Posts Tagged ‘Valeria G.’

:: Noi due e gli altri, Fionnuala Kearney (Neri Pozza, 2015), a cura di Valeria Gatti

18 novembre 2015
cell

Clicca sulla cover per l’acquisto

“In certi momenti ho pensato di odiarti. Ho odiato quello che hai fatto. Ho odiato il tuo tradimento, la tue debolezza, le tue bugie; il fatto che tu mi abbia tenuto all’oscuro di tutto e che non fossi abbastanza coraggioso per dirmi la verità. Ma non ho mai odiato te”

Niente è come sembra, ha scritto il maestro Franco Battiato.
Niente è come sembra perché, molto spesso, la nostra mente viaggia lungo un asse parallelo tra realtà e immaginazione e ci trascina in errori e incomprensioni.
Niente è come sembra e io ho capito il significato di questa citazione dopo aver finito il romanzo di esordio della scrittrice  irlandese Fionnuala Kearney “Noi due e gli altri” edito da Neri Pozzi e tradotto da Cristiano Peddis.
Ma, andiamo con ordine.
Come sempre dinnanzi a un nuovo libro, ho sfiorato l’immagine pubblicata sulla copertina, in questo caso quella di una donna dall’aria malinconica sdraiata su un divano dal sapore retrò. Ho apprezzato la consistenza della copertina, quelle flessibili sono le mie preferite. Mi sono soffermata sul titolo e poi mi sono concentrata sulla sinossi. L’ho letta tutta d’un fiato, come se dovessi soddisfare un bisogno impellente, una sete divorante.
E lì è successo, la mia immaginazione ha iniziato il suo viaggio.
Sarei stata dalla parte di Beth, incondizionatamente, senza vincoli e sinceramente. Perché lei, Beth Hall, è l’incarnazione perfetta della donna che ha amato e che è stata tradita, della donna che nonostante tutto ama ancora,  che piange lacrime pure per la sua famiglia, la stessa famiglia che è stata distrutta dal tradimento di suo marito che a lei ha preferito, per la seconda volta in una manciata di anni, una donna più giovane, più appetibile, più fresca. Ma Beth non è solo questo. È una donna che deve fare i conti con una professione che fino a quel momento ha arricchito la sua vena creativa ma non le sue tasche, con un passato familiare doloroso e mai davvero superato, con una dura ed estenuante analisi per trovare la forza di costruire il suo futuro. Per lui invece,  il traditore, il maledetto, l’irriconoscente, lui, quell’Adam Hall che ha scelto la via della bugia e dell’egoismo avrei espresso solo una durissima condanna. La solidarietà femminile mi ha preso per mano e mi ha accompagnato nel romanzo con il dente avvelenato e una rabbia già pronta ad esplodere. Avrei iniziato la recensione con un avviso: GUERRA AI MASCHI.
Invece, pagina dopo pagina, le mie certezze, quelle di Beth, quelle di Adam, e quelle degli altri, di tutti coloro che sono parte della loro vita, si sono sciolte come neve al sole. Niente è come sembra, appunto.
C’è poco da scrivere quando ci si trova catapultati in un universo di emozioni. Potrei dire che è uno dei più dolci e commoventi romanzi moderni che mi siano capitati tra le mani, che è incredibile come una scrittrice all’esordio sia riuscita a miscelare ironia e rabbia, amore e rancore, segreti e verità, amicizia e solitudine, morte e rinascita con tanta bravura. Oppure potrei soffermarmi sui dialoghi che sono semplicemente perfetti, dosati e studiati con maestria, che sanno strappare un sorriso anche nei passaggi più tristi, o sulla scelta di affidare il racconto alla voce dei due protagonisti, che in prima persona alternano la loro voce per rendere ancora più credibile le loro esperienze. E poi potrei dilungarmi sul ritmo incalzante, sui temi profondi e complessi che vengono trattati con disincanto. Ma, in fondo, nessuno di questi commenti riuscirebbe a esprimere nel modo giusto la pienezza e la perfezione che il romanzo merita.
Taccio, dunque, perché non vorrei sciupare questa magica sensazione di completezza che provo, la stessa che nelle ultime pagine ricorda che i dolori sono parte della vita e, che in quanto tali, vanno vissuti fino in fondo, senza sconti.

Fionnuala Kearney vive ad Ascot con il marito. Noi due e gli altri è il suo primo romanzo.

Source: libro inviato dall’editore, ringraziamo Daniela dell’Ufficio Stampa Neri Pozza.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: La casa di tutte le guerre, Simonetta Tassinari, (Corbaccio 2015) a cura di Valeria G.

7 aprile 2015

un“Lisa aveva un’espressione sdegnosa e imbronciata, e ricordo perfettamente che stava raffigurando un albero. Aveva già tracciato il tronco, colorandolo di marrone intenso, ed era alle prese con i rami. Sembrava prenderci un gran gusto, e quell’albero mi parve meraviglioso. Nessuno di mia conoscenza era capace di disegnare così bene. Mi fermai con una fantastica frenata esattamente di fronte a lei, per impressionarla.”

Il coraggio è l’unica magia che vale la pena di possedere” ha detto Erica Jong.
Ogni essere umano ha provato almeno una volta nella vita una paura folle, paralizzante, una di quelle emozioni che possono azzerare ogni pensiero razionale. Eppure, proprio dalla paura nasce la virtù magica a cui si riferisce la Jong. Anzi, si può asserire che è obbligatorio avere paura per poter entrare nel mondo dei coraggiosi.
E, il coraggio, quello vero e puro, è stato abilmente nascosto tra le righe dell’ultimo lavoro della scrittrice Simonetta Tassinari intitolato “La casa di tutte le guerre”, edito da Corbaccio.
La protagonista è una bambina di dieci anni e mezzo che raggiunge la nonna di origini inglese nella grande casa di Rocca nel cuore della Romagna per le vacanze estive. Qui, Silvia Frassineti, la nostra piccola eroina, si trova a vivere l’estate che cambierà per sempre il corso della sua vita. La curiosità tipica di una bambina di quell’età la porta a voler conoscere “la Lisa” una bambina poco più grande di lei che vive una vita solitaria, povera di affetti e priva di mezzi a causa dell’indigenza di suo padre. Lisa ha perso la mamma ed è una bambina difficile da cui tutti, adulti e bambini, preferiscono stare alla larga. Ma per Silvia è diverso. Lei appena la vede sente che tra di loro c’è un legame che deve essere risvegliato, lotta per quell’amicizia come, forse, non ha mai lottato in vita sua. La strana amicizia delle due fanciulle gira intorno ad una grande storia d’amore, una di quelle che sono talmente uniche e profonde che hanno la capacità di unire e dividere, di creare intorno a sé bene e male, fiducia e vendetta. Una di quelle che solo i coraggiosi possono vivere perché da quel sentimento non si torna indietro, costi quello che costi.
La casa di tutte le guerre” è un romanzo gradevole e ironico che attraverso la voce della sua piccola protagonista ci racconta la saga misteriosa di una famiglia borghese durante gli anni sessanta ( anche se non mancano riferimenti storici del periodo a cavallo della seconda guerra mondiale). La scelta di affidare la narrazione in prima persona ad una fanciulla rende la storia particolarmente divertente e leggera e in una recente intervista, proprio in vista della presentazione del suo romanzo, la Tassinari ha confermato di aver studiato e scelto questo tipo di narrazione per rendere la storia il più fluida possibile, per aprire un punto di vista fiducioso verso il futuro, e per presentare con la giusta spensieratezza una storia d’amore difficile e dolorosa.
La Tassinari, inoltre, sempre durante la stessa intervista, ha rivelato che per certi aspetti il romanzo si può definire autobiografico: il paese è lo stesso dove lei a trascorso le vacanze durante le estati degli anni sessanta, a casa della nonna. Nessuno ci dice se la sua vera nonna assomigli nei modi e nell’aspetto all’elegante Mary Frances, che con il suo ruolo dominante detiene le fila di tutto il romanzo, ma, vista l’importanza che lei ha voluto dare a tale personaggio, è facile supporre che ella sia stata fonte di autentica ispirazione nella stesura de “La casa di tutte le guerre”.
Un romanzo che profuma di sole e di giornate lente, di voglia di crescere e di responsabilità, di amicizia e devozione, di amore, di dolore e riscatto verso quel destino che tanto ha dato e tanto ha tolto.

Simonetta Tassinari è nata a Cattolica ed è cresciuta tra la costa romagnola e Rocca San Casciano, sull’Appennino. Vive da molti anni a Campobasso, in Molise, dove insegna Storia e Filosofia in un liceo scientifico. Prima di scrivere La casa di tutte le guerre ha attraversato diversi generi, dalla sceneggiatura radiofonica alla saggistica storico-filosofica, dal romanzo storico al brillante, pubblicando, tra gli altri, per Giunti ed Einaudi scuola. Ha vinto il premio Il Pungitopo e il Premio di narrativa italiana inedita, e ha collaborato con giornali e riviste. Vive in campagna con la famiglia, tre gatti e un cane.

:: Academy Street, Mary Costello (Bollati Boringhieri, 2015) a cura di Valeria G.

23 marzo 2015

ac“Qualche giorno dopo, su un affollato vagone della metropolitana, un uomo seduto accanto a lei le sfiorò accidentalmente un piede. Indossava un completo blu di tessuto leggero e dall’aspetto costoso. Notò le belle mani appoggiate sui pantaloni; la gamba sinistra era parzialmente a contatto con la sua. Sentì il ritmo del suo respiro, intravide i muscoli della coscia contrarsi sotto la stoffa. Illanguidita, lasciò scivolare le braccia in grembo. Il bisogno di toccarlo era incontenibile. A una curva il treno rallentò, spingendola lievemente contro di lui. Chiuse gli occhi e lo immaginò mentre sollevava il braccio per stringerla a sé. Lui cambiò posizione per liberarsi dal contatto …
La porta si aprì … premette il viso sulla sua schiena chiudendo gli occhi … Mi scusi … lo disse in tono rapido e schietto “…

Mary Costello non è una sconosciuta nonostante  Academy Street sia il suo primo romanzo che ha visto la luce tra gli scaffali delle nostre librerie. In precedenza, lei ha pubblicato una raccolta di racconti inediti intitolata  The China Factory  che è stata finalista al Guardian First Book Award. Lo stesso “The Guardian” ha riconosciuto in lei uno di quei talenti che sognano gli aspiranti scrittori : avere il dono di trasformare storie semplici in grandi romanzi. La sua naturalezza è stata paragonata alla penna della grandissima Alice Munro che come lei, appunto, ha la capacità di trattare temi di un notevole spessore attraverso storie di vita quotidiana.
Certo, per una scrittrice che nasce dell’East Galway è sicuramente più facile trarre ispirazione per le proprie storie. L’Irlanda, si sa, è di per sé una terra ricca di visioni e mistero, di sogni e di una natura maestosa nella quale l’uomo è un ospite che non può lasciarsi andare a troppe invadenze: il fiume Shannon, il più lungo di tutto il paese che divide i territori dell’ovest, le alte scogliere che si lasciano frustare dal mare,  le terre incolte, i prati colore dello smeraldo. E poi i piccoli porti, con intorno un cerchio di case dalle tinte vivaci, dai quali in passato partivano le navi dirette nel Nuovo Mondo. Infine, la solitudine dei piccoli centri abitati dove sembra che il tempo e l’uomo si siano entrambi fermati in attesa di un cambiamento divino.
Da questa terra verde e selvaggia parte  Academy Street  pubblicato da Bollati e Boringhieri, tradotto da Mary Guidieri Berner. È Tess Lohan la protagonista: una bambina irlandese che conduce una vita parzialmente tranquilla nella residenza di Easterfield fino al giorno in cui perde la mamma.  E la sua iniziazione al dolore, la porta che si apre sulla vita adulta. La sua esistenza prosegue lenta accanto a quel che resta della sua famiglia che la mancanza della figura materna ha reso triste e silenziosa. Poi, per seguire le orme della tanto amata mamma fa domanda per diventare infermiera e si trasferisce a Dublino. Ma non è qui il suo futuro. Lascia il suo paese natale a bordo di un aereo. Siamo negli anni 60 e Tess, sebbene abbia l’appoggio di sua sorella Claire che vive in America da tempo, approda a New York con il marchio di immigrata irlandese. Le sue giornate nascono nel piccolo appartamento in Academy Street e spesso si concludono in ospedale. In questa città che sta cambiando sotto l’effetto di una nuova guerra, la sua vita povera di evasioni si scontra improvvisamente con la bellezza ruvida di David del quale lei si innamora perdutamente e dal quale avrà il suo unico figlio, illegittimo, Theo.
Quello che emerge è un personaggio speciale e affascinante che si lascia amare già dalle prime righe, una bambina inizialmente, e poi una donna che nella seconda e terza parte del romanzo non smette mai di amare, incondizionatamente e a senso unico, soffrendo per ciò che il destino sembra non volerle concedere. Una donna sola, che vive una solitudine monacale e ingiusta. Una personalità sensibile, all’apparenza fragile, che si affida alla preghiera e alla lettura per non soffocare, ma che sa esprimere un fascino e una forza interiore tale da catturare il lettore il quale vorrebbe non finissero mai le centocinquantasette pagine che compongono il testo, e che vorrebbe, naturalmente, il lieto fine. Qualora l’intento della Costello sia stato quello di descrivere una donna invisibile, mi permetto di dire che non ci è riuscita perché non ci si può dimenticare di Tess Lohan.

Mary Costello è nata nell’East Galway e oggi vive a Dublino. È autrice della raccolta di racconti The China Factory, finalista al Guardian First Book Award. Academy Street, finalista al Costa First Novel Award 2014, è il suo primo romanzo.

:: Quando tutto sarà finito, Audrey Magee, (Bollati Boringhieri, 2015) a cura di Valeria G. & Elena Romanello

24 febbraio 2015

f

Valeria G.

“Tirò fuori le foto di Katharina e di Johannes e le appese a due chiodi arrugginiti che spuntavano dalla parete del bunker, vicino al suo giaciglio. Passò le dita sulle foto e baciò la moglie sulle labbra. Lei gli sorrideva. Sorrideva davanti alla sua pelle squamata, alle gambe rinsecchite ….
… Si distese vicino al fuoco, rannicchiato in posizione fetale, e chiuse gli occhi. Gli piaceva la neve. Attutiva il rumore della battaglia tanto da non fargli più sentire gli uomini che combattevano a nord della città nel tentativo di contenere la pressione russa ….”

Ogni libro ha un’anima propria, parla una lingua nuova e unica e nasconde sentimenti profondi, qualche volta oscuri. Davanti ad un libro, quindi, il lettore si trova spesso a dover sostenere un compito gravoso, per niente divertente, quando il tema in trattazione è il dolore puro. Difficile scorrere le lettere che compongono le parole, la parole che scrivono le frasi, le frasi che si uniscono per formare le pagine senza farsi troppo male. Anzi, sarebbe praticamente impossibile farlo quando si affronta il tema della guerra e di tutto ciò che essa rappresenta.
Questo mi è accaduto quando ho aperto la busta che mi è stata recapitata contenente il primo romanzo (e mi auguro, sinceramente, primo di una lunga serie ) dell’esordiente Audrey Magee edito da Bollati e Boringhieri nella collana “Varianti”.
L’immagine in copertina anticipa in parte il dolore che ci si appresta a vivere: l’editore italiano ha scelto un fiore a gambo lungo, dal bulbo rosso scarlatto pronto alla fioritura, incorniciato da lugubri fili spinati. Questo è sicuramente il primo scontro obbligato per il lettore curioso che non può far a meno di porsi una domanda preliminare: cosa ci fa un simbolo di così immensa purezza accanto ad uno che sa rappresentare solo morte?
D’obbligo anche l’analisi del titolo che per noi italiani diventa “Quando tutto sarà finito”. Per il lettore si apre un varco. Un’illusione. Una vana speranza. Perché, forse, dopo il male nasce il bene.
Forse.
Le prime righe del primo breve capitolo ci presentano Peter Fabel, insegnante diventato soldato per garantire l’espansione del regno tedesco, e Katharina Spinell, dolce fanciulla figlia di genitori ossessionati dal potere del Fuhrer, che si sposano. Non si tratta di uno dei tanti matrimoni tra innamorati perché questo è semplicemente un atto di convenienza tra due giovani travolti dal vento di guerra che si è abbattuto sulle loro vite, una contratto stipulato solo per accedere a delle agevolazioni, economiche per lei in caso di vedovanza,  per l’ottenimento delle tanto attese licenze per lui. Peter e Katharina non si sono mai conosciuti. Non si incontrano nemmeno nel giorno che li rende marito e moglie. Ma, anche se le premesse di amore e rispetto non vengono attese, il momento del loro incontro segna le loro vite, per sempre. Katharina si aggrappa al ricordo di quei giorni di quotidiana serenità che ha trascorso con lui per provare ad accettare un padre pronto a sacrificare tutto, anche la propria famiglia, per il bene del partito. Perer si stringe al petto l’immagine di lei e la lettera nella quale apprende la sua paternità per cercare di non morire sotto il fuoco dei cecchini durante la terribile battaglia di Stalingrado. Katharina e Peter arrancano nella loro disperazione forti della promessa che si sono scambiati (da qui probabilmente il titolo originario “The Undertaking”).  Per loro esiste solo il futuro armonioso che li attende quando la guerra sarà finita e il popolo tedesco avrà conquistato il mondo.
Il libro della Magee ha ricevuto numerosi riconoscimenti anche per la scelta di affidare la narrazione dei fatti attraverso pagine intere di dialoghi, nonché fitti e crudi scambi di battute tra i protagonisti.  In aggiunta a questa coraggiosa prova di scrittura, peraltro riuscita egregiamente,  mi permetto di dire che non è questo il solo aspetto che rende il romanzo particolarmente interessante. Mi riferisco al fatto che, a mio giudizio,  il vero protagonista che apre e chiude le trecentoventi pagine in questione non è un personaggio bensì  un insieme di sentimenti: il dolore, la disperazione, la vendetta.
La scrittrice ci trascina violentemente al fianco di chi non ha più occhi per vedere la distruzione, di chi non riesce più a respirare quell’aria gravida di morte e sangue, di chi è costretto a fuggire per vivere, di chi non ha più la forza di accettare il suo ruolo di assassino, di chi non trova risposte alle domande che inevitabilmente sorgono di fronte a tanta feroce crudeltà, di chi non ha modo di difendere la propria innocenza, di chi crede che sia giusto sottomettere ed eliminare. E poi, con estrema naturalezza, ci consegna la morte. L’atto finale. La fine di tutto, del fiume di male e delle briciole di bene.
Altro aspetto particolarmente incalzante del libro, è la voglia di normalità, di quotidianità, di serenità che spira marcatamente in parallelo a tanta sofferenza.  E naturalmente, la voglia di amare e di vivere che aleggia in ogni singolo dialogo.
Un romanzo forte, di straordinaria bellezza, di inestimabile autenticità che, attraverso una scrittura semplice ma estremamente efficace, riesce ad affrontare un tema particolarmente complesso come quello della violenza e degli effetti che essa causa. Un argomento decisamente attuale, purtroppo. Traduzione di Carlo Prosperi.

Elena Romanello

Dopo altri scrittori e scrittrici, anche la giornalista irlandese Audrey Magee si confronta con la Seconda guerra mondiale, conclusasi settant’anni fa e ben prima che lei nascesse. Anziché raccontare le vicende dal punto di vista degli Alleati, come sarebbe abbastanza normale tenendo conto della sua provenienza, Audrey Magee sceglie di parlare dei vinti, dei tedeschi, per decenni odiati, dei loro errori e anche delle loro sofferenze.
Quando tutto sarà finito è una storia d’amore insolita e amara, ma anche un affresco d’epoca, attraverso la vicenda di Peter Faber, insegnante in attesa di partire come soldato sul fronte orientale, e Katharina Spinell, ragazza berlinese oppressa da genitori invadenti e da un lavoro che detesta. I due, come capitava all’epoca, si sposano per convenienza, senza conoscersi, ma per avere lui una licenza e lei una pensione di reversibilità nel caso rimanesse vedova. Tra i due è però amore a prima vista, ma la felicità breve, Peter sparisce nell’assedio di Stalingrado, mentre Katharina rimane ad attenderlo per anni nella capitale tedesca, vedendo la vigliaccheria dei genitori, filo nazisti, la morte del fratello vittima delle idee dei genitori, la disfatta del nazismo e la punizione smisurata dei vincitori contro i vinti.
Quando tutto sarà finito è scritto con l’immediatezza di una sceneggiatura, tanti dialoghi, poche descrizioni, per raccontare il dramma di due vinti dalla Storia e dagli eventi, non eroici, che rimangono vittime di eventi che rivivono senza orpelli ma in tutta la loro ferocia. La ritirata di Russia è stata raccontata tante volte dal punto di vista degli italiani, che hanno saputo, grazie ad autori come Mario Rigoni Stern, rielaborare un dramma e un errore madornale, ma meno dalla parte tedesca e Audrey Magee ricorda sia la ferocia dell’esercito di Hitler contro la popolazione civile sia poi l’internamento dei sopravvissuti nei campi di prigionia in Siberia, da cui tornarono anche anni dopo. Un altro fatto di cui si è parlato poco, tranne Ken Follett e pochi altri, e che torna nel romanzo, sono le violenze contro le donne tedesche da parte dell’Armata Rossa, che per decenni non hanno trovato un narratore come Alberto Moravia con La ciociara per parlare di un dramma che distrusse vite e creò drammi insanabili.
Quando tutto sarà finito racconta il dramma di un mondo e di una società che sbagliò, scegliendo la banalità del male e la tranquillità senza rendersi conto in che follia stava andando a mettersi, e anche l’impossibilità di un amore che nasce per caso ma che si scontra con gli eventi della grande Storia, capaci di cambiare, modificare e distruggere e che non sa trasformarsi in qualcosa di più duraturo.
Un libro secco, tagliente, non lungo come invece spesso sono i romanzi storici, per raccontare uno dei tanti drammi della guerra, la storia di due persone a caso, rappresentative dei tanti Peter e Katharina che ebbero la vita distrutta dalla guerra. Un romanzo interessante su un argomento che a tratti può sembrare inflazionato ma su cui, a quanto pare, c’è sempre qualcosa di nuovo da raccontare, anche a settant’anni di distanza.

Audrey Magee
lavora da dodici anni come giornalista per, tra altre testate, The Times, The Irish Times, The Observer e The Guardian. Ha conseguito un Bachelor of Arts in tedesco e francese all’University College di Dublino e un master di giornalismo al Dublin City College. Vive a Wicklow con il marito e le tre figlie. Quando tutto sarà finito è il suo primo romanzo.

:: Il libro dei ricordi perduti, Louise Walters, (Corbaccio, 2014) a cura di Valeria G.

6 novembre 2014

2334114_Il libro dei ricordo perduti_cop@01.indd“Sul punto di suggerire il bar della National Gallery, mi sono voltata verso l’edificio e l’ho vista, una donna alta, sulla sessantina, che mi fissava. Non saprò mai sa mi stava già osservando da un po’. […] Con lei c’era una donna sui quarant’anni e due bambini dell’età di Roberta. […] Senza ombra di dubbio, avevano qualcosa di Roberta. La donna più giovane sembrava la versione femminile di John. Quella più anziana, Nina, perché era lei, impossibile sbagliarsi, ci osservava. Guardava i due ragazzini, certamente i suoi nipoti, poi di nuovo John. […] Per un secondo o due ci siamo guardate dritte negli occhi. […] Cominciavo già a vederci meno, allora, ma l’essenza di una persona non svanisce mai, e soprattutto, è impossibile dimenticare il volto di una donna che ha sofferto e nel bisogno ti ha supplicato di aiutarla. ”

Quando mi è stata proposta la recensione de “Il libro dei ricordi perduti” della neonata scrittrice di romanzi Louise Walters, inglese di nascita e di residenza, devo confessare che non ho nemmeno finito di leggere la scheda informativa. Si, perché quelle primissime righe della presentazione dell’editore Corbaccio mi hanno conquistato all’istante “Ripulisco libri. Spolvero i dorsi, le pagine, a volte una per una, un lavoro meticoloso, nocivo ” magico aggiungo io. Mi sono immediatamente immedesimata nella libraia moderna protagonista della storia, la quale affida ai libri, e alla sicurezza che questi emanano, la sua esistenza apparentemente povera di affetti, ma ricca di sentimenti perduti. La foto di copertina, poi, ha confermato la mia curiosità di conoscere questa donna della quale possiamo scorgere solo il busto e le gambe, avvolte in una gonna nera e lunga, che tiene tra le mani, in modo leggero e sicuro, quattro libri dall’aspetto antico e prezioso. Sullo sfondo un cielo grigio e cupo, tipico della Gran Bretagna e, in volo, due aerei da combattimento probabilmente durante una delle incursioni tipiche della seconda guerra mondiale.
E’ Roberta Pietrykowski che parla in prima persona e che ci accompagna tra gli scaffali dei suoi amati libri, di una libreria che cerca di proporre libri antichi e nuovi, che sente sua anche se di fatto non lo è. Ed è lei la libraia magica, la persona che ama i libri, che ci ricorda che “i libri hanno un loro odore, un loro suono: parlano. In questo momento avete in mano un oggetto che vive, respira e sussurra: un libro!”. Nella stessa libreria accade l’impensabile perché Roberta, certa delle sue origini polacche, trova una lettera, una vecchia lettera di quelle scritte di pugno, con l’inchiostro formato da una miscela di dolore e amore, di quelle autentiche che il tempo non potrà mai rovinare perché, sebbene le si abbia più volte tenute strette tra le mani, il contenuto elevato di sentimento al loro interno le renderà vive per sempre. Questa lettera la lascia sgomenta perché getta delle ombre piuttosto inquietanti sulla storia d’amore tra sua nonna Dorothea (o babunia come preferisce chiamarla lei, in ricordo delle sue, appunto, origini polacche) e il suo defunto nonno. Naturalmente, Roberta si dedicherà alla ricerca di quella che lei chiama verità affrontando con coraggio la fine di una comoda storia di passione, il lutto per la perdita del caro padre, il ritrovamento della mamma persa da bambina e una storia d’amore nascosta che trova da sé il momento migliore per sbocciare.
Le riflessioni di Roberta vengono interrotte in alternanza dalla storia di Dorothy Sinclair, divenuta poi Dorothea Pietrykowski, donna dall’aspetto vulnerabile che nasconde una forza di carattere unica nel suo genere. Un narratore affidabile ci accompagna negli anni quaranta, in un cottage all’interno della campagna inglese, nazione che si sta preparando alla inevitabile guerra che ha il distruttivo compito di non risparmiare nessuno. Il lettore viene accolto nella calda cucina di Dorothy che è stata abbandonata dal marito. In quelle mura semplici che sanno di cose buone da mangiare, di un focolare che scalda, anche e soprattutto, quando fuori c’è il gelo, si vive la guerra, si sviluppa l’amicizia tra Dot, Aggie e Nina due giovani giunte dalla capitale per lavorare alla fattoria, tre donne sconosciute che imparano a viversi ogni giorno, e si affaccia timidamente una storia d’amore che nasce quando sembra che anche l’amore sia un lusso per pochi e che per questo è, e resterà per sempre, unica. E poi, tanto dolore, tanta rabbia per quella maternità rubata che non ha nessuna intenzione di tornare a bussare alla porta della misteriosa Dorothea.
La storia è stata costruita in due tempi, simili a due binari che vengono ripresi, affiancati e alle volte intrecciati sapientemente perché le vicende delle due protagoniste sono una lo specchio dell’altra.
Ma non è tutto, non si tratta solo di un bel romanzo d’amore, dal sapore un po’ retrò. Al lettore completamente coinvolto nelle vicende di Roberta e Dorothea viene chiesto un ulteriore sforzo, un valido confronto su un tema ricorrente e alquanto doloroso.
Il romanzo stesso, infatti, apre un’analisi tra lettore e scrittore su quanto accadde ad una donna che desidera un figlio ma non riesce ad averlo e, al contrario, ad una donna che non ha nessuna predisposizione alla maternità che invece, per uno strano e funesto gioco del destino, lo concepisce. Un tema difficile da scrivere per non rischiare di urtare la sfera materna e sensibile della donna, nata per procreare. La scrittrice in questo frangente compone un quadro completo, riesce ad esprimere perfettamente cosa accade quando l’emisfero materno viene in contatto con la durezza della morte, non ha paura di scoprire i sentimenti più osceni che si sviluppano nei personaggi che lei ha creato. La sua penna non vuole illudere, non vuole addolcire, non vuole raccontare bugie su quanto è dolorosa la rinuncia, su quanto sia spaventoso l’abbandono.
E poi, infine, l’amore.
L’unico sentimento in grado di cambiare le sorti delle persone. Un amore che completa e che divide, un amore che durerà per sempre “ al di là del tempo che non ci sarà più”.

Louise Walters è nata nell’ Oxfordshire nel 1967, si è laureata all’Open University nel 2010 e vive nell’ Northamptonshire con il marito e cinque figli. Autrice di poesie, “ Il libro dei ricordi perduti” è il suo primo romanzo che ha subito suscitato l’entusiasmo degli editori di tutto il mondo. Oltre che in Italia, “Il libro dei ricordi perduti” verrà pubblicato in Germania, Paesi Bassi, Serbia, Svezia, Francia, Polonia e Stati Uniti.

:: L’amore fragile, Carla Guelfenbein, (Piemme, 2014) a cura di Valeria G.

8 ottobre 2014

amore fragileDietro l’apparente solidità di Antonia, Sophie percepisce la sua stessa fragilità, una certa inettitudine per la vita, un’imperizia che le rende sorelle. Capisce che non può presentarsi all’improvviso nella sua vita e distruggere le fondamenta. Raccontarle la verità sarebbe proprio questo.

La storia si ripete. Sempre, all’infinito, purtroppo. Mi riferisco alla storia dei popoli, in continenti lontani geograficamente, ma vicini dell’animo e nelle intenzioni. Anime innocenti che sono obbligate a vivere brutalità e privazioni per assecondare obblighi ed ideali politici. Selezionati personaggi che impongono con forza e violenza il loro punto di vista, poco importa se al seguito resteranno fiumi di sangue e dolore, orde di vite spezzate per sempre, illusioni e sogni mai realizzati.
Questo accadeva in passato e questo, sfortunatamente accade nel nostro presente. L’uomo moderno, apparentemente in grado di creare un mondo perfetto, sembra non essere consapevole delle sue innate capacità. Paradosso morale di fallimento totale.
Carla Guelfenbein, scrittrice cilena di origini ebree-russo, nel suo ultimo lavoro “L’amore Fragile” pubblicato da Piemme, ha scelto di nascondere alcuni dei fatti storici più violenti e brutali che ha creato l’uomo in una immensa storia d’amore.
Un narratore discreto accompagna il lettore nel Cile del 1973, che sta vivendo gli iniziali tumulti che sfoceranno il giorno 11 settembre con il colpo di stato che fece cadere il governo Allende. Qui, Sophie atterra dalla lontana Francia per vivere con il suo affascinante papà Diego, braccio destro del Presidente, colpevole di non riuscire a domare il suo cuore e il suo corpo di uomo maturo. Qualche piano sopra il loro semplice appartamento vive Morgana, giovane studentessa, figlia di diplomatici spagnoli, nuotatrice eccellente, passionale amante della vita. Sophie con la sua fragilità affida la sua esistenza a Morgana la quale entra così a far parte della vita di Diego. Inevitabilmente, i due lottano per soffocare la passione che li spinge uno tra le braccia dell’altra, invano. L’amore immenso che li lega non accetta ostacoli né lontananza alcuna. Quando Diego confessa alla figlia che una nuova vita sta crescendo nel ventre della sua amata, lei fugge lontano da quel tradimento che distrugge, che brucia, che non lascia respirare. Sconfitta si rifugia in Francia, la sua terra natale. E, in occasione dei terribili fatti accaduti l’11 settembre 2001, non può fare a meno di tornare, con la memoria, al suo passato cileno, all’amore verso il padre e al viscerale legame con Morgana e a quella data maledetta, l’11 settembre di ventotto anni prima, che vide la prematura scomparsa dei suoi amati traditori. E’ solo allora che si sente pronta a rivivere il suo doloroso passato e a cercare Antonia, la sua sconosciuta sorella.
Un romanzo dal carattere forte, profondo, che coinvolge totalmente il lettore che non può far a meno di innamorarsi dei personaggi, e che non può non tifare per il loro amore unico e travolgente, per nulla fragile. Anzi. Se di fragilità vogliamo parlare non possiamo certo attribuirla all’amore tra Diego e Morgana che non smette mai di essere palpabile, fino al confine ultimo della morte.
Infine, qualche nota biografica a rendere il testo ancora più interessante: la scrittrice adatta egregiamente, silenziosamente e delicatamente, quanto accaduto nella sua famiglia nel lontano 1973 quando sua madre, attivista socialista, venne rapita ed in seguito rilasciata, in occasione del golpe politico. Dopo questo spaventoso incidente, la famiglia Guelfeinbein decise di lasciare il Sudamerica per cercare altrove la tanto ambita libertà; la sfortunata madre di Carla, tuttavia, si spense prematuramente a causa di una malattia incurabile quando lei compì 18 anni. Quella fragilità tipica dell’essere figlia senza l’amorevole appoggio materno, viene adattata perfettamente alla figura di Antonia.
Una scrittura che contempla poca descrizione dei luoghi, che preferisce invece, concentrarsi sull’essenza dell’uomo visto come essere bisognoso di amare ed essere amato, pagine commoventi della fine di un amore e di due vite, dolci e struggenti ricordi durante l’ultimo sospiro, completa di frasi preziose dai contenuti toccanti ed indimenticabili: “Pensa che tutto ciò che le ha unite – e le unisce- è la consapevolezza che l’unica maniera di sopravvivere è estrarre da tutto una goccia di bellezza” oppure “ Il futuro è un filo di seta che qualcuno tende perché qualcun altro lo raccolga”. Tutti questi ingredienti, miscelati alla perfezione, fanno di questo piccolo libro (di dimensioni, naturalmente) un infallibile alleato contro la malinconia, un libro da rileggere di tanto intanto per rammentare la bellezza della scrittura.

Carla Guelfenbein, nata a Santiago del Cile, è una delle più importanti autrici sudamericane. I suoi romanzi La donna della mia vita (Einaudi, 2008) e Il resto è silenzio (Piemme, 2013) hanno ricevuto un’ottima accoglienza dalla critica, e sono tradotti in molti paesi. Ha vissuto a lungo in Inghilterra, dove ha studiato grafica alla St. Martin’s School of Art di Londra. Tornata in Cile, ha lavorato come art director per la rivista «Elle» e oggi si dedica interamente alla scrittura.

:: La vita in ogni respiro, Blanca Busquets, (Piemme, 2014) a cura di Valeria G.

14 settembre 2014

index“Chiudo gli occhi e mi lascio trasportare dalla musica, come se stessi togliendo la polvere dal busto di Beethoven. La musica mi punge il cuore. Che bel suono ha il violino, anche se è quello della signora Anna. Non posso evitare di sorridere, come suona bene lo Stainer…….”

Ho sempre pensato che la musica e la letteratura appartengano allo stesso albero genealogico emozioni. Ad entrambi infatti è stato regalato il dono di saper risvegliare i sensi, anche quelli più reconditi e assopiti, l’unica differenza è il mezzo attraverso il quale questo straordinario effetto avviene: il musicista è colui che usa lo studio e l’esecuzione di un brano musicale, e dopo aver accordato alla perfezione il suo strumento, arriva a far vibrare le corde della nostra anima; lo scrittore, invece, si dedica all’ uso della parola scritta e attraverso la narrazione della sua storia ci trascina in una coinvolgente e stimolante analisi personale.
Quando ho iniziato la lettura di “La vita in ogni respiro” della scrittrice spagnola Blanca Busquets pubblicato da Piemme, non sapevo che mi sarei trovata tra le mani un’opera vera e propria. Immaginavo di leggere le avventure di un grande direttore d’orchestra che ha amato molte donne, le quali, sedotte e abbandonate come spesso accade nelle migliori storie d’amore, si trovano sole a rivangare  inutilmente i “se “e i “ma” della loro complicata relazione.
Invece…
La storia inizia con la voce di Teresa, giovane fanciulla povera e sfortunata, la quale si trovò tra le mani, in maniera del tutto casuale, un violino nella discarica che usava frequentare in compagnia di sua madre, per l’esattezza uno Stainer del 1672, un pezzo unico nel suo genere. Per lei, questo fu un incontro fondamentale, la classica porta che si apre sul mondo, l’apparente banale evento che poi, tanto banale non è visto che cambia lo svolgimento di una vita intera. Teresa dopo anni di fatiche e studio riuscì a diventare una eccellente violinista nonché una ricercata insegnante di musica. Durante le sue abituali lezioni incontrò una delle allieve più capaci di sempre, Anna, la quale afflitta da una vita famigliare povera di amore, sembrò aver perduto per sempre la propria anima e la sua voglia di felicità.
E poi c’è lui, Karl T. ,il perno attraverso il quale si snoda l’intero romanzo e trait d’union tra i personaggi: famoso direttore d’orchestra tedesco di nascita, vissuto nei migliori anni della sua giovinezza nella repressiva Berlino Est, approdato a Barcellona grazie al suo straordinario talento per la musica e ad un particolare violino, un lasciapassare verso l’occidente libero, deceduto a causa di una disfunzione cardiaca.  La sua misteriosa esistenza venne scandita dalla devota e acuta Maria, domestica fissa che oltre che essere una lavorante diventò, con la sua semplicità e il suo talento nascosto, suo riferimento emotivo, musicale e personale, da Mark, il figlio che non sapeva di avere, e che improvvisamente un giorno si presentò alla sua porta dichiarando di essere un musicista anch’egli e dalle tante artiste donne, sedotte lentamente e inesorabilmente durante le estenuanti prove all’interno del suo studio-salotto.
La Busquets compie una scelta coraggiosa ma decisamente riuscita: decide di non affidare ad un estraneo narratore le pagine del passato del suo protagonista, preferisce farlo rivivere attraverso la voce, qualche volta confusa tra vicende passate e incontri nel presente, dei personaggi che hanno avuto con lui una profonda e indimenticabile relazione umana e professionale.
Così il lettore viaggia attraverso la musica, principalmente, ma non solo, sulle note del famoso “Concerto a due violini” di Johann Sebastian Bach, opera immortale che il nostro protagonista  studiò ossessivamente al fine di riuscire a riprodurne la perfezione e attraverso il quale compone uno dei suoi più prestigiosi concerti nella sua Berlino ormai libera da ogni vincolo sociale e politico, e anni dopo la prematura scomparsa di Karl, attraverso un omaggio alla sua memoria che proprio suo figlio decide di organizzare per far rivivere l’importanza che l’evento ha avuto su tutti loro. Come una perfetta equazione matematica Karl e il perduto violino Stainer diventano il legame e il destino di vari personaggi, mentre le due violiniste, le migliori, le più abili, le più veloci dita di sempre, Anna e Teresa naturalmente, si rincorrono, si scontrano, si attaccano, si escludono l’un l’altra nella loro musicale esistenza così come avviene sul palcoscenico durante l’elaborata esecuzione del brano di cui sopra.
Lo scritto si affaccia al pubblico con una scrittura rapida e diretta, senza troppe variazioni di stile, inoltre, incuriosisce particolarmente la scelta, molto apprezzata a mio parere, di lasciare i dialoghi all’interno della struttura narrativa, infatti non esiste alcuna punteggiatura ad annunciare l’arrivo di una conversazione. Anche questa diventa una scelta efficace e riuscita attraverso la quale si aggiunge maggiore spessore e completezza ai numerosi conflitti interiori dei personaggi.

Blanca Busquets è nata a Barcellona nel 1961 ed è tra le maggiori autrici catalane. Ha ricevuto nel 2011 il prestigioso Premio Llibreter per l’acclamato romanzo L’ultima neve di primavera (Piemme 2013). Appassionata di musica classica, ha lavorato a lungo per la radio ed il teatro.