Posts Tagged ‘SUR’

Kentuki di Samanta Schweblin (SUR, 2019) a cura di Elena Romanello

18 dicembre 2019

SURns33_Schweblin_Kentuki_coverLa fantascienza intercetta fin dai suoi albori le contraddizioni e le nevrosi della nostra società, ed esistono tanti tipi di fantascienza: oggi va molto la distopia, un futuro prossimo o remoto in cui le cose sono andate peggio di come si poteva pensare, con richiami alla vita di oggi.
Ma il mondo di cui parla Samanta Schweblin, argentina trapiantata a Berlino, ospite anche della rassegna a Torino Aspettando il Salone, è molto vicino al nostro, quasi identico. Un mondo dove c’è un piccolo gadget tecnologico in più rispetto ai nostri, il kentuki, un animaletto di peluche, corvo, coniglietto, panda o draghetto, con dentro una videocamera collegata con qualcuno dall’altra parte del mondo che spia la vita altrui, per un periodo però limitato, perché dopo un po’ la connessione si scarica e non è più possibile attivarla.
In questo microcosmo molto simile, se non quasi uguale al nostro (la tecnologia per realizzare un qualcosa di simile ai kentuki, a metà strada tra i Tamatgochi e i Furby, esiste) si può quindi scegliere di avere un kentuki o di essere un kentuki, guardando la vita anche imbarazzante e le nevrosi individuali. Ma anche chi ha fisicamente il pupazzo non sta bene, perché non può sapere alla fine chi c’è dietro alla telecamera, ed ecco che emergono istinti di distruzione verso i kentuki. Inoltre c’è chi si arricchisce vendendo le connessioni, per poter scegliere, cosa in teoria impossibile, chi spiare.
I kentuki uniscono vari angoli del mondo: dall’Argentina alla Cina, dall’ex Jugoslavia a Israele, e capita che una pensionata di Lima segua le giornate di una ragazza tedesca, vivendo le sue gioie e i suoi problemi, un ragazzino di Antigua scopra la neve per la prima volta, un uomo appena divorziato si affidi a un kentuki per superare la solitudine, un gruppo di ragazze bulle si trovano minacciate e perseguitate dal loro animaletto dopo aver cercato di fare uno scherzo ad una compagna di classe.
Un libro che si costruisce su varie storie parallele, di solitudine, ossessione, voyeurismo, voglia di rivincita e che racconta un mondo con tutte le nevrosi e le dipendenze della contemporaneità. Una storia di fantascienza, in parte, ma anche una metafora di come si potrebbe finire in un futuro molto prossimo la vita di molti di noi, anzi in parte succede già che si spii attraverso i social le vite degli altri.
Una storia con echi di David Lynch ma anche di serial cult come Black Mirror, che appassiona e inquieta, e con un finale aperto a nuove possibilità.

Samanta Schweblin (Buenos Aires, 1978) è una scrittrice argentina di fama internazionale. Nel 2010 è stata selezionata dalla rivista Granta come una dei 22 migliori scrittori in lingua spagnola sotto i 35 anni, riconoscimento in seguito confermato da numerosi premi letterari. Tra le sue opere: La pesante valigia di Benavides (Fazi, 2010) e Distanza di sicurezza (Rizzoli, 2017).Oltre a Kentuki, SUR pubblicherà due sue raccolte di racconti, Siete casas vacías, che le ha valso il prestigioso Premio Ribera del Duero nel 2015, e Pájaros en la boca, la cui traduzione in inglese è stata candidata al Man Booker International Prize.

Provenienza: libro preso in prestito nelle Biblioteche del circuito SBAM.

:: Non sapevamo giocare a niente, Emma Reyes (edizioni SUR, 2015) a cura di Federica Guglietta

23 ottobre 2015
amr

Clicca sulla cover per l’acquisto

Forse non lo sapete, ma a volte, la maggior parte delle volte ormai, è l’editoria indipendente a regalarci dei piccoli capolavori. Dopo Correzione di bozze in Alta Provenza e Carne Viva, torno a parlarvi di un autentico arcobaleno di colori proveniente dalla letteratura straniera (ispanica, sudamericana e, da poco, anche angloamericana), in traduzione italiana, quello dei libri SUR.

Lo faccio parlandovi di un epistolario: 23 lettere che la colombiana Emma Reyes, pittrice, scrisse e spedì per trent’anni, dalla Francia alla Colombia, al suo amico Gérman Arciniegas, colombiano come lei e giornalista, saggista, storico e diplomatico.

Nelle lettere indirizzate a questa sua amicizia di lunga data, ma anche e soprattutto a noi, Emma racconta di Bogotà e della sua infanzia, degli undici lunghi anni trascorsi in convento prima di potersi “lasciare tutto alle spalle” e partire alla volta di Argentina, Paraguay, Uruguay, Bolivia, per poi fermarsi a vivere in Francia. Viaggerà molto, nel mentre, non smetterà mai di dipingere. Prima di tutto ciò, da ragazzina, visse anni di stenti e privazioni insieme alla sorella maggiore Helena.

Con la protezione che questo epistolare familiare ed amichevole le offre, prima, come tutto il romanzo, poi, Emma ha modo di tornare la bambina che era a quattro anni, narrando nel tono ovattato tipico di chi ricorda, gli anni più duri della sua vita fatti di abbandono, periodi di vagabondaggi e poca dolcezza che sarebbe consona alla sua età bambina. Lo fa con la stressa innocenza e lo stesso identico candore del tempo, cosa che trasmette un senso di straniamento e di empatia assoluta con il personaggio – narratrice – autrice.

“Nelle ore di ricreazione tutte giocavano a molti giochi diversi; noi non sapevamo giocare a niente.”

Non sapevamo giocare a niente è l’opera prima di un’autrice rimasta analfabeta fino alla maggiore età, una donna che non ha mai messo piede né a scuola né all’università, come ci fa sapere Diego Garzón, direttore della rivista colombiana Soho, in un articolo riportato ad aprile scorso sul blog di SUR, in occasione della pubblicazione.

Inoltre, ho trovato bellissima e molto importante per la comprensione del romanzo la prefazione a cura di Tiziana Lo Porto che offre il quadro biografico di quest’autrice, il cui unico romanzo, questo, verrà pubblicato solo postumo. Non sapevamo giocare a niente viene pubblicato per la prima volta nel 2012, divenendo subito un unicum nella letteratura sudamericana, oltre che un caso letterario amato dalla critica e dai lettori.

Traduzione di Violetta Colonnelli. Prefazione di Tiziana Lo Porto.

Emma Reyes (1919-2003), pittrice, nata a Bogotà, viaggia molto e negli anni ’50 si ferma a vivere a Parigi, dove ha modo di avvicinarsi all’élite culturale dell’epoca ed è conosciuta e ricordata ancora oggi.

Source: libro inviato dall’editore, ringraziamo Marco dell’ufficio stampa edizioni SUR.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.