Il grrrande Grrr, Ingrid Chabbert (Gallucci 2019) A cura di Viviana Filippini

10 settembre 2019 by

GRRR“Il grrrande Grrr” di Ingrid Chabbert con le illustrazioni di Raúl Guridi è un libro per bambini edito in Italia da Gallucci. La sua storia ha al centro l’amicizia, la paura del diverso e il superamento del pregiudizio che spesso impediscono di comprendere e conoscere l’altro. Il Grrr è una creatura per tutti mostruosa che evoca paura e timore negli uomini al solo sentirne il nome. A dire il vero però, entrando nella storia della Chabbert scopriamo che il Grrr non è così mostruoso come tutti credono. È sì un essere enorme che incute un po’ di timore a vederlo ma, in realtà, quello che tutti credono una creatura orribile è molto tranquillo e pacifico. I suoi passatempi preferiti sono dormire sotto il caldo sole, fare il bagno nel fiume e giocare con gli animali della foresta. Il Grrr è solo e non vuole il contatto con gli umani perché sa che loro lo temono, e loro lo temono poiché non lo conoscono, anche se in realtà il nostro Grrr non fa nulla per far capire alla specie umana che non è l’essere spaventevole che pensano. A cambiare un po’ le cose arriva una piccoletta col suo mantellino dal cappuccio rosso (che richiama Cappuccetto rosso, mentre nel Grrr non è difficile rivedere il lupo) che cerca di avvicinarsi al Grrr. Lui cosa fa? Tutto il possibile per spaventarla, per farla scappare e per consolidare quell’immagine non vera di lui, che la gente si è creata: quella del brutale mostro cattivo. La bimba, cocciuta e tenace, non molla e lascia un regalo al Grrr: un libro. Un piccolo gesto di gentilezza che cambierà per sempre le cose e il rapporto tra le due specie. “Il grrrande Grrr” è una storia di amicizia, dove la protagonista mignon avvicina il mostro che tutti temono, dimostrando come basti poco per provare a conoscere davvero una persona o una creatura e capirne la sua vera natura. Il libro lasciato in dono diventa il mezzo per la piccola per comunicare con il Grrr, per entrare nel suo cuore e conquistarlo. La bimbetta si dimostra coraggiosa, forte e, allo stesso tempo, determinata a scoprire davvero quell’essere che per tutti è una creatura terribile dalla quale stare alla larga, perché secondo lei non è come tutti dicono. Il Grrr, che all’inizio fa muso duro e respingerà ogni forma di contatto, grazie a quel libro si renderà conto che ci sono davvero persone buone in grado di amare e di provare affetto per chi è diverso. “Il grrrande Grrr” è un libro per bambini, però ideale sarebbe che bimbi e adulti lo leggessero assieme, per comprendere come a volte l’apparenza inganna e come non sempre le cose e le persone sono come sembrano e come ci vogliono fare credere di essere. Traduzione di Emanuelle Caillat.

Ingrid Chabbert è nata nel 1978 nel verdeggiante Aveyron, nel sud della Francia, dove vive tutt’ora. Scrive fin da quando era adolescente, ma ha osato far leggere le sue opere solo molti anni dopo. Il suo primo album per bambini è stato pubblicato nel 2010.

Raúl Guridi vive e lavora a Siviglia. La sua produzione è concentrata sull’illustrazione per l’infanzia e sulla creazione di campagne per il teatro, la danza e le marionette.

Source: libro del recensore

:: Mooncop – Poliziotto lunare di Tom Gauld (Mondadori, 2019) a cura di Giulietta Iannone

8 settembre 2019 by
51vSImpZrrL

Clicca sulla cover per l’acquisto

Tra le tante opere edite quest’anno per festeggiare i 50 anni dallo sbarco dell’Apollo 11 sulla Luna, missione che portò per la prima volta due astronauti statunitensi, Neil Armstrong e Buzz Aldrin, il 20 luglio 1969 a mettere piede sul nostro affascinante satellite naturale, realizzando un sogno in realtà già presente sin dall’antichità, ce ne è una molto particolare, un libro di fumetti Mooncop – Poliziotto lunare (Mooncop, 2016) di Tom Gauld edito da Mondadori nella collana Oscar INK, con introduzione di Susanna Basso e tradotto da Claudia Durastanti.
Tom Gauld è un nome noto, anche sul nostro blog, fumettista originale ed eclettico di cui abbiamo già potuto recensire il bellissimo In cucina con Kafka, una parodia molto bonaria, divertente e divertita, sul mondo dei libri e l’ambiente editoriale.
Per Mooncop – Poliziotto lunare, Gauld ha scelto il blu, il colore lunare per eccellenza, per descrivere le bizzarre avventure di un improbabile poliziotto lunare, tenero e avventuroso, incaricato di sorvegliare una colonia terrestre desolata e in declino, di cui diventerà uno degli ostinati ultimi abitanti. I toni sono melanconici e sognanti, lo stile è rappresentato nei suoi tratti essenziali, come Gauld ci ha abituato.
Si può leggere sia in formato cartaceo che in ebook adattato per tablet, e la cosa bella è che ci porta a riscoprire parte della magia che la Luna ha sempre portato con sé anche in letteratura e in spettacoli televisivi dai sogni di Astolfo sulla Luna dell’Orlando Furioso, alle avventure fantascientifiche di Spazio 1999.
Tom Gauld ha scelto di addolcire con riflessi più delicati e poetici una narrazione che riflette cosa l’uomo prova di fronte al silenzio e alla solitudine dello spazio siderale e sembra ricordarci che la fratellanza, l’aiuto reciproco e l’amore (dolcissime le tavole finali) sono le cose veramente importanti.

Tom Gauld è nato nel 1976 e cresciuto nell’ Aberdeenshire, in Scozia. È un vignettista e illustratore e il suo lavoro è regolarmente pubblicato su The Guardian, The New York Times and New Scientist. Ha creato un nutrito numero di libri a fumetti. Vive a Londra con la sua famiglia.

Source: libro inviato dall’editore. Ringraziamo Anna dell’Ufficio Stampa Mondadori.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: Putin e la ricostruzione della Grande Russia di Sergio Romano (Longanesi e Co., 2016) a cura di Daniela Distefano

6 settembre 2019 by

PUTIN e... di Sergio RomanoLa Guerra fredda aveva un senso. Fu una guerra ideologica in cui il vincitore, verosimilmente, avrebbe imposto al nemico sconfitto, per usare parole ormai screditate dal troppo uso, la propria filosofia e i propri valori. Può sembrare retorico, ma vi era in quello scontro fra giganti una certa nobiltà. Due grandi idee – la dittatura del proletariato e il capitalismo democratico – offrivano al mondo due strade diverse verso un futuro migliore. Le due diverse prospettive hanno creato speranze, attese, impegno e sacrifici che non sarebbe giusto ignorare. Oggi ogni traccia di nobiltà è scomparsa. Il comunismo è fallito e, come accade sempre in queste circostanze, la memoria collettiva ricorda soltanto le sue pagine peggiori: i massacri della fase rivoluzionaria, la fame ucraina, la persecuzione del clero, le purghe, i gulag, il lavoro coatto, i popoli trasferiti con la forza da una regione all’altra. La democrazia capitalista non è in migliori condizioni. Il trasferimento del potere economico dai produttori di beni ai produttori di denaro ha enormemente allargato il divario fra gli immensamente ricchi e i drammaticamente poveri. Il denaro governa le campagne elettorali. (..) Possiamo deplorare molti aspetti del suo carattere (di Putin, ndr)e della sua politica. Ma vedo sempre meno persone in Occidente che abbiano il diritto di impartirgli lezioni di democrazia”.

Chi è veramente Vladimir Vladimirovič Putin, il padrone della Russia odierna, l’uomo non proprio “qualunque” che si nasconde dietro una maschera impassibile e ieratica? Sergio Romano, in questo libretto agile e ben ritmato, ce lo presenta sotto una luce più penetrante raccontandoci la Russia dalla caduta del muro di Berlino fino agli ultimi scontri con gli Usa per la crisi dell’Ucraina e la questione della Siria. Il testo è stato pubblicato prima delle elezioni americane che hanno visto la vittoria di Trump (nel 2016) e le polemiche successive sull’ingerenza dei russi nella campagna elettorale. L’autore scandaglia la disgregazione dell’Unione Sovietica e il potere assoluto di Boris Eltsin che ha traghettato la Russia dall’era comunista ad un capitalismo senza regole. Gli oligarchi che hanno preso velocemente il potere economico e hanno in parte influenzato le decisioni dei governi di Eltsin sono lo specchio di una Russia che ha riconvertito le sue risorse pubbliche in un business privato. Dunque prima di analizzare il “regno” di Putin, occorre fare un passo indietro. Eltsin, nell’ultima parte della sua vita e della sua carriera politica, è stato debole e permissivo. Di fatto, le sue scelte hanno permesso ad alcuni uomini di impadronirsi delle risorse minerarie e petrolifere del paese, di controllare giornali e tv e di accaparrarsi il controllo dei principali istituti bancari. L’avvento di Putin ha pirandellianamente cambiato tutto perché nulla venisse cambiato. Uno sconosciuto ufficiale del KGB in cerca di lavoro è diventato, in poco tempo, un uomo molto influente, a capo persino di un dipartimento del governo. La sua biografia è sconosciuta a tutti e anche lo storico Romano fatica a trovare informazioni sul suo passato. Quello che è certo è che Putin ha prestato servizio nel KGB durante la Guerra Fredda operando nella Germania dell’Est. E’ stato l’assistente del sindaco di San Pietroburgo. Poi il vuoto fino alla sua nomina ad alto servitore dello Stato e infine a capo del governo. Putin ha fatto una carriera folgorante. Ha solidificato in poco tempo il suo potere ed è riuscito ad imporre una visione vincente della Russia, senza rinnegare il periodo comunista, cercando di utilizzare tutti i valori a cui i russi sono legati, perfino una devozione alle icone religiose, per cercare di rilanciare l’orgoglio del suo paese. La sua strategia ha avuto effetti miracolosi, tanto che venne eletto come presidente della Repubblica (carica che, a parte fasi alterne come Primo ministro, continua a mantenere tutt’oggi). Eppure qua e là emergono crepe a questo ritratto che lo stesso Putin incoraggia a tramandare. Ci sono vicende non solo interne alla Russia che minano l’immagine inappuntabile dello Statista provvidenziale. Il libro lascia porte aperte alle varie interpretazioni disseminate nelle pagine, sarà il lettore che trarrà le conclusioni più avvedute circa un uomo dalla faccia immacolata e e dalle mani nascoste dietro un rovo segreto e ancora ardente.

Sergio Romano (Vicenza, 1929) è stato ambasciatore alla NATO e, dal settembre 1985 al marzo 1989, a Mosca. Ha insegnato a Firenze, Sassari, Pavia, Berkeley, Harvard e, per alcuni anni, all’Università Bocconi di Milano. È editorialista del Corriere della Sera. tra i suoi libri pubblicati da Longanesi: La quarta sponda (2005, nuova edizione 2015), Con gli occhi del l’Islam(2007), Storia di Francia, dalla Comune a Sarkozy (2009), L’Italia disunita, con Marc Lazar e Michele Canonica (2011), La Chiesa contro, con Beda Romano (2012), Morire di democrazia (2013), Il declino dell’impero americano (2014) e In lode della Guerra fredda (2015).

Source: Libro inviato dall’editore. Ringraziamo l’Ufficio Stampa “Longanesi e Co”.

Aspettando il Salone a Torino a cura di Elena Romanello

6 settembre 2019 by

salone_640X427_1

L’autunno letterario a Torino vede grande protagonista la nuova edizione di Aspettando il Salone, con una serie di incontri con autori e autrici a livello internazionale, aperti a tutti e a ingresso gratuito.
Aspettando il Salone è un progetto organizzato dal Circolo dei lettori insieme all’Associazione Torino la Città del libro, con la partecipazione della Scuola Holden, del Consorzio Librai Torinesi Indipendenti, delle Biblioteche civiche, di TorinoReteLibri e delle Case del Quartiere.
La rassegna parte il 10 settembre alle 18, nell’Aula Magna della Cavallerizza Reale di via Verdi, con Jonathan Sabran Foer che parlerà del suo libro Possiamo salvare il mondo prima di cena (Guanda), insieme a Paolo Giordano.
L’11 settembre, sempre alle 18, il Circolo dei lettori ospiterà Salvatore Scibona, statunitense di origini siciliane, che insieme a Fabio Geda parlerà delle sue esperienza come direttore del Cullman Center for Scholars and Writers della New York Public Library e del suo libro  Il volontario (66thand2nd)  che gli ha permesso di essere inserito nella prestigiosa lista dei 20 Under 40 del New Yorker e di essere uno dei finalisti al National Book Award.
Il giorno dopo, sempre alle 18, la Biblioteca Civica Centrale presenterà Valeria Luiselli, nata in Messico, cresciuta in Sudafrica, collaboratrice del New York Times e autrice di Archivio dei bambini perduti (La Nuova Frontiera), oltre che membro della lista Bogotà39, che raccoglie i migliori autori latinoamericani sotto i quarant’anni.
L’America latina è di nuovo di scena il 23 settembre al Circolo dei lettori, di nuovo alle 18, con Daniel Saldaña París, autore della saga familiare, La linea madre (Chiarelettere, sul Messico di oggi.
L’ultimo appuntamento di settembre è il 25 alle 21 alla Scuola Holden con David Nicholls, che presenterà Un dolore così dolce (Neri Pozza), una storia di formazione dove si parla del primo amore e dell’amicizia.
Ottobre vede arrivare il 21 alle 21 al Circolo dei lettori Bret Easton Ellis, vero scrittore di culto, con la sua prima opera di saggistica, È bianco (Einaudi), mentre il giorno dopo l’autore israeliano Eshkol Nevo presenterà la sua autobiografia L’ultima intervista, di nuovo per Neri Pozza, in un luogo che sarà svelato nelle prossime settimane.
Il 23 ottobre sarà la volta di Samantha Schweblin, autrice di fantascienza, paragonata a Shirley Jackson, a David Lynch e alle atmosfere di culto della serie Black Mirror, che terrà due incontri, al mattino in una scuola e al pomeriggio alle 18 per il pubblico, con i dettagli che verranno svelati in seguito.
Il 25 ottobre ci sarà uno degli incontri forse più attesi della stagione, quello con Isabel Allende, una delle autrici più amate di sempre da più generazioni, che festeggerà con i suoi appassionati italiani l’uscita presso Feltrinelli del suo nuovo libro, alle 18 in un luogo ancora da definire.
Un altro autore di culto arriverà a novembre, il 17: Leiji Matsumoto, mangaka giapponese emblematico se non fosse altro per quello che per molti è il suo capolavoro, Capitan Harlock, che festeggia quest’anno i quarant’anni dalla prima trasmissione in Italia, sarà alle 18 alla Scuola Holden, in un evento  in collaborazione l’Associazione Culturale Leiji Matsumoto, parte di una visita torinese e italiana del maestro.
Novembre non finisce qui: il 18 alle 18 ci sarà Amitav Gosh, autore di potenti saghe storiche sul Sud del mondo e sulla sua terra, l’India, con L’isola dei fucili (Neri Pozza), una storia che intreccia India e Italia raccontando l’epopea di un mercante d’arme.
Sempre il 18 alle 21 incontro con André Aciman, per parlare di Cercami (Neri Pozza), il seguito del fortunato Chiamami col tuo nome, un romanzo diventato film per la regia di Luca Guadagnino, vincendo l’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale a James Ivory.
Gli incontri del 2019 si chiudono il 19, con David Grossman, attivista per la questione Israele e Palestina, che parlerà del suo nuovo libro in uscita per Mondadori.
L’ingresso ai singoli incontri è libero fino a esaurimento posti disponibili, con la distribuzione un’ora prima di un tagliando a persona che consente l’ingresso in sala.

:: Il seguito di “Il racconto dell’ancella”: “I testamenti” di Margaret Atwood

6 settembre 2019 by

i testIl 10 settembre finalmente esce in Italia il seguito de “Il racconto dell’ancella”, notizia già di per sè ghiotta per gli estimatori di Margaret Atwood, di passaggio al Festival di Mantova in questi giorni.
Sembra che alcuni critici accreditatti, tra cui Michela Murgia, abbiano potuto leggere il libro in anteprima e sembra sia bello, ma era difficile dubitarne.
Avendo anche solo letto Seme di strega – Una riscrittura della Tempesta la scrittura di quest’autrice, ormai ottantenne, è davvero preziosa, ricca di verve, e irononia anche quando tratta temi seri e drammatici, in quest’ultimo libro addirittura come finiscono le dittature con uno sguardo al presente e alla contemporaneità della società americana e alle condizioni della donna, non ha caso il suo precedente libro, che vede al centro la donna in una società repressiva e tradizionalista, è considerato uno dei manifesti del femminismo.
I testamenti riprende la storia narrata ne “Il racconto dell’ancella” quindici anni dopo, con i testamenti di tre narratrici di Gilead. In attesa di leggere il libro vi segnalo il link dove poter leggere l’incipit sul Post: link.

Aperte le iscrizioni alla nuova edizione di Incipit Offresi a cura di Elena Romanello

5 settembre 2019 by

logo(0)

Torna per la quinta edizione Incipit Offresi, il primo talent letterario dedicato agli aspiranti scrittori, ideato dalla Fondazione ECM – Biblioteca Archimede di Settimo Torinese, in sinergia con Regione Piemonte.
Anche quest’anno Incipit Offresi si presenterà come una serie di tappe per scovare nuovi talenti letterari: la partecipazione è gratuita e aperta a tutti, esordienti e non, di tutte le nazionalità e età: per i minori è necessaria un’autorizzazione di un genitori.
Ogni candidato e candidata dovrà presentare le prime righe della propria opera, l’incipit, per un massimo di mille battute con le quali catturare l’attenzione dei lettori, insieme a una descrizione dei contenuti dell’opera.
La sfida avverrà a colpi di incipit in una serie di incontri nelle biblioteche del Piemonte, da settembre 2019 a marzo 2020, con qualche puntata fuori Regione, tipo quella di Roma. Nella scorsa edizione c’erano oltre centoventi candidati, provenienti da varie regioni.
La prima tappa sarà presso la Biblioteca Archimede di Settimo torinese il 19 settembre prossimo: durante ogni incontro gli aspiranti scrittori avranno un minuto di tempo per leggere o raccontare il proprio incipit, inviato in precedenza alla giuria tecnica, che è composta da editori, librai, bibliotecari, lettori assidui e lettori occasionali della biblioteca ospitante.  Dopo il primo minuto giuria e pubblico in sala esprimeranno un giudizio in sala assegnando eventualmente altri trenta secondi all’autore o autrice per continuare l’incipit o il riassunto. Finito il tempo,  la giuria tecnica esprimerà un voto che verrà sommato al voto assegnato dalla Scuola del Libro di Roma per decretare il vincitore.
Per ogni tappa, l’aspirante scrittore o scrittrice che avrà ottenuto il punteggio più alto si aggiudicherà il diritto ad accedere a una delle due semifinali, con la possibilità di arrivare alla finale in programma al Salone Internazionale del Libro di Torino 2020.
Il primo classificato riceverà un premio di mille euro, mentre al secondo spetteranno cinquecento euro. Inoltre, tra tutti i partecipanti finalisti saranno messi in palio  il Premio Calvino, il premio “Indice dei libri del mese” ed eventuali altri premi assegnati dagli editori.
Per iscriversi ci si può registrare al sito  www.incipitoffresi.it fino a esaurimento dei posti disponibili per la tappa scelta.
Incipit Offresi è un modo nuovo per diventare scrittori e per promuovere lettura e scrittura, una scommessa basata su poche righe, un investimento sulle potenzialità dell’autore, ma anche un modo per gli aspiranti autori e autrici di incontrare e dialogare direttamente con gli editori coinvolti nelle varie fasi del progetto, farsi conoscere e raccontare la propria idea. Fino ad oggi sono stati decretati 4 vincitori, uno per ogni edizione, e sono stati pubblicati 40 libri dagli editori.
I recapiti sono http://www.incipitoffresi.itinfo@incipitoffresi.it, e su Facebook  www.facebook.com/incipitoffresi

:: Ben Pastor – La canzone del cavaliere (Sellerio 2019) a cura di Giulietta Iannone

5 settembre 2019 by

10611-3Esce oggi, 5 settembre, la nuova edizione Sellerio de “La canzone del cavaliere”, che ho avuto modo di leggere nell’edizione precedente, in cui troviamo un giovane, e ancora inesperto, Martin Bora sullo sfondo della sanguinosa guerra civile spagnola,  una sorta di battesimo del fuoco per il giovane tenente ancora idealista e non temprato dalle asperità della vita militare.
Ma già alle prese con un delitto eccellente: quello di Federico Garcìa Lorca.
Siamo nel 1937, Bora viene mandato in Spagna tra le file di Francisco Franco, ed è qui che si trova a indagare sulla morte del celebre poeta. Una morte scomoda, per molti versi, sia per i fascisti che per i repubblicani. Ma a Bora non interessa strumentalizzare l’omicidio come arma politica, lui molto più filosoficamente vuole scoprire la verità, e per quanto possibile consegnare il colpevole alla giustizia.
E in questa lotta contro il tempo si troverà un insolito alleato in Philip «Felipe» Walton, americano, maggiore delle Brigate Internazionali, anche lui impegnato, per la parte avversa, a cercare di capire cosa sia successo.
Sotto il sole rovente della Spagna, Bora farà anche un altro incontro inaspettato che influenzerà la sua vita futura, quello con Remedios, donna enigmatica e misteriosa, che almeno nei ricordi resterà sempre legata a Bora.
Come il paesaggio è una storia aspra e ruvida, che rappresenta bene la giovane età del protagonista, in cui vediamo già presente però la tenacia e l’impulsività che caratterizzeranno poi la sua età adulta. Se amate la serie di Martin Bora da non perdere. Traduzione dall’inglese di Paola Bonini. Titolo originale: The Horseman’s Song.

Ben Pastor, nata a Roma, docente di scienze sociali nelle università americane, ha scritto narrativa di generi diversi con particolare impegno nel poliziesco storico. Della serie di Martin Bora Sellerio ha già pubblicato Il Signore delle cento ossa (2011), Lumen (2012), Il cielo di stagno (2013), Luna bugiarda (2013), La strada per Itaca (2014), Kaputt Mundi (2015), I piccoli fuochi (2016), Il morto in piazza (2017) e La notte delle stelle cadenti (2018). Premio Flaiano 2018.

Bonavia, Dragan Velikić, (Keller 2019) A cura di Viviana Filippini

1 settembre 2019 by

bonavia2Dragan Velikić è uno dei più importanti autori della letteratura serba e con “Bonavia” è riuscito a creare un grande romanzo dal respiro europeo. La narrazione prende il via a Belgrado, poco dopo la fine della guerra, dove si ritrovano anime solitarie pronte a mescolarsi tra loro per ridare vita alla città. Tra coloro che vivono a Belgrado ci sono Marko e Marija. Lui è davanti ad un consolato straniero per richiedere il visto di espatrio, mentre lei dice di essere lì di passaggio dopo aver accompagnato un’amica (Kristina) all’aeroporto, dove è salita su un aereo diretto a Boston, negli Stati Uniti, per realizzare il suo sogno. I due giovani si conoscono e in quel breve tempo che stanno nello stesso spazio il lettore ha la netta sensazione che il loro incontro non sia casuale. Il tempo passa, Marko e Marija li ritroviamo anni dopo e si scopre che quell’incontro causale ha dato vita a quella che sembra essere una relazione, un po’ complicata, ma vera. L’altra città dove si sviluppa la tra è Vienna, e qui, oltre ai due protagonisti, il lettore ritroverà anche Kristina tornata dagli USA e Miljan il padre acciaccato di Marko. Quello che emerge dalle parole dei personaggi, dalle loro azioni e relazioni, mette in evidenza pezzi di vita di un tempo trascorso umano pieno di dolori e sofferenze. Per esempio Marko è accanto al padre Miljan nonostante un passato di lontananza. Dallo ieri verrà a galla che l’uomo, quando si rese conto di essere il padre del piccolo Marko e vedovo, perché la moglie morì di parto, al posto di rimanere accanto al figlio prese il via per Vienna, fuggendo da una serie di responsabilità che non era pronto ad assumersi. Nel presente, questo uomo che il figlio ha ritrovato è anziano e malato, e Marko lo assisterà e accudirà dimostrando di sapergli dare un po’ di quell’affetto e amore che anche lui avrebbe dovuto ricevere da bambino. In “Bonavia” di Dragan Velikić i personaggi sono separati e tenuti lontani tra di loro dallo spazio e dal tempo, però quando queste due barriere vengono abbattute e i diversi protagonisti si trovano a vivere gli uni accanto agli altri, si scopre che certi legami e relazioni non sono mai state scalfite dal corso degli eventi. “Bonavia” è una narrazione toccante nella quale gli accadimenti della Storia si intrecciano con le tante vicende umane di coloro che in essa vivono e agiscono. Attraverso le vicende di Marko e Marija e dei loro comprimari l’autore riflette sulle fragilità umane, sentimentali ed emotive, rese ancora più consistenti dal conflitto bellico che ha toccato, in modo maggiore o minore, tutti i personaggi della narrazione. “Bonavia” di Dragan Velikić è una narrazione che indaga le vite nella loro quotidianità e evidenzia come, nonostante le difficoltà, le incomprensioni e gli ostacoli sperimentati dai diversi protagonisti, compresi gli “spettri” ingombranti del passato, tutti vivano vite nelle quali da un lato, quello che hanno vissuto non li abbandonerà mai e, dall’altro, il presente nel quale agiscono lo sperimentano nella speranza di diventare persone migliori e di lasciare segni positivi per il domani che verrà. Traduzione dal serbo Estera Miocic.

Dragan Velikić è uno degli autori più importanti della letteratura serba, tanto da aggiudicarsi alcuni dei maggiori premi letterari balcanici come il Premio Nin –per due volte– e il Premio Meša Selimović ai quali si sono aggiunti il Premio Letterario Mitteleuropa-Preis e il Premio della città di Budapest. Le sue opere sono tradotte in numerose lingue. Per Keller uscirà anche il romanzo “Islednik”.

Source: inviato dall’editore.

:: Happy 1st September

1 settembre 2019 by

fgt

Ben tornati cari lettori, Liberi torna da domani con energie rinnovate e tanti progetti, alcuni anche molto impegnativi, se ci seguirete li scoprirete. Avete fatto buone vacanze? passato un agosto riposante e divertente? Che libri avete letto? sono molto curiosa. comunque noi ci rivediamo domani! Buon tutto!

:: Teatro sull’Acqua: Arona 3-8 settembre Protagonista la Poesia

31 agosto 2019 by

unnamedDal 3 all’ 8 settembre ad Arona, perla sul Lago Maggiore, si terrà la IX edizione del festival “Il Teatro sull’Acqua”, diretto da Dacia Maraini. Tema di questa nuova edizione è la Poesia.

Il Teatro sull’Acqua è l’unico esempio italiano di produzioni teatrali sull’acqua, e si confronta a livello internazionale con l’Opéra on the Lake del Bregenz Festival (Austria) e il Teatro delle Marionette d’Acqua di Hanoi (Vietnam).

Il Teatro sull’Acqua è sostenuto da Comune di Arona, Regione Piemonte, Fondazione CRT e Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore) nell’ambito dell’edizione 2019 del bando “Performing Arts”. Il Teatro sull’Acqua è entrato a far parte di PERFORMING +, un progetto per il triennio 2018-2020, lanciato dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione Piemonte dal Vivo con la collaborazione dell’Osservatorio Culturale del Piemonte, che ha l’obiettivo di rafforzare le competenze della comunità di soggetti non profit operanti nello spettacolo dal vivo in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

:: “Libri a 180 gradi” Sant’Elpidio a Mare 30 agosto / 2 settembre

30 agosto 2019 by

Libri

Da oggi 30 agosto al 2 settembre 2019 nel centro storico di Sant’Elpidio a Mare, in provincia di Fermo, si svolge la prima edizione del Festival letterario – Fiera dell’Editoria Libri a 180 gradi.

Padrona di casa e madrina dell’iniziativa la bella e brava Giulia Ciarapica, spesso ospite del nostro blog, marchigiana doc e tra le anime che hanno reso possibile questo Festival letterario. A maggio a Torino, al Salone del libro, ci siamo incrociate ma non siamo riuscite a salutarci, abbiamo rimediato con la presentazione a Milano del suo bellissimo libro, (se l’avete perso fatevi un regalo leggetelo!, merita davvero), e posso garantirvi che è davvero instancabile.

Tornando al Festival, incontri con gli scrittori, mostre d’arte e di fotografia, musica, laboratori per bambini, e tanti blogger letterari a movimentare l’evento, il programma è davvero ricco. Se vi capita passateci e  poi veniteci a raccontare le vostre impressioni, (con qualche foto!). Per il Programma completo vi rimando al sito: Libri 180°.

Se riusciamo, terminato l’evento, strapperemo qualche impressione a Giulia, ora tutti a Sant’Elpidio!

:: Segnalazione: dal 3 settembre, Francesco Musolino esordisce per Rizzoli

29 agosto 2019 by

Dal 3 settembre in libreria, “L’Attimo Prima”

Una storia di formazione raccontata con una prosa intima e una scrittura di qualità.

Cosa succede quando la vita che hai sempre sognato svanisce l’attimo prima di diventare realtà?
Lorenzo è cresciuto a Messina, sotto il tavolo di legno del ristorante dei genitori. Desiderava una carriera da chef ma, all’improvviso, tutto è cambiato.
Impantanato, sospeso e ancora immaturo, Lorenzo inizia a lavorare in un’agenzia viaggi. Nel frattempo, mentre la neve scende sull’Etna, lui si rifugia in un cibo insipido e immagina le vite degli altri.
Toccherà a sua sorella Elena stanarlo e praticare un kintsugi degli affetti, rimettendo insieme i cocci della sua esistenza. Il timore di dimenticare chi abbiamo amato non dev’essere una scusa per rinunciare a guardare l’orizzonte. Sperando che al momento giusto, al bivio cruciale, i leoni nel cuore ricomincino a ruggire.
Francesco Musolino, attraverso i colori e i sapori della Sicilia, indaga con una prosa intima l’educazione all’età adulta. Quando restiamo immobili, indecisi se combattere, solo grazie a un autentico atto d’amore possiamo trovare il coraggio di crescere.

Francesco Musolino (Messina, 1981), giornalista culturale, collabora con diverse testate nazionali, cartacee e online. Ha creato il progetto lettura noprofit @Stoleggendo su Twitter e insegna scrittura creativa. Questo è il suo romanzo d’esordio.