Posts Tagged ‘gatti’

Nel cerchio di Coccinella di Gabriella Mancini (Buendia Books, 2019) a cura di Elena Romanello

16 dicembre 2019

coccinellacoverLa collana Fiaschetta di Buendia Books presenta un prezioso libricino, molto più lungo in realtà del suo numero di pagine, vincitore del Concorso Barbera da Leggere 2018, a cui l’autrice ha partecipato cercando di vincere la sua timidezza, e dato il risultato per fortuna.
Nel cerchio di Coccinella è una fiaba per tutte le età, incentrata intorno alla vita di una gatta nella Torino storica, tra Vanchiglia, via Rossini e Porta Palazzo, dove la sua vita si intreccia con quella di varie persone, creando legami e nuovi inizi, intorno anche ad una casa magica, che forse esiste e forse no e che diventa uno di quei luoghi della letteratura che rimangono nel cuore.
Un libro che parla di gatti e dell’amore che si ha per loro, ma anche della Torino degli ultimi vent’anni, del suo essere diventata una città multietnica, dei suoi cuori pulsanti, della vita di varie generazioni, in una storia che appunto può piacere ad ogni età. Buendia Books consiglia il libro dai sette anni in su, appunto, perché a qualsiasi età si può trovare qualcosa, soprattutto se si vive a Torino ma non solo.
Nel cerchio di Coccinella è quindi una storia che affascina, appassiona e commuove e che poi ti fa riflettere anche dopo, su quello che conta nella vita e su come cercare nuove strade, come fa la micia protagonista.
Il libro è impreziosito da alcune belle tavole di Roberta Barberis, che catturano bene il mondo di gatti di Coccinella e non solo.

Gabriella Mancini, torinese, è insegnante e mamma, e ha deciso di scrivere la storia di Coccinella partendo dai racconti per i suoi figli e i suoi allievi.

Provenienza: omaggio al recensore dell’Ufficio stampa che ringraziamo.

Il gattolico praticante di Alberto Mattioli (Garzanti, 2019) a cura di Elena Romanello

12 dicembre 2019

alberto-mattioli-il-gattolico-praticante-9788811605249-7-300x462Da anni escono nelle librerie libri sui gatti, i felini più amati dagli esseri umani, che possono essere manuali sulla loro cura, libri di fotografie, fumetti: Il gattolico praticante, dell’esperto di lirica e gattofilo Alberto Mattioli si distingue da tutti questi altri titoli, perché parla del gatto ma in realtà sceglie di parlare degli esseri umani che decidono di vivere con lui, sempre più numerosi secondo le statistiche ma anche l’evidenza.
Dopo un’introduzione in cui parla di come è nato il suo amore per i gatti, l’autore immerge i suoi lettori in una serie di capitoli veloci ma incisivi, in cui racconta curiosità e svela aneddoti, in cui ogni persona che ha vissuto e vive con un gatto si ritrova senz’altro.
Anche perché non si parla del gatto, appunto, ma del suo proprietario, sempre che di proprietà si possa parlare, raccontando un rapporto privilegiato con un animale amato e iconico, protagonista di tante storie e vicende e che in fondo ha dovuto scendere qualche gradino nella scala dell’evoluzione per stare con noi.
Nelle pagine del libro, che ha la rara dote della concisione, viene anche mostrata una possibile via di salvezza, perché il tempo dedicato al gatto è davvero un modo per sottrarsi allo stress e per scoprire la libertà dalle catene che si sono costruire.
Il libro raccoglie anche altre curiosità, come le assurdità che girano sui gatti, tipo quello che si affezionino alle case e non alle persone e i non per dire sì a un gatto, tipo che non abbaia, non parla delle scie chimiche, non è vegano, non è mai ridicolo, non scrive libri, non dice sciocchezze.
Il libro si chiude con la parola data alla sua gatta Isolde, ormai anziana, in cui si affronta il problema spinoso di dover dire addio ai propri compagni felini e come riuscire ad andare avanti nella vita: con altri compagni felini.
Un libro spiritoso, tenero, divertente, commovente e simpatico, per capire qualcosa di più sui gatti ma anche su chi vive con loro.

Alberto Mattioli (Modena 1969) è giornalista del quotidiano «La Stampa». Esperto d’opera, ha collaborato con molti teatri e riviste italiani e internazionali. Ha scritto tre libri, due libretti d’opera e qualche migliaio di articoli.

Provenienza: libro preso in prestito presso le Biblioteche civiche torinesi.

Gatti di Shifra Horn (Fazi, 2019) a cura di Elena Romanello

5 dicembre 2019

gatti_w564_h858Torna in libreria sempre per Fazi un libro che è una vera e propria bibbia per gattofili, Gatti appunto di Shifra Horn, una delle voci più interessanti comunque della narrativa mediorientale e israeliana.
Come suggerisce il titolo, l’autrice, scrittrice, giornalista e attivista, parla dei suoi gatti, compagni della sua vita vagabonda e interessante, forse un po’ caotica, in quello che è un inno al felino domestico che da millenni vive con gli esseri umani e che iniziò a convivere con noi proprio tra Egitto e Medio Oriente.
I gatti di Shifra Horn sanno donare momenti di puro divertimento e avventura, anche solo in casa: nella vita dell’autrice ci sono Zelda, una micia tricolore, Neko-chan, gatta giapponese senza coda, Sheeshee, l’himalaiano dagli occhi blu,  Zizi, nera come il carbone, e Levana, micia bianca  che adora i documentari in televisione.
Shifra Horn vive con i  gatti da quando era bambina, come per ogni gattofilo o gattofila nel corso degli anni e con i gatti ha diviso la sua vita, anche quando ha cambiato casa, andando da Tel Aviv in Giappone e poi di nuovo a Gerusalemme.
Gatti è un po’ un diario e un po’ un racconto, che racconta di gatti e anche di qualche altro animale, cani, pappagalli, topi, ma i felini sono i protagonisti e gli eroi di un amore senza confine, che resiste a tutto, presenza nella vita dell’autrice e ovviamente di tanti altri e altre che si ritroveranno in queste pagine.
Un libro per gattofili, certo, ma anche un modo originale per raccontare il mondo contemporaneo e le vicende di alcuni Paesi sempre nel mirino della Storia e dell’attualità, un libro per sorridere e pensare, da leggere con magari vicino un bel micio che fa le coccole, come i compagni di vita di Shifra Horn.

Shifra Horn è nata nel 1951 a Tel Aviv da madre sefardita e padre russo e ha trascorso la sua infanzia a Gerusalemme. Dopo aver concluso la Hebrew University laureandosi in Studi biblici e Archeologia, ha proseguito la formazione approfondendo l’ambito della comunicazione di massa. Negli anni universitari è stata funzionario didattico per l’Unione Mondiale degli Studenti Ebrei. In seguito, ha trascorso cinque anni in Giappone come corrispondente dall’Estremo Oriente per il quotidiano «Maariv». Oltre a Gatti, Fazi Editore ha pubblicato La più bella tra le donne (2001), Tamara cammina sull’acqua (2004), Inno alla gioia (2005), Scorpion Dance (2016) e Quattro madri (2018).

Provenienza: libro del recensore.