Posts Tagged ‘Elizabeth Jane Howard’

:: Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard (Fazi 2015) a cura di Michela Bortoletto

28 febbraio 2018
anni-leggerezza_cazalet

Clicca sulla cover per l’acquisto

Inghilterra 1937, la famiglia Cazalet si appresta a passare l’estate nella dimora di campagna. A prima vista sembra trattarsi di una famiglia come tante: il capofamiglia, chiamato Generale, la moglie detta la Duchessa, i tre figli maschi con mogli e progenie al seguito e la figlia nubile. Una famiglia borghese, numerosa e affiatata. Ma fin dalle prime pagine di questa saga familiare si intuisce che non è tutto oro quello che luccica.
Riga dopo riga Elizabeth Jane Howard ci introduce nella famiglia Cazalet, una famiglia tutt’altro che ordinaria, e ci presenta tutti i suoi protagonisti.
Si parte così alla scoperta del Generale e della Duchessa, una coppia d’altri tempi, l’incarnazione della rigida morale vittoriana: tutto avviene secondo rituali ben precisi come la colazione servita a letto dalle domestiche e le cene rigorosamente in abito da sera.
Segue la famiglia del loro primogenito Hugh, sposato con Sybil e padre di tre figli: Polly, Simon e Willy. Hugh e Sybil, una coppia perfetta. Non fosse che lui porti addosso i segni e le cicatrici fisiche e non della Grande Guerra e che l’uno non abbia consapevolezza dei desideri dell’altra e viceversa.
Poi ci sono Edward e Villy con Luoise, Teddy e Lydia. Lui, affascinante e donnaiolo, lei un’ex ballerina annoiata dalla vita.
L’ultimogenito è Rupert, vedovo e pittore mancato. Dalla prima moglie ha avuto due figli, Clary e Neville, costato la vita alla madre. Rupert si è risposato con la giovane e bellissima Zoe che però fatica ad adattarsi al ruolo di madre.
Infine c’è Rachel, unica figlia femmina. Figlia devota, sembra non essersi mai spostata per dedicare tutta la sua vita alla cura dei genitori. Ma il motivo in realtà è un altro e lo si scoprirà presto.
Intorno agli adulti ci sono i nipoti del Generale e della Duchessa, ognuno con un proprio preciso tratto distintivo, ognuno con aspirazioni e caratteri diversi, ognuno con i proprio problemi.
Nelle pagine di questo primo capitolo della saga la Howard ci traccia i ritratti dei membri della famiglia Cazalet raccontandoci le loro azioni e le loro vicissitudini. A poco a poco si viene introdotti in famiglia e si comincia a conoscere ogni singolo protagonista attraverso punti di vista diversi. Ognuno di loro viene messo a nudo e piccoli e grandi problemi ci introducono in questa ingarbugliata famiglia.
Ma non solo. Quello dei Cazalet, infatti, non è un mondo chiuso in se stesso ed estraneo a tutto. Intorno a loro c’è il mondo reale, quello di un’Europa sull’orlo di una nuova guerra. E la Storia è anch’essa protagonista della saga e le vicende dei Cazalet si intrecciano con essa.
Quelli raccontati dalla Howard in questo primo libro sono gli anni antecedenti la Seconda Guerra Mondiale. Sono gli anni in cui ancora si spera che il conflitto si possa evitare. Gli anni in cui però comincia a farsi strada una nuova consapevolezza in ogni singolo membro della famiglia dei Cazalet. Sono gli ultimi anni della leggerezza.

Elizabeth Jane Howard  (Londra, 1923 – Bungay, 2014). Figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina del balletto russo, ebbe un’infanzia infelice a causa della depressione della madre e delle molestie subite da parte del padre. Donna bellissima e inquieta, ha vissuto al centro della vita culturale londinese della seconda metà del Novecento e ha avuto una vita privata burrascosa, costellata di una schiera di amanti e mariti, fra i quali lo scrittore Kingsley Amis. Da sempre amata dal pubblico, solo di recente Howard ha ricevuto il plauso della critica. Scrittrice prolifica, è autrice di quindici romanzi. La saga dei Cazalet è la sua opera di maggior successo. Fazi Editore ha pubblicato il romanzo Il lungo sguardo e i primi quattro capitoli della saga: Gli anni della leggerezza, Il tempo dell’attesa, Confusione e Allontanarsi.

Source: acquisto del recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

:: Confusione, Elizabeth Jane Howard (Fazi, 2016), a cura di Irma Loredana Galgano

27 ottobre 2016
co

Clicca sulla cover per l’acquisto

Da settembre anche in Italia il terzo volume della Saga dei Cazalet di Elizabeth Jane Howard. Confusione (Fazi, 2016) viene presentato ai lettori italiani nella versione, tradotta dall’originale in inglese, da Manuela Francescon.
Continuano le vicende dei componenti la famiglia Cazalet che affrontano, giorno dopo giorno, la vita con le sue mille sfaccettature. Grandi protagoniste sono delle donne, di questo come dei precedenti episodi. Donne in contrasto con la vecchia morale vittoriana e desiderose di affacciarsi all’era moderna, con i suoi nuovi costumi, la libertà e la voglia di crescere, non solo anagraficamente parlando. Su tutti incombe il pericolo reale e tangibile della guerra e all’unisono sognano la sua fine.

«Il momento in cui sarebbe iniziata una vita nuova, le famiglie si sarebbero ricongiunte, la democrazia avrebbe prevalso e le ingiustizie sociali sarebbero state sanate in blocco.»

 Il testo racconta di grandi cambiamenti, interiori ed esteriori e, rispetto ai titoli precedenti, si caratterizza e al contempo genera nel lettore una profonda confusione. Appare fin da subito evidente si tratta di un libro di passaggio, quasi un ponte che lega insieme i primi dagli ultimi due titoli della Saga. Il linguaggio è quello tipico della Howard. Una scrittura lenta ma incisiva, chiara ma profonda. Uno stile fluente reso ancor più attraente dal ritmo incalzante. Una lettura che è come un salto all’indietro nel tempo. Ci si ritrova più volte a pensare a quanto, in realtà, lo scritto della Howard somigli ai grandi capolavori di quegli scrittori che hanno fatto la storia della Letteratura. Tolstoj, Dostoevskij, Verga, De Roberto, le sorelle Bronte… per citarne alcuni.
Una scrittura che è anche un’arte nella sua capacità di trasformare, al pari di quanto facevano con colori e pennello Caravaggio e i Carracci, anche il più umile aspetto della vita in un’opera d’arte. Elizabeth Jane Howard è riuscita con la sua scrittura a rendere straordinaria la vita assolutamente ordinaria dei suoi personaggi e le loro altrimenti comunissime storie.

«Poi le venne in mente che forse non voler pensare a una cosa era brutto quanto non volerne parlare, e lei di certo non voleva seguire le orme della sua ipocrita famiglia che, così le pareva, stava facendo di tutto per continuare a vivere come se niente fosse successo.»

Elizabeth Jane Howard: Scrittrice britannica. Figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina di balletto russo. Ebbe un’infanzia infelice a causa della depressione della madre e delle molestie del padre. Da sempre amata dal pubblico, solo di recente ha ricevuto il plauso della critica. La Saga dei Cazalet è la sua opera di maggior successo.

Provenienza: pdf inviato dall’editore al recensore, si ringrazia Cristina dell’ufficio stampa Fazi.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.