Posts Tagged ‘Fazi’

Heidi, Francesco Muzzopappa, Fazi 2018 A cura di Viviana Filippini

8 settembre 2018

Heidi

Torna l’ironia che fa sorridere (di un riso amaro) e allo steso tempo riflette di Francesco Muzzopappa nel romanzo “Heidi”, pubblicato da Fazi editore. Protagonista della storia Chiara, un donna di 35 anni, milanese, dipendente della Videogramma, un’azienda che inventa contenuti per la tv. Chiara si occupa di provinare le centinaia di migliaia di persone che accorrono a fare provini per partecipare a programmi televisivi nella speranza di diventare famosi. La giovane lavora tanto;essere direttrice dei casting le porta via tempo e la carica di uno stress profondo, così opprimente da renderle difficile avere una vita dopo il lavoro. Tutto per Chiara si complica quando la casa di riposo dove si trova suo padre le rispedisce l’uomo, perché diventato ingestibile. Muzzopappa veste in modo simbolico i panni di una giovane donna single non solo per raccontarci il suo complicato e rocambolesco vissuto. Muzzopappa crea un’attenta riflessione su quella che è la nostra società contemporanea, ossessionata dai media e dalla bisogno (non si sa fino a quanto sano) di notorietà. Chiara dovrà rimboccarsi le maniche in una convivenza forzata con il babbo Massimo Lombroso, un vecchio critico letterario del «Corriere della Sera» malato di demenza selettiva che la chiama Heidi. Chiara vive con un lui che, a causa della malattia, non è più in grado di fare il padre, ma nemmeno di badare a se stesso. La patologia lo ha reso incapace di mettere in atto le cose più semplici, tanto è vero che per lui Chiara non è Chiara, ma Heidi, la protagonista dell’omonimo cartone animato con le caprette che fanno ciao. Thomas, il giovanotto assunto dalla protagonista per badare al padre, diventa Peter. A rendere ancora più complessa la vita di Chiara, lo Yeti, il nuovo capo dalla Videogramma pronto a licenziare i dipendenti e a “salvare” solo quelli che dimostreranno particolare inventiva nel creare format televisivi di successo. Lo Yeti è un uomo meschino, che non esiterà a mettere in atto loschi comportamenti, pur di ottenere quello che vuole (sesso in cambio del posto di lavoro) da chi si avvicina a lui, costringendo i dipendenti a scendere a compromessi. Questo, fino a quando qualcuno si stancherà del suo agire marcio e darà il via alla ribellione. Il mondo di Chiara presentato in “Heidi” – specchio dei nostri tempi- è una dimensione fatti di conflitti. C’è quello tra una figlia e un padre che non la riconosce più, c’è quello di una società dove, con la presenza massiccia dei media, conta più l’apparire che l’essere. C’è il contrasto sul fatto che importa più come ti poni per farti accettare dagli altri, che i valori in cui credi. E questo assecondare il prossimo per piacere, porta spesso l’individuo a perdere coscienza di sé, per diventare mera merce di intrattenimento. Con “Heidi”, Francesco Muzzopappa ci fa si sorridere però, allo stesso tempo, richiama noi lettori alla riflessione, mostrandoci il disadattamento della nostra società, tutta e troppo concentrata sul piacere effimero di un attimo di celebrità e sempre più smemorata verso  quei valori (amicizia, rispetto, lealtà. amore vero) che si dovrebbero recuperare e conservare come gemme preziose.

Francesco Muzzopappa ha vinto Premio Massimo Troisi 2017 con il romanzo Dente per dente, è uno tra i più conosciuti e apprezzati copywriter italiani. Per la categoria in cui eccelle, le pubblicità radiofoniche, ha vinto numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero. Sempre con Fazi Editore ha pubblicato nel 2013 Una posizione scomoda e nel 2014 Affari di famiglia. Tutti i libri sono stati tradotti in Francia dall’editore Autrement riscuotendo un grande successo di critica e di pubblico. Heidi è il suo quarto romanzo.

Source: libro inviato dall’ editore al recensore. Ringraziamo l’ufficio stampa della Fazi editore.

:: Il pittore fulminato di Cesar Aira (Fazi 2018)

25 maggio 2018

Il pittore fulminatoQuel paesaggio, colto voltandosi, risvegliava in Rugendas vecchi dubbi e gravi interrogativi. Si domandava se sarebbe stato capace di farsi carico della sua vita, di guadagnarsi il pane con il suo lavoro, vale a dire con la sua arte, se avrebbe potuto fare quello che facevano tutti… […] Nel frattempo, la sua giovinezza era quasi passata, e lui ancora non conosceva l’amore. Si era ostinato a vivere in un mondo incantato, in una fiaba, e non aveva imparato niente di pratico, ma almeno aveva imparato che il racconto si prolungava sempre, e che nuove prospettive, più capricciose e imprevedibili delle precedenti, attendevano l’eroe. La povertà e l’abbandono erano soltanto un episodio in più. Poteva anche finire a chiedere l’elemosina davanti al portale di una chiesa sudamericana, perché no? Nessun timore era esagerato, trattandosi di lui.

Il pittore fulminato (Un episodio en la vida del pintor viajero, 1993) di Cesar Aira è un romanzo breve (meno di 100 pagine) pubblicato nel 1993, e tradotto in Italia per Fazi da Raul Schenardi, che narra le vicende e le disavventure di un pittore tedesco, di nome Rugendas, nel suo pellegrinaggio per le allora inesplorate terre del Sudamerica (lo visitò a cavallo dell’ 800).
Più che un diario di viaggio, è un’ insolita trasposizione di un percorso artistico e umano che ci porta nel cuore stesso della creazione artistica. Dire che è bellissimo è piuttosto banale, ma veritiero, lo stile è classico, poetico, ricco di termini armoniosi, forse un po’ barocchi, ma ricchi di quel fascino che la letteratura sudamericana sa sprigionare tra il sogno e la meraviglia.
Cesar Aira, autore che non conoscevo e di cui mai avevo senti parlare, è uno scrittore e traduttore vivente, considerato uno dei più importanti scrittori latinoamericani contemporanei, ed ha un padrino di eccezione, Roberto Bolano, sua infatti è la acuta introduzione in cui definisce Aira uno dei tre o quattro migliori scrittori di lingua spagnola di oggi.
Seppur breve il romanzo racchiude una sua completezza e perfezione. E’ una gemma rara insomma, che consiglio non solo ai cultori dei racconti brevi, ma anche a coloro che si interrogano sui limiti che la vita ci pone davanti e su come superarli.
Rugendas un giorno a cavallo viene colpito da un fulmine. Non muore, ma riporta ferite invalidanti e dolorosissime. Da questo giorno la sua vita cambia, e se non fosse per l’amicizia del giovane e meno talentuoso Krause, che in un certo modo si dedica a lui aiutandolo e sostenendolo, la sua vita avrebbe potuto dirsi finita.
Ma la pittura resta il cardine del suo percorso se non spirituale certamente trascendente. Il dolore, la menomazione, la cecità, nulla possono contro la forza creativa che lo attraversa, con la stessa potenza distruttiva del fulmine.
Può anche forse definirsi una parabola morale, ma la bellezza di questo libro sta nella lieve alchimia tra sogno e realtà. Quando finalmente può assistere a un malon, la sua missione terrena può dirsi compiuta. E i limiti superati.

Le lingue delle fiamme sia alzavano dai falò e gettavano riflessi dorati sugli indios, illuminando un dettaglio qua e là, o spegnendolo con una folgorante spazzolata d’ombra, imprimendo vivacità a quelle espressioni assorte e un certo dinamismo a quello stupore ebete.

Cesar Aira, nato in Argentina nel 1949, è uno dei più importanti scrittori latinoamericani contemporanei. Autore di grande prestigio in patria e all’estero, ha ricevuto numerosi riconoscimenti ed è stato finalista al Man Booker International Prize.

Source: libro inviato dall’editore. Ringraziamo Cristina dell’ Ufficio Stampa Fazi.

:: Noce Oolong Tè Oolong e Il pittore fulminato di César Aira

3 aprile 2018

20180402_164939

Oggi della collezione di tè di PETER’S TeaHouse ho deciso di parlarvi di Noce Oolong Tè Oolong.

E’ un tè cinese, coltivato nella regione di Fujian, provincia della Cina situata a sud-est lungo la costa, piuttosto ricco e vivace. “Oolong” significa letteralmente “drago nero”. In questa miscela fruttata troverete croccante di Nocciola, pezzetti di cocco, ananas candito, pezzetti di noce, scaglie di mandorla e aromi naturali.

L’aroma prevalente è la nocciola. E’ un tè piuttosto dolce e chiaro. Finora vi ho parlato di tè neri, questo appartiene alla famiglia dei tè Oolong, meno forte e intenso ma altrettanto piacevole.

Valore nutrizionale 100ml: En. 6 kJ/ 2kcal, grassi <0,5 g (saturi <0,1g), carb. <0,5g (zuccheri <0,5g), prot. <0,5g, sale <0,01g.

tè oolong

Costa 6,10 Euro all’etto. Se volete provarlo lo trovate a questo link. Dei pregiati tè Oolong è forse il meno caro, esitono qualità dai 20 Euro all’etto.

Per una preparazione ottimale

vi rimando agli articoli precedenti qui:

Consigliati:

Un cucchiaio di tè per persona.
Temperatura dell’acqua di 95 °.
Tempo di infusione da 1 ai 3 minuti.

Consiglio goloso

Consiglio di accompagnare Noce Oolong Tè Oolong con una fetta di plumcake alla zucca, poco zuccherato. Io ho seguito questa ricetta. Dimezzando le quantità di zucchero.

E ora veniamo al mio consiglio di lettura

Consiglio di sorseggiare Noce Oolong Tè Oolong leggendo Il pittore fulminato di César Aira, con introduzione di Roberto Bolaño, edito da Fazi Editore. Libro ricco e sontuoso, dalla scrittura preziosa.

Source libro: libro inviato dall’editore, si ringrazia Cristina dell’ Ufficio Stampa Fazi.

Source tè: campione omaggio gentilmente inviato da PETER’S TeaHouse, ringraziamo Mattia dell’ ufficio marketing.

:: La foresta assassina di Sara Blædel (Fazi 2018) a cura di Micol Borzatta

20 marzo 2018
La foresta assassina

Clicca sulla cover per l’acquisto

Per Sune è una notte molto importante. Infatti ha appena compiuto quindici anni e quella sera affronterà il suo rito di passaggio per lasciare la sua fase di bambino ed entrare nel mondo degli adulti.
Sapendo che a Sune piacciono molto i libri e poco la vita sociale, gli uomini del gruppo gli fanno come regalo una ragazza, ma a Sune non interessa fare l’amore con quella donna davanti a tutti, così scappa e si nasconde, e dal suo nascondiglio vede suo padre e tutti gli altri violentare a turno la giovane fino a lasciarla priva di vita.
Da quel momento Sune, spaventato e terrorizzato, decide di rimanere nascosto nella foresta e di non tornare a casa, per paura di cosa potrebbe fargli il padre.
Qualche giorno dopo, mentre la polizia sta cercando Sune, di cui è stata denunciata la scomparsa, viene avvistato da una donna e da alcune telecamere a movimento messe per monitorare i volpacchiotti.
Del caso viene incaricata Louise Rick, che ha appena ripreso servizio dopo una terribile vicenda accaduta mentre indagava su un altro caso.
Louise, nata e cresciuta a Hvalso, conosce perfettamente sia il villaggio, la foresta e la gente del posto, gente che scopre essere molto probabilmente collegata alla morte del suo fidanzato, dichiarato suicidio ma di cui ora si pensa si sia trattato omicidio.
Romanzo molto intrigante che fin dalle sue prime pagine sa tenere il lettore legato alla lettura catturandone l’attenzione grazie a una narrazione molto ben congeniata, come una ragnatela di eventi che ti si stringe addosso e da cui non riesci a liberarti se non a fine romanzo.
Dal primo romanzo dell’autrice, Le bambine dimenticate, possiamo notare una crescita della protagonista molto ben delineata, che ci permette di ritrovare un’amica che abbiamo salutato con la fine dell’altro romanzo, ma con tratti molto più adulti e maturi.
Mi è piaciuta molto anche la scelta di Sara Blædel di raccontare alcuni accenni del primo romanzo, in modo da dare continuità alla storia, in questo modo chi ha letto il primo romanzo si trova con un piccolo riepilogo che risveglia i ricordi del romanzo, mentre chi non lo ha letto ha un’infarinatura di cosa sia successo per cui Louise si ritrova con determinati pensieri e a fare determinate scelte, e la voglia di recuperarlo.
Un romanzo davvero incredibile in cui l’autrice è riuscita a correggere anche quei piccoli errori di narrazione che si erano riscontrati nel primo romanzo.

Sara Blædel nasce nel 1964.
È l’autrice numero uno in Danimarca con i best seller riguardanti la serie con Louise Rick.
Tradotta in trentasei paesi ha anche ricevuto il Golden Laurel, il più prestigioso premio danese per la letteratura.

Source: pdf inviato dall’editore al recensore. Ringraziamo Cristina dell’ ufficio stampa Fazi.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard (Fazi 2015) a cura di Michela Bortoletto

28 febbraio 2018
anni-leggerezza_cazalet

Clicca sulla cover per l’acquisto

Inghilterra 1937, la famiglia Cazalet si appresta a passare l’estate nella dimora di campagna. A prima vista sembra trattarsi di una famiglia come tante: il capofamiglia, chiamato Generale, la moglie detta la Duchessa, i tre figli maschi con mogli e progenie al seguito e la figlia nubile. Una famiglia borghese, numerosa e affiatata. Ma fin dalle prime pagine di questa saga familiare si intuisce che non è tutto oro quello che luccica.
Riga dopo riga Elizabeth Jane Howard ci introduce nella famiglia Cazalet, una famiglia tutt’altro che ordinaria, e ci presenta tutti i suoi protagonisti.
Si parte così alla scoperta del Generale e della Duchessa, una coppia d’altri tempi, l’incarnazione della rigida morale vittoriana: tutto avviene secondo rituali ben precisi come la colazione servita a letto dalle domestiche e le cene rigorosamente in abito da sera.
Segue la famiglia del loro primogenito Hugh, sposato con Sybil e padre di tre figli: Polly, Simon e Willy. Hugh e Sybil, una coppia perfetta. Non fosse che lui porti addosso i segni e le cicatrici fisiche e non della Grande Guerra e che l’uno non abbia consapevolezza dei desideri dell’altra e viceversa.
Poi ci sono Edward e Villy con Luoise, Teddy e Lydia. Lui, affascinante e donnaiolo, lei un’ex ballerina annoiata dalla vita.
L’ultimogenito è Rupert, vedovo e pittore mancato. Dalla prima moglie ha avuto due figli, Clary e Neville, costato la vita alla madre. Rupert si è risposato con la giovane e bellissima Zoe che però fatica ad adattarsi al ruolo di madre.
Infine c’è Rachel, unica figlia femmina. Figlia devota, sembra non essersi mai spostata per dedicare tutta la sua vita alla cura dei genitori. Ma il motivo in realtà è un altro e lo si scoprirà presto.
Intorno agli adulti ci sono i nipoti del Generale e della Duchessa, ognuno con un proprio preciso tratto distintivo, ognuno con aspirazioni e caratteri diversi, ognuno con i proprio problemi.
Nelle pagine di questo primo capitolo della saga la Howard ci traccia i ritratti dei membri della famiglia Cazalet raccontandoci le loro azioni e le loro vicissitudini. A poco a poco si viene introdotti in famiglia e si comincia a conoscere ogni singolo protagonista attraverso punti di vista diversi. Ognuno di loro viene messo a nudo e piccoli e grandi problemi ci introducono in questa ingarbugliata famiglia.
Ma non solo. Quello dei Cazalet, infatti, non è un mondo chiuso in se stesso ed estraneo a tutto. Intorno a loro c’è il mondo reale, quello di un’Europa sull’orlo di una nuova guerra. E la Storia è anch’essa protagonista della saga e le vicende dei Cazalet si intrecciano con essa.
Quelli raccontati dalla Howard in questo primo libro sono gli anni antecedenti la Seconda Guerra Mondiale. Sono gli anni in cui ancora si spera che il conflitto si possa evitare. Gli anni in cui però comincia a farsi strada una nuova consapevolezza in ogni singolo membro della famiglia dei Cazalet. Sono gli ultimi anni della leggerezza.

Elizabeth Jane Howard  (Londra, 1923 – Bungay, 2014). Figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina del balletto russo, ebbe un’infanzia infelice a causa della depressione della madre e delle molestie subite da parte del padre. Donna bellissima e inquieta, ha vissuto al centro della vita culturale londinese della seconda metà del Novecento e ha avuto una vita privata burrascosa, costellata di una schiera di amanti e mariti, fra i quali lo scrittore Kingsley Amis. Da sempre amata dal pubblico, solo di recente Howard ha ricevuto il plauso della critica. Scrittrice prolifica, è autrice di quindici romanzi. La saga dei Cazalet è la sua opera di maggior successo. Fazi Editore ha pubblicato il romanzo Il lungo sguardo e i primi quattro capitoli della saga: Gli anni della leggerezza, Il tempo dell’attesa, Confusione e Allontanarsi.

Source: acquisto del recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: 120, rue de la Gare di Leo Malet (Fazi 2018) a cura di Marcello Caccialanza

15 febbraio 2018
Leo Malet

Clicca sulla cover per l’acquisto

Leo Malet è da considerarsi autore ecclettico e geniale, vero ed incontrastato Maestro del Noir d’Oltralpe e la sua ultima fatica letteraria dal titolo “120, rue de la Gare” rappresenta per i molti suoi fedeli estimatori una vera e propria chicca.
Ci troviamo catapultati nelle nebulose atmosfere della Seconda Guerra Mondiale ed il protagonista di questa avvicente storia, Nestor Burma, rientrato dalla prigionia, incontra casualmente il socio con cui anni addietro aveva gestito un’agenzia di investigazioni.
Mentre Nestor sta per salutarlo, il suo ex socio crolla improvvisamente a terra, colpito a tradimento da un colpo esploso da un’arma da fuoco. L’uomo resta annichilito, come ipnotizzato dall’assurdo incantesimo di un perfido mago e nel frattempo l’amico spira, sussurrando un indirizzo: 120, rue de la Gare. Da qui partiranno le indagini di Nestor Burma.
Un libro ben scritto e strutturato; ambientazione e trama camminano a braccetto, creando un pathos sempre più avvolgente man mano che ci si addentra nella lettura. Romanzo che si legge tutto d’un fiato e che è in grado di coinvolgerti a pieno. Non solo per gli amanti del genere.

Léo Malet, l’anarchico conservatore, come amava definirsi, è uno dei padri del romanzo noir francese. Nato al numero cinque di Rue du Bassin, a Montpellier, figlio di una sarta e di un impiegato, rimane prestissimo orfano. Quando Léo ha due anni muoiono prima il padre e il fratellino e, a distanza di un anno, la madre. Tutti e tre di tubercolosi. Così, è il nonno bottaio e grande lettore che si prende cura del nipote e lo inizia, in modo non certo canonico, alla letteratura. A sedici anni Léo Malet si trasferisce a Parigi in cerca di fortuna. Determinante è l’incontro con André Colomer, disertore e pacifista: Colomer gli dà una famiglia e soprattutto lo introduce in ambienti anarchici. In questo periodo Malet collabora anche a vari giornali e riviste (En dehors, Journal de l’Homme aux Sandales, Revue Anarchiste). A Parigi abita in molti posti, anche sotto il ponte Sully, vive alla giornata, fa l’impiegato, il manovale, il vagabondo, il gestore di un negozio d’abbigliamento, il magazziniere, il giornalista, la comparsa cinematografica, lo strillone, il telefonista. Nel 1931 l’incontro con André Breton gli dà accesso al mondo delle case editrici e degli scrittori; Malet entra a far parte del Gruppo dei Surrealisti. Per qualche tempo il suo vicino di casa è Prévert, uno dei suoi migliori amici Aragon. Si sposa con Paulette Doucet e insieme fondano il Cabaret du Poète Pendu. Dopo una dura esperienza in un campo di concentramento nazista, nel 1941 inizia a scrivere polizieschi firmandosi con svariati pseudonimi: Frank Harding, Leo Latimer, Louis Refreger, Omer Refreger, Lionel Doucet, Jean de Selneuves, John Silver Lee. Con lo pseudonimo di Frank Harding crea il personaggio del reporter Johnny Métal, protagonista di una decina di romanzi gialli. Nel 1943 pubblica 120 Rue de la Gare con cui esordisce la sua creazione narrativa più celebre, l’investigatore privato Nestor Burma. Burma sarà protagonista di una trentina di avventure, inclusa una “serie nella serie” intitolata I nuovi misteri di Parigi, che comprende quindici racconti, ognuno dei quali dedicato a un diverso “arrondissment” di Parigi. Con Nestor Burma, Malet da un lato riscuote i primi consensi di pubblico, anche attraverso successive trasposizioni cinematografiche, una serie televisiva (1991-1995) di 85 episodi e l’adattamento a fumetti. Ma d’altro canto si allontana dal movimento anarchico: nel 1949 il gruppo dei Surrealisti lo espelle con l’accusa di essere diventato “seguace di una pedagogia poliziesca”. In realtà Malet è uno scrittore dai mille volti: accanto al poliziesco, si cimenta nei romanzi di cappa e spada e, soprattutto, nel noir. La critica gli concede proprio in questo filone i maggiori riconoscimenti: la Trilogie noir, di cui fanno parte Nodo alle budella, La vita è uno schifo e Il sole non è per noi, viene considerato il suo capolavoro. Malet muore nel 1996. Chi vuole andare a visitare la sua tomba, la trova al cimitero di Chatillon-sous-Bagneux.

Source: libro del recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: Confusione, Elizabeth Jane Howard (Fazi, 2016), a cura di Irma Loredana Galgano

27 ottobre 2016
co

Clicca sulla cover per l’acquisto

Da settembre anche in Italia il terzo volume della Saga dei Cazalet di Elizabeth Jane Howard. Confusione (Fazi, 2016) viene presentato ai lettori italiani nella versione, tradotta dall’originale in inglese, da Manuela Francescon.
Continuano le vicende dei componenti la famiglia Cazalet che affrontano, giorno dopo giorno, la vita con le sue mille sfaccettature. Grandi protagoniste sono delle donne, di questo come dei precedenti episodi. Donne in contrasto con la vecchia morale vittoriana e desiderose di affacciarsi all’era moderna, con i suoi nuovi costumi, la libertà e la voglia di crescere, non solo anagraficamente parlando. Su tutti incombe il pericolo reale e tangibile della guerra e all’unisono sognano la sua fine.

«Il momento in cui sarebbe iniziata una vita nuova, le famiglie si sarebbero ricongiunte, la democrazia avrebbe prevalso e le ingiustizie sociali sarebbero state sanate in blocco.»

 Il testo racconta di grandi cambiamenti, interiori ed esteriori e, rispetto ai titoli precedenti, si caratterizza e al contempo genera nel lettore una profonda confusione. Appare fin da subito evidente si tratta di un libro di passaggio, quasi un ponte che lega insieme i primi dagli ultimi due titoli della Saga. Il linguaggio è quello tipico della Howard. Una scrittura lenta ma incisiva, chiara ma profonda. Uno stile fluente reso ancor più attraente dal ritmo incalzante. Una lettura che è come un salto all’indietro nel tempo. Ci si ritrova più volte a pensare a quanto, in realtà, lo scritto della Howard somigli ai grandi capolavori di quegli scrittori che hanno fatto la storia della Letteratura. Tolstoj, Dostoevskij, Verga, De Roberto, le sorelle Bronte… per citarne alcuni.
Una scrittura che è anche un’arte nella sua capacità di trasformare, al pari di quanto facevano con colori e pennello Caravaggio e i Carracci, anche il più umile aspetto della vita in un’opera d’arte. Elizabeth Jane Howard è riuscita con la sua scrittura a rendere straordinaria la vita assolutamente ordinaria dei suoi personaggi e le loro altrimenti comunissime storie.

«Poi le venne in mente che forse non voler pensare a una cosa era brutto quanto non volerne parlare, e lei di certo non voleva seguire le orme della sua ipocrita famiglia che, così le pareva, stava facendo di tutto per continuare a vivere come se niente fosse successo.»

Elizabeth Jane Howard: Scrittrice britannica. Figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina di balletto russo. Ebbe un’infanzia infelice a causa della depressione della madre e delle molestie del padre. Da sempre amata dal pubblico, solo di recente ha ricevuto il plauso della critica. La Saga dei Cazalet è la sua opera di maggior successo.

Provenienza: pdf inviato dall’editore al recensore, si ringrazia Cristina dell’ufficio stampa Fazi.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: La famiglia Fang, di Kevin Wilson, (Fazi editore, 2016) a cura di Viviana Filippini

22 ottobre 2016
famiglia

Clicca sulla cover per l’acquisto

«È solo una bambina», rispose Camille.
«È un’artista, proprio come noi; solo che non lo sa ancora».
«È una bambina, Caleb».
«È una Fang» rispose lui. «Questo viene prima di qualunque altra cosa».

Chi sono davvero i Fang? Una famiglia strampalata o degli abili performer che hanno fatto dell’arte la loro linfa vitale?  Lo racconta lo scrittore americano Kevin Wilson, in La famiglia Fang, edito da Fazi.  Caleb e Camilla, sono marito e moglie e si guadagnano da vivere facendo performance artistiche coinvolgendo i due figli Annie e Buster, da loro chiamati semplicemente A e B. I ragazzini, loro malgrado, diventano parte integrante di scenette, più o meno comiche o drammatiche, nelle quali vengono ribaltati in modo completo i cardini della normalità. Il tutto ha il fine di stupire e scuotere le persone comuni e la loro quotidianità. Per capire l’irriverenza e la volontà di mettere in crisi le regole da parte di Caleb e Camille, basta leggere il primo episodio (Delitto e Castigo 1985), per scoprire come un centro commerciale e un negozio di dolci colmo di colorate caramelle possano diventare per i Fang una forma d’arte irriverente. La narrazione è costruita con repentini salti temporali tra presente e passato, utili al lettore per ricostruire le esistenze di tutti e quattro i componenti di questa istrionica famiglia che vive di arte e per l’arte. Crescendo Annie comincia a capire che il mondo del cinema e fare l’attrice sono la sua vera aspirazione, mentre Buster, giornalista un po’ imbranato, si rende conto che scrivere e insegnare agli altri a farlo, è un’attività che gli dà soddisfazione. Proprio quando i due ragazzi sembrano avere compreso ciò che vogliono dalla e nella vita, i loro genitori spariscono. Per i figli, quel lasso di tempo troppo ampio del silenzio della madre e del padre è una tremenda preoccupazione, tanto che ad un certo punto A e B, credono che i genitori siano morti. Poi, però, esasperati dal modo in cui i mamma e papà li hanno cresciuti e “usati” per i loro teatrini artistici, i due fratelli cominciano a sospettare che, forse, Caleb e Camille hanno davvero inventato l’ennesima messa in scena. Con la Famiglia Fang, Wilson realizza un romanzo familiare e, allo stesso tempo, psicologico, dove si analizza il complicato rapporto tra genitori e figli. La cosa interessante che si riscontra durante la lettura del libro di Wilson è che Annie (A) e Buster (B) quando diventano adulti decidono di seguire quello che più preferiscono per avere una vita stabile e con quelle certezze esistenziali che non hanno mai avuto. I loro genitori interpretano tale gesto come una sorta di affronto e di rifiuto della loro esistenza incentrata sull’arte e sulle performance. Per tale ragione decidono di compiere un gesto dimostrativo nei confronti dei figli. Caleb e Camille, da questo punto di vista dimostrano un’immaturità egoistica nei confronti di Annie e Buster, perché non accettano che i figli vogliano vivere in modo diverso da come hanno sempre fatto. Kevin Wilson ne La Famiglia Fang, non si limita ad indagare le vite dei quattro personaggi o i conflitti generazionali, l’autore americano analizza quanto a volte il confine tra vita vera e arte sia labile a tal punto da impedire a chi vive tra arte e realtà (Caleb e Camille) di  individuare la linea di demarcazione che separa nettamente la dimensione famigliare da quella artistica. Traduzione Silvia Castoldi.

Kevin Wilson è nato e cresciuto nel Tennesse. Ha esordito nel 2009 con la raccolta di racconti Tunneling to the Center of the Earth, tra i migliori dieci libri dell’anno, mentre l’uscita del suo primo romanzo, La famiglia Fang, è stata accolta come un evento letterario da tutta la critica americana. Nicole Kidman ne ha opzionato i diritti cinematografici.

Source: libro inviato al recensore dall’ editore, ringraziamo l’ Ufficio stampa Fazi.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: Un’ intervista con Anna Luisa Pignatelli, autrice di Ruggine, a cura di Viviana Filippini

1 giugno 2016

ruggine

V:Benvenuta ad Anna Luisa Pignatelli autrice di Ruggine, edito da Fazi, ci racconta un po’ di lei e di come è nata la passione per la scrittura?  

A:Sono nata in Toscana, ho studiato a Siena e poi a Firenze Scienze Politiche, ho lavorato a Roma e vissuto molti anni fuori Italia. Ho un legame forte con la terra e la natura, forse perché mi sono occupata per molto tempo, se pure a distanza, di alcuni campi e di un bosco in Toscana.
La passione per la scrittura è nata da quella per la letteratura e la storia e dalla curiosità che sento per le persone e i loro segreti.

V:Cosa o chi le ha ispirato la storia di Gina/Ruggine?

A:In un borgo toscano mi era giunta la storia di una vecchia che aveva avuto una relazione insana con il figlio. Ma ciò che mi ha spinto a scrivere Ruggine è stata la voglia di parlare di una donna anziana, senza soldi, malandata, una che impersonifica l’essenza della marginalità e della solitudine.

V:Ferro è un gatto nero che fa da compagnia a Gina, chiamata da tutti Strega, questo mi ha ricordato il valore simbolico che nel passato veniva assegnato ai gatti (nei dipinti per esempio è segno del demonio). Nel suo romanzo che valore ha Ferro?

A:Ferro ha un valore positivo e , come ha rilevato Ida Bozzi nella sua recensione su La Lettura del Corriere della Sera, è un’estensione di Gina, le dà un nesso con la realtà: esce di casa e raggiunge svelto luoghi dove lei non può più andare, ha esperienze che lei non ha mai avuto, (amorazzi, avventure notturne e risse coi compagni ) la incuriosisce, la stupisce, e le dà la forza di vivere.

V:Gina è sola, è una donna anziana vedova, con una vita problematica, con un figlio che non la tratta molto bene. Perché i suoi compaesani al posto di aiutarla, provano verso di lei astio e odio?

A:Perché non chiede aiuto, perché non è di quel borgo, ma nata altrove. Perché ha pudore e si sente diversa per il suo carattere schivo e la sua storia con il figlio. E anche perché ogni comunità ha le sue streghe, i suoi orchi e i suoi eroi e a lei è toccato il ruolo di strega.

V:La protagonista è in un certo senso la rappresentazione del “diverso” che tutti temono e guardano con sospetto, perché nel suo romanzo e nella vita di oggi le persone hanno paura di “diverso”?

A:Il diverso ha sempre fatto paura: ognuno tiene nascosta la propria diversità, cerca di occultarla per farsi considerare dagli altri uno come tutti, con qualità e difetti che corrispondono agli stereotipi comunemente accettati di ‘persona normale’ o anche diversa, ma non troppo. La gente non è attratta da chi sente davvero diverso, chi non si cura dell’opinione altrui, chi sa fare a meno degli altri perché dagli altri non si sente compreso. E poi la vecchiaia, la povertà si preferisce ignorarle, non se ne vuol sapere. In una società che ha sempre fretta il vecchio è un fardello.

V:Perché Ruggine non riesce a fidarsi dell’unica persona (l’adolescente) del paese che vorrebbe aiutarla e le dimostra comprensione?

A:Ruggine intuisce che, per quanto la ragazza abbia curiosità per lei, è inviata dal padre per indagare nella sua vita . Inoltre Tamara è condizionata dall’ambiente in cui vive, per quanto desideri andarsene altrove neppure lei riuscirà a liberarsi della mentalità asfittica del borgo in cui è nata, dove la gente si spia e si nutre di invidie e di pettegolezzi.

V:Quanto Ruggine di sente responsabile/colpevole per il comportamento del figlio Loriano e del rapporto insano che si è sviluppato tra loro?

A:Non si sente responsabile per il comportamento del figlio, si sente colpevole solo verso se stessa, perché non ha saputo ribellarsi alla violenza di lui, l’ha subita perché ha avuto paura e non ha sentito la solidarietà di nessuno.

V:Il finale mostra una Ruggine che in un certo senso ha avuto un po’ di giustizia, ma la donna non è molto contenta di questo. Il suo stato d’animo come deve essere interpretato, come una sconfitta o come una sorta di scherzo del destino?

Come una sorta di scherzo del destino: finisce nella casa di cura dove era internato Loriano, il figlio perverso che lei sfuggiva e che, dimesso, viene riammesso nella comunità del borgo e visto con benevolenza, come una vittima di sua madre che invece viene considerata malvagia e pazza. Gina però non è una vittima, anche se ha dovuto subire molti torti: è coraggiosa, combattiva, le basta poco e ama la vita: mi è piaciuto entrare nella sua vita e constatare che, nonostante tutto, le piacciono i giovani, gli olivi, i noci, gli zingari e Ferro.

V:Se dovessero fare un film su Ruggine, quale attrice le piacerebbe vedere nel ruolo della protagonista?

A:Credo che sia difficile fare un film su Ruggine: ci vorrebbe un regista interessato alle stesse tematiche mie. Quanto all’attrice, dovrebbe essere italiana, meglio se toscana, con un forte carattere, una che non ha paura di fare la parte di una vecchia e di mettersi una gobba.

V:Sta già scrivendo qualche nuovo libro? (solo se può parlarne)

A:Sì, ma ancora è una bozza.

:: Ruggine, Anna Luisa Pignatelli, (Fazi 2016), a cura di Viviana Filippini

9 maggio 2016
ruggine

Clicca sulla cover per l’acquisto

Ruggine e ferro sono due elementi che vanno di pari passo, nel senso che se noi scorgiamo della ruggine, sappiamo che vicino a essa c’è del ferro. Ruggine e Ferro sono anche i protagonisti del romanzo Ruggine di Anna Luisa Pignatelli, pubblicato da Fazi editore. Ruggine in realtà si chiama Gina ed è una donna anziana e sola, dalla vita solitaria e parecchio travagliata. La sua compagnia un gatto nero di nome Ferro, ed è l’unico essere vivente in grado di darle l’affetto e quella comprensione che gli umani le negano da tempo. Ruggine/Gina aveva un marito, ma è morto e l’unico figlio, Loriano, è rinchiuso in una casa di cura a causa del suo comportamento violento. Attorno a lei e all’allontanamento del figlio ci sono una marea di pettegolezzi e chiacchiere malevole che prendono forma da fatti torbidi avvenuti nel passato familiare della donna. Al centro dello scandalo il rapporto morboso e malato tra madre e figlio e il conseguente ricovero di lui. Ciò che ha scatenato questi eventi, sono atti e gesti animaleschi compiuti da Loriano nei confronti della madre che, purtroppo, a causa delle dicerie popolari è stata additata come la responsabile di tutto. Ruggine/Gina, sempre con a fianco il suo inseparabile Ferro, lotterà e farà il possibile per ricostruirsi una vita degna di essere vissuta, che le permetta di guadagnarsi quel rispetto che i suoi compaesani sembrano aver scordato cosa sia. Ruggine è per tutti una malefica strega dalla quale stare lontani per non finire male. In realtà, la donna è la vera vittima delle violenze piscologiche, ma soprattutto fisiche attuate dal figlio prima, e dalla meschina gente del suo paese, dopo. I vicini di casa e vita di Ruggine, perché tutti la chiamano con questo soprannome, sono individui grotteschi, quasi caricaturali, la cui mente è accecata da una tale ottusità e ignoranza, che non comprendono la verità dei fatti e non capiscono che Ruggine più che carnefice è vittima. Nonostante la malvagità e l’isolamento che gli altri le impongono, l’anziana donna cercherà di ricominciare a vivere cambiando casa e facendo qualche lavoretto per guadagnare qualche spicciolo. Tutto svolto con il massimo rispetto degli altri, che invece di lei non ne vogliono sapere e fanno di tutto per punirla, per colpe che non ha. Solo Tamara, un’adolescente con la passione per la lettura, desiderosa di lasciare il claustrofobico e bigotto paesello per cercare fortuna altrove, sembra voler capire davvero chi è Ruggine. Il problema è che la protagonista ha talmente sofferto nel corso della sua vita, da aver timore della ragazzina, nel senso che Ruggine non riesce a comprendere quanto possa fidarsi di questa adolescente. La donna è attanagliata dal dubbio se Tamara sia davvero interessata a lei o se, magari, invece è stata spedita a casa sua per poi riferire al resto della comunità cosa fa la strega Ruggine. Ruggine della Pignatelli è dominato da atmosfere cupe e tenebrose che riflettono come la malignità delle persone che circondano la protagonista. Gente che non riesce andare oltre il pregiudizio e per tale ragione si scaglia contro chi, come Ruggine, è debole e indifeso. Questa massa popolana è così cattiva, da architettare persino spedizioni punitive verso una donna che in fin dei conti non ha mai fatto male a nessuno. Ad un certo punto Ruggine finirà al ricovero e qui assisterà, senza poter far nulla, alle “punizioni” che il tempo assegnerà a tutti i suoi principali nemici, ma questo non sarà motivo per le di felicità. Sarà una nuova condanna alla sofferenza.

Anna Luisa Pignatelli è nata in Toscana, ma ha vissuto per molti anni fuori dall’Italia. Fra le località dove è stata Dar es Salaam e Seoul. Come scrittrice è molto conosciuta e apprezzata in Francia dove, nel 2010, ha vinto il Prix de lecteurs du Var con la traduzione del suo primo libro Nero toscano, pubblicato in Italia nel 2013. Attualmente vive in Guatemala.

Source: libro inviato dall’editore al recensore, ringraziamo l’Ufficio Stampa Fazi.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: Shirley, Charlotte Brontë (Fazi, 2015) a cura di Elena Romanello

2 dicembre 2015
unnamed

Clicca sulla cover per l’acquisto

Fazi editore continua la sua riproposta di classici ottocenteschi inglesi con un libro meno noto di Charlotte Brontë, Shirley, suo secondo romanzo dopo Jane Eyre, assente dalle librerie dagli anni Novanta, quando ci furono un paio di edizioni per gli Oscar Mondadori e per la Newton Compton.
Si tratta di una storia abbastanza diversa da quella di Jane Eyre, romanzo di formazione con elementi gotici: qui l’autrice abbraccia infatti un registro più sociale, ambientando la vicenda nello Yorkshire dell’inizio Ottocento, in piene guerre napoleoniche, e incentrando il tutto su Shirley, giovane ereditiera, che si trasferisce nel villaggio in cui c’è parte della sua ricchezza, tra terreni, casa, quote in un’azienda, un po’ come succederà ad un’altra famosa eroina inglese, la Bathsebea di Via dalla pazza folla di Thomas Hardy. Qui diventa amica di Caroline, orfana e piena di debiti, innamorata di Robert Moore, imprenditore in difficoltà e desideroso di riscattare il buon nome della sua famiglia. Robert non può permettersi, per motivi economici, di seguire il cuore e scegliere Caroline, mentre sarà attratto dai soldi di Shirley, che però preferirà qualcun altro, tra altri gentiluomini che si contenderanno i suoi favori, attratti comunque dalla sua insolita situazione che la rende la parte forte all’interno di una possibile coppia.
Shirley è un romanzo in cui tornano gli interessi femministi dell’autrice, visto che ancora una volta traccia due ritratti di donne anticonvenzionali, due amiche agli antipodi ma capaci di sostenersi a vicenda. Anche l’intreccio sentimentale non è melenso, ma realistico e soprattutto insolito, riproponendo di nuovo la ricerca di un sentimento moderno e maturo e non dettato dalle convenzioni sociali.
Quello che colpisce poi più di tutto è il contesto storico e sociale, che ricostrruisce un’epoca fondamentale come eventi esterni e interni della Gran Bretagna, alla base della costruzione poi di una società che durò per tutto l’Ottocento.
Per questo motivo Shirley è un classico da riscoprire, con forti elementi di modernità e di interesse, oltre che essere il libro a cui molte donne e ragazze, da allora in poi, dovettero il loro nome, ancora oggi abbastanza diffuso in ambito anglosassone.

Charlotte Brontë (1816-1855) è una delle maggiori personalità della letteratura inglese dell’Ottocento. Sorella delle scrittrici Anne ed Emily Brontë, compì studi irregolari e si dedicò quindi all’insegnamento. I suoi romanzi, dal celebre Jane Eyre al più tardo Villette, ottennero un clamoroso successo che dura tuttora.

Source: prestito bibliotecario delle Civiche torinesi.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.