Posts Tagged ‘Nicola Pesce’

La mia riscossa delle nerd di Elena Romanello

22 gennaio 2021

riscossaUna delle poche cose positive che mi ha aiutata in questo brutto periodo è stata ed è la scrittura, ed è per questo che sono contenta di annunciare che il 2021 inizia con l’uscita per NPE Edizioni del mio saggio La riscossa delle nerd, dedicata alla cultura del fantastico al femminile, infatti ha come sottotitolo La storia del girl power nell’era dell’intrattenimento.
Il libro nasce come risposta amichevole al simpaticissimo I nerd salveranno il mondo di Fulvio Gatti, uscito per Las Vegas edizioni, dove l’autore citava icone e storie, ma tralasciava il fandom otaku, quello legato a manga e anime, fondamentale per tantissimi e tantissime di noi, e l’apporto dato da noi donne agli universi del fantastico.
Conoscevo Edizioni NPE da tempo per l’ottimo lavoro di divulgazione che ha fatto sulla cultura legata ai fumetti e quindi sono onorata di far parte della loro squadra. Il libro tra l’altro è anche illustrato con varie immagini interne, che ho contribuito a cercare e rielaborare, facendo quindi un lavoro a tutto tondo di tipo editoriale.
Sono partita dall’idea che l’immaginario fantastico ha contribuito a scardinare gli stereotipi di genere e a creare nuovi modelli di protagonismo, creando poi anche un fandom al femminile creativo, influente e sempre più ampio. Questo è successo a me e tante altre bambine e ragazze, che abbiamo scoperto che c’erano mondi fantastici da scoprire e esplorare e protagoniste molto intriganti di cui seguire le avventure.
I personaggi di cui parlo sono tanti, di epoche diverse, da Alice nel paese delle meraviglie a Wonder Woman, da Ellen Ripley a Sailor Moon, da Lady Oscar a Scully, da Lamù a Buffy, da Leia a Clarice Sterling, da Xena a Daenerys, da Jolanda la figlia del corsaro nero di Salgari alla Doctor Who donna, senza dimenticare però le tante autrici del fantastico e chi sta cercando oggi una strada nei settori del fantastico partendo dalla propria passione e creatività. Per la cronaca mi metto dentro anch’io a questo giro, mi spiace solo non essermi data da fare anni prima.
In attesa che torni il mondo nerd nella vita reale, con fiere ed eventi, io propongo questo libro, che va ad aggiungersi agli altri due usciti nell’ultimo anno, la guida ad Once upon a time per Yume e quella per Game of  Thrones di Ultralit. Sto già lavorando a nuovi progetti, entro l’anno uscirà un saggio sulle streghe nell’immaginario fantastico sempre per Yume, sto proponendo in giro la mia Enciclopedia del fantasy e ho già cominciato a scrivere tre nuove cose, un saggio sulle serie TV di genere urban fantasy, uno sui serial di fantascienza e uno sulle donne guerriere. Tutte, ovviamente, cose da nerd.

Graphic Novel il fumetto spiegato a mio padre di Nicola Andreani (NPE, 2014) a cura di Elena Romanello

17 novembre 2018

7043486Andando a Lucca Comics ci si rende conto della complessità e varietà del mondo del fumetto, e le idee possono confondersi ancora di più se si visita una delle tante, belle fumetterie che ci sono nelle nostre città.
Come muoversi in un mondo poliedrico e multiculturale? Ci prova questo simpatico, agile e esauriente saggio di Nicola Andreani, Graphic novel il fumetto spiegato a mio padre edito da NPE qualche tempo fa ma ancora attuale, utile sia per i neofiti che vogliono saperne di più, sia per gli appassionati che vogliono fare il punto della situazione.
L’autore parte ricordando le origini letterarie di ogni tipo di fumetto, compreso quello seriale, e poi esamina la produzione di Paesi come l’Argentina, l’Italia, la Francia, il Belgio, gli Stati Uniti e il Giappone, citando opere e autori ormai classici come L’eternauta del compianto Osterheld, Corto Maltese di Hugo Pratt, Persepoli di Marjane Satrapi, Sin City di Frank Miller, Watchmen di Alan Moore, La storia dei tre Adolf di Osamu Tezuka, Akira di Katsuhiro Otomo.
Il libro è arricchito da immagini di copertine e tavole, per capire le differenze contenutistiche e culturali tra le varie correnti di fumetti, o meglio di graphic novel, e fornisce una guida preziosa e interessante ad un mondo sempre in evoluzione ma che non dimentica le sue radici. L’autore approfondisce anche la differenza tra fumetto seriale e graphic novel, con il carattere di maggiore crescita e cambiamento dei protagonisti di quest’ultima.
Infatti il romanzo, se lo si schematizza, è una narrazione autoconclusiva che racconta un crisi che porta il protagonista a cambiare: il graphic novel si attacca alla letteratura anche nell’iconografia, inglobando vari stili artistici e stimolando la riflessione, raccontando metafore della società di oggi o storie del passato e inventate ma vivide e vivaci.
Un libro quindi con tanti suggerimenti per integrare e ampliare le proprie letture e magari per capire come diventare anche autori di graphic novel.

Nicola Andreani (1984) è stato assistente di Manuele Fior, Alessandro Tota e Sualzo. Del 2014 il suo primo saggio sul fumetto, Graphic Novel. Il fumetto spiegato a mio padre (Edizioni NPE), e nello stesso anno ottiene un dottorato in fumetto alla Sorbonne di Parigi con una tesi sulle origini del fumetto. Da anni collabora con la Biblioteca delle Nuvole, la biblioteca di fumetto e illustrazione del Comune di Perugia, e realizza corsi di fumetto per tutte le età. Dal 2015 collabora con la rivista «The Mag» come illustratore.

Provenienza: libro del recensore.