
BookcityMilanoLa nona edizione di #BookCityMilano si terrà dall’11 al 15 novembre 2020. Cinque giornate in cui teatri, musei, scuole, università, palazzi storici, librerie, circoli e associazioni culturali, spazi pubblici ma anche case private e negozi testimonieranno il loro amore per il libro e la lettura ospitando incontri, dialoghi, spettacoli, mostre ed eventi.

Nell’Anno Internazionale della Salute delle Piante, tema di questa edizione sarà l’ambiente, con #TerraNostra, un focus che vuole affrontare una tematica urgente e importante, centrale per la città di Milano e non solo.

A #BCM2020 non mancheranno gli appuntamenti di BookCity comincia in libreria, i progetti per le scuole, gli incontri di BookCity per il sociale, BookCity in Università, quelli nelle sedi periferiche e le letture di BookCity nelle case, ai quali si affiancheranno come di consueto numerosi Poli Tematici.

Per eventi per cui si richiede l’ospitalità in una sede BookCity è stato fissato il termine del 31 maggio, mentre sarà possibile sottomettere progetti e proposte da ospitare in una propria sede dal 27 aprile all’11 settembre 2020.

Scoprite di più sul sito: https://bookcitymilano.it

Prime notizie del Salone del libro 2020 a cura di Elena Romanello

1 marzo 2020

salto20-manifestosmallL’emergenza coronavirus ha chiuso biblioteche, Musei, cinema e teatri, oltre che le scuole di ogni ordine e grado, e sta facendo posticipare o annullare vari eventi, come Cartoomics a Milano, rimandato a ottobre, Sottodiciotto film Festival rimandato in autunno, Play Festival a Modena e altri ancora, anche a livello internazionale, tra cui due delle più importanti convention sulla cultura otaku giapponesi a Tokyo e Osaka, cancellate.
Per questo motivo ci si sente rinfrancati da conoscere le prime anticipazioni sul Salone del libro di Torino 2020, in programma, si spera dal 14 al 18 maggio nei padiglioni del Lingotto, Oval compreso.
Il tema di quest’anno è Altre forme di vita, riferito sia agli animali, che ad un discorso ecologista ma anche legato al mondo del fantastico, come suggerisce il suggestivo manifesto realizzato da Mara Cerri, una delle più promettenti illustratrici della nuova leva creativa presente nel nostro Paese.
La Regione ospite d’onore quest’anno è la Campania, in onore dello sforzo fatto negli ultimi cinque anni dalla politica culturale regionale che ha tentato, in nome dell’inclusione, del rispetto della totalità della propria ricchezza artistica, del lavoro per i giovani, di fare della cultura il collante fondamentale e il volano insostituibile per la valorizzazione e la promozione del proprio territorio. Del resto, proprio in Campania è conservata uno dei più importanti archivi librari, e in Campania esiste la manifestazione Napoli Città del libro che avrà uno spazio anche al Lingotto.
I due Paesi ospiti sono Canada e Irlanda, con spazi loro dedicati, per scoprire due mondi culturali di ieri e di oggi ricchi di voci letterarie e di suggestioni.
Ci sono già i primi nomi ospiti: Annie Ernaux, Edna O’Brien, Gabrielle Filteau-Chiba, Thomas Piketty, Pat Metheny e Francesco Bianconi e tra gli eventi Off si segnala una mostra sui temi del Salone alle OGR.
Quindi è iniziato il conto alla rovescia, e quest’anno sarà ancora più fondamentale ritrovarsi tutti al Salone del libro, per la cultura e contro paura e ignoranza.

A Bologna torna Nerd Show a cura di Elena Romanello

5 febbraio 2020

Nerd-Show-Bologna-2020-logo

Sabato 8 e domenica 9 febbraio Bologna ospita nel suo quartiere fieristico la terza edizione di Nerd Show, ormai irrinunciabile appuntamento per la zona e non solo dedicato a fumetto, videogioco e cultura ad essi legato.
Gli appassionati potranno districarsi in quattro padiglioni di 34 mila metri quadrati, tra fumetti, gadget, cosplayer, cinema, giochi da tavolo e di ruolo, videogames anche d’epoca oltre che di realtà virtuale, con la possibilità anche di sperimentare e provare.
Molti gli ospiti, a cominciare dai cantanti di canzoni di cartoni animati Giorgio Vanni sabato e domenica Cristina D’Avena con i Gem Boy, e i doppiatori dell’evento Voice of Nerds coordinato dal doppiatore e nerd Fabrizio Mazzotta che vede in scena Mino Caprio (C3PO in Star Wars, Peter Griffin, Kermit la Rana), Leonardo Graziano (Sheldon in The Big Bang Theory, Naruto nell’omonima serie), Carlo Valli (voce ufficiale di Robin Williams, direttore di doppiaggio e voce di Rex in Toy Story), Pietro Ubaldi (Doraemon, Hector Barbossa ne I Pirati dei Caraibi, Patrick Stella di Spongebob), Ivo de Palma (voce di Pegasus ne I Cavalieri dello Zodiaco, Mirko di Kiss Me Licia), Davide Perino (Elijah Wood e quindi Frodo ne Il Signore degli Anelli), Elena Perino (Captain Marvel), Mirko Fabbreschi (voce al canto di Gumball, Telespalla Bob, Clarence), Maura Cenciarelli (tra le altre voci, Meg Griffin), Renato Novara (“Rubber” di One Piece e Ted Mosby in How I Met Your Mother), Emanuela Ionica (Vaiana in Oceania e Robin di Stranger Things).
Nerd Show vuol dire anche fumetti, innanzitutto, e ci saranno 120 disegnatori nazionali e internazionali, con nomi come quelli di David Mack, Otto Schmidt, Gerald Parel, Mirka Andolfo, Mattia Labadessa.  Sono previsti workshop, conferenze e incontri e saranno presenti gli stand di case editrici quali Panini Comics, Bonelli, Shockdom, Cosmo, Star Comics e varie realtà indipendenti.
Spazio quest’anno alla fantascienza, con un occhio di riguardo a quella cinematografica e televisiva, con cult come Star Trek, Star Wars, Doctor Who, Ghostbusters con stand dedicati, associazioni e cosplayer.
Tra i vari stand, spazio per i giochi da tavolo, per i negozi di gadget e per le fumetterie e librerie, con novità e pezzi da collezione, in modo da mettere insieme più generazioni e gusti.
Nerd Show è aperto sabato e domenica dalle 10 alle 19, per ulteriori informazioni visitare il sito ufficiale. 

A Novegro il Festival del Fumetto a cura di Elena Romanello

1 febbraio 2020

COPERTINA-HOME-FDF-FEBBRAIO-2020

Il 1 e 2 febbraio si inaugura il nuovo anno di fiere dedicate al fumetto e alla cultura nerd con l’atteso Festival del Fumetto, ospitato presso il Parco Esposizioni di Novegro, vicino a Milano, nella sua edizione invernale.
Il Festival si snoda su oltre 20mila metri quadri, proponendo tutte le sfumature di mondi e immaginari che uniscono più generazioni, tra personaggi di ieri e di oggi e vari modi di narrare storie, tra fumetti, libri, film, serie TV, videogiochi e altro ancora. All’interno del Festival si potranno acquistare libri e fumetti nuovi o d’occasione, gadgets, giocattoli, action figures, cards, abbigliamento, cibo, oltre che conoscere illustratori, autori e case editrici.
Tra le novità di questa edizione un’area videogames con la realtà virtuale, un villaggio dedicato ai cosplayer, una sezione sull’horror in tutte le sue forme, vari stage e lezioni di fumetti, una sezione tutta sul Giappone ed eventi sul k pop, la musica dalla Corea del Sud alla conquista del mondo.
Nello specifico i padiglioni saranno organizzati in questo modo: in quello A cibo occidentale e orientale, da mangiare sul posto dopo aver girato per un po’ ma anche da portare a casa, nel padiglione B l’area sui giochi e quella su manga, anime e cultura ad essi collegati, con possibilità di scoprire o riscoprire quanto Giappone c’è nei suoi fumetti e cartoni animati. Il padiglione C presenta gli stand espositivi di librerie, fumetterie, editori, autori, l’area videogames, lo spazio della Scuola di Fumetto di Milano e le purikura, le cabine dal Giappone per farsi al momento foto buffe o kawaii.
Il padiglione D è tutto per i cosplayer, con stand, palco, guardaroba, mentre il padiglione E ospita il raduno nazionale dei fan di Harry Potter, l’amatissima saga fantastica sia letteraria che cinematografica, che ha fatto scoprire ai giovanissimi il piacere della lettura, con stand, cosplayer, eventi, conferenze in tema Hogwards, tutto a cura di Giratempo.web e della Lipu, che porta in fiera vari gufi da incontrare e conoscere.
Per il programma completo visitare il sito ufficiale della manifestazione.

L’edizione 2020 dei Japan Days a Torino a cura di Elena Romanello

23 gennaio 2020

andrea-osella_6Tornano a Torino i Japan Days, l’ormai consueto appuntamento di gennaio dedicato a manga, anime e cultura giapponese organizzato dal club Amici di Go Nagai: il 25 e 26 gennaio saranno di scena in una nuova location, la Biblioteca Musicale Andrea della Corte nel parco della Tesoriera in corso Francia 186.
Quest’anno la manifestazione si snoda su tre importanti eventi ed anniversari: i quarant’anni dell’arrivo in Italia di Mazinga Z di Go Nagai, l’uscita prossima finalmente del film conclusivo della saga di Evangelion, dal titolo Shin Evangelion / Evangelion: 3.0+1.0 / Evangelion: Final e i trent’anni italiani dei Cavalieri dello Zodiaco, uno degli anime più importanti di inizio anni Novanta per il consolidamento di una cultura otaku.
In collaborazione con Voci animate sono ospiti tre doppiatori fondamentali legati a manga e anime: Valentina Mari, voce di Rei Ayanami di Evangelion e Sayaka Yumi negli episodi inediti di Mazinga Z, Fabrizio Mazzotta, direttore di doppiaggio tra gli altri anche di Evangelion e doppiatore di Krusty il clown dei Simpson, Mizar di Goldrake e Eros di Pollon, e Ivo de Palma, l’anima di Pegasus dei Cavalieri dello Zodiaco,  Toki di Ken il Guerriero e Akira Fudo negli OAV di Devilman.
Le associazioni di Animanga Italia presenteranno le loro attività negli spazi della Biblioteca: in particolare al piano terreno in sala 1 spazio alle prelibatezze giapponesi di Cibichibi Manga Food, in sala 2 Gundam con BIST e il club Giagun, in sala 3 quiz e intrattenimento per tutte le età con  l’Associazione culturale Tomomi e Moguwork, con tanti giochi, in sala 4 performance dei cosplayer del Saint Seiya Italian Cosplay. Sempre al piano terra trovano spazio Planet B Web Radio e Il Castello di sabbia.
Al primo piano ci sono le due anime della manifestazione: in sala 5 Amici di Go Nagai, che danno a chi si assocerà il catalogo della mostra  MAZIN GO e Eva Impact, con anche qui per chi si iscrive i libri IMPACT 00 Prototype e Blood Type: Blue Water – Nadia×Evangelion.
Le due associazioni propongono anche le due mostre di questa edizione: MAZIN-GO! a cura di Casale Comics e  Amici di Go Nagai, con 32 tavole di altrettanti artisti, illustratori e fumettisti italiani, su Mazinga Z, e Blood Type: Blue Water – Nadia×Evangelion Exhibit, tributo a Nadia – Il mistero della pietra azzurra e a Neon Genesis Evangelion, rispettivamente per i 30 anni e i 25 anni dalla prima messa in onda in Giappone, con 18 illustrazioni originali di autori e autrici italiani.
La Sala Autori ospiterà anche diversi di questi nomi coinvolti, come Enrico Simonato, Livia De Simone, Fabrizio De Fabritiis, Vittorio Pavesio, Andrea Osella, Le Diabolike Giulia Francesca Massaglia e Stefania Caretta.
I Japan Days sono aperti con ingresso gratuito sabato 25 e domenica 26 gennaio dalle 14 alle 18. Per ulteriori informazioni andare sul sito di Animanga Italia.

Torino perde “Il Libro ritrovato” a cura di Elena Romanello

11 gennaio 2020

DSCN2300

Da oltre vent’anni era ormai un appuntamento fisso e amatissimo da molti, non solo torinesi: la prima domenica di ogni mese, estate compresa, i portici di piazza Carlo Felice davanti alla stazione di Porta Nuova si animavano con oltre cento espositori, anche di fuori città, con libri d’occasione, remainders, volumi d’antiquariato, edizioni d’arte, locandine di film, romanzi di genere e per ragazzi, dvd, cd, fumetti.
“Il Libro ritrovato” era un punto d’incontro e di ritrovo, un modo per trovare piccoli e grandi tesori e vedere amici vecchi e nuovi, gestito dall’associazione Sulla Parola, che dopo l’insediamento a Torino della nuova giunta ha visto alzati gli oneri e le multe, oltre che i balzelli burocratici: a fine 2019 gli organizzatori hanno gettato la spugna, di fronte al disinteresse delle istituzioni, lasciando torinesi e non orfani di un’importante e bella iniziativa.
C’è chi dice che entro la primavera ci sarà un nuovo bando e dovrebbe farsi avanti una nuova associazione per rilevare l’evento, ma c’è da dire che difficilmente gli operatori commerciali che venivano a Torino possono permettersi mesi di stop e dato che altre città più lungimiranti organizzano mercatini e fiere in tema c’è il rischio che si orientino altrove.
C’è per contro chi sostiene che è stato l’ennesimo modo di portare avanti una politica di decrescita e di odio verso le iniziative che portano cultura, soldi, crescita e movimento, tra l’altro in un posto che anni fa, prima che arrivasse il Libro ritrovato, era in preda ad un profondo degrado. Del resto, la fine del Libro ritrovato arriva dopo che l’anno scorso Torino ha già perso lo storico mercatino Mercanti per un giorno e il gruppo di bancarelle di corso Siccardi, sfrattate e costrette a chiudere per far posto ad una futura pista ciclabile, al momento ci sono solo fango e sporcizia.
Comunque, domenica 5 gennaio è stato davvero triste arrivare in piazza Carlo Felice e non trovare più le belle bancarelle di libri, sostituite dai discussi e pericolosi monopattini, uno dei tanti totem di un’amministrazione discutibile.
Non è così che si gestisce e si porta avanti una Torino che vuole fregiarsi del titolo di Città del Libro.

L’edizione 2019 di Torino Xmas Comics a cura di Elena Romanello

10 dicembre 2019

xmas-comics

Sabato 14 e domenica 15 dicembre torna nel padiglione 3 del Lingotto fiere Torino Xmas Comics, l’edizione natalizia della fiera subalpina dedicata ai fumeti e alla cultura nerd, con anche tante idee regalo per Natale, giunta alla sesta edizione.
I visitatori troveranno una novantina di stand, con fumetti, manga, dvd, gadget, libri, oggetti da collezione, artigianato in tema e costumi per tutte le tasche, con in più attività e eventi inerenti un mondo che continua a piacere e a unire più generazioni.
Nell’area dedicata ai fumetti ci sarà spazio per case editrici, autori e disegnatori, e si segnalano i nomi di Mangasenpai, Lavieri, DZ edizioni, J-pop, Shockdom, Niente da dire, Eris. Hanno già detto gli autori  Dado Caporali, Bigio, il duo Fraffrog e RichardHTT, presenti allo stand Supergulp, Ivan Varano, autore di X2, Francesca Siviero, autrice di Dirtywaters, Pamela Dema, autrice di Tidal lock,  Daniele Rudoni, autore di King of balls, Claudio Sciarrone, celebre per aver disegnato molte storie della saga Disney Pikappa, Irene Buzzi, Roberto Gallaurese, l’attore e autore Valerio Angelucci, Fabio Tonetto, Lorenzo Mo’, Adam Tempesta, Eleonora Antonioni e Francesca Ruggiero.
DZ edizioni, che porta in fiera sia fumetti che libri presenta anche un’iniziativa benefica  a favore di Casa Giglio, associazione torinese che offre uno spazio di 800 metri quadrati dove sono ospitate gratuitamente undici famiglie – di cui dieci con difficoltà economiche e sociali – con bambini ricoverati all’Ospedale Infantile Regina Margherita e una famiglia in emergenza abitativa. Nei due giorni di fiera gli artisti della casa editrice creeranno dal vivo delle opere sul tema della famiglia, che saranno poi devolute in beneficenza a Casa Giglio.
Non mancheranno dunque i disegnatori e pittori, e sono in programma più di trenta workshop dedicati ad argomenti come l’acquerello, il digital painting, l’inchiostrazione dei manga, il vestiario dei personaggi e altro ancora.
Torna anche il movimento artistico GoArtFactory con una serie di iniziative volte a “portare l’arte tra la gente”, fuori dai luoghi convenzionali ad essa adibiti, con l’esposizione in fiera di 100 opere a tema realizzate da una quarantina di artisti e un’area in cui i pittori dipingeranno dal vivo durante i due giorni di evento, utilizzando acrilici, china, aerografo e diverse tecniche,
Ovviamente non possono mancare le competizioni cosplay: Xmas Comics ha stretto i una partnership con la manifestazione svizzera De-To/Destination Tokyo e la relativa gara internazionale Deto Cosplay Crown e durante la gara di domenica a partire dalle 14 saranno selezionati un singolo e una coppia che rappresenteranno l’Italia alle finali mondiali, in programma dal 22 al 25 ottobre 2020 in Svizzera nel Théâtre du Crochetan di Monthey. A giudicare i concorrenti il costume designer francese Naythero,  Carlo Visintini, alias Ormadigatto Cosplay, e la mitica Giorgia Vecchini, in arte Giorgia Cosplay.
Sul palco ci saranno anche nei due giorni il Karacosplay, karaoke in cosplay, il karaoke contest e uno spettacolo di K-pop domenica alle 11 e 15.
Ci saranno poi spazio per tornei di videogames, giochi di ruolo e giochi da tavolo, con due anteprime,  Goulo, un nuovo gioco di ruolo  ambientato in un ucronico Alto Medioevo e Sheol, un gioco da tavolo di genere american ambientato in un futuro non molto lontano da noi.
Spazio anche per film e serie TV cult, in attesa dell’ultimo per ora capitolo di Star Wars, con tra gli altri Jedi Generation, le Escape Room e il Doctor Who Italian Club, che proporrà una caccia al tesoro oltre che in vendita alcuni preziosi volumi in tema, anche in lingua inglese.
Xmas Comics & Games è aperta sabato 14 e domenica 15 dicembre al Lingotto fiere dalle 9 e 30 alle 19 e 30, intero dieci euro, ridotto sette anche per i cosplayer. Per ulteriori informazioni visitare il sito ufficiale.