:: Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard (Fazi 2015) a cura di Michela Bortoletto

by
anni-leggerezza_cazalet

Clicca sulla cover per l’acquisto

Inghilterra 1937, la famiglia Cazalet si appresta a passare l’estate nella dimora di campagna. A prima vista sembra trattarsi di una famiglia come tante: il capofamiglia, chiamato Generale, la moglie detta la Duchessa, i tre figli maschi con mogli e progenie al seguito e la figlia nubile. Una famiglia borghese, numerosa e affiatata. Ma fin dalle prime pagine di questa saga familiare si intuisce che non è tutto oro quello che luccica.
Riga dopo riga Elizabeth Jane Howard ci introduce nella famiglia Cazalet, una famiglia tutt’altro che ordinaria, e ci presenta tutti i suoi protagonisti.
Si parte così alla scoperta del Generale e della Duchessa, una coppia d’altri tempi, l’incarnazione della rigida morale vittoriana: tutto avviene secondo rituali ben precisi come la colazione servita a letto dalle domestiche e le cene rigorosamente in abito da sera.
Segue la famiglia del loro primogenito Hugh, sposato con Sybil e padre di tre figli: Polly, Simon e Willy. Hugh e Sybil, una coppia perfetta. Non fosse che lui porti addosso i segni e le cicatrici fisiche e non della Grande Guerra e che l’uno non abbia consapevolezza dei desideri dell’altra e viceversa.
Poi ci sono Edward e Villy con Luoise, Teddy e Lydia. Lui, affascinante e donnaiolo, lei un’ex ballerina annoiata dalla vita.
L’ultimogenito è Rupert, vedovo e pittore mancato. Dalla prima moglie ha avuto due figli, Clary e Neville, costato la vita alla madre. Rupert si è risposato con la giovane e bellissima Zoe che però fatica ad adattarsi al ruolo di madre.
Infine c’è Rachel, unica figlia femmina. Figlia devota, sembra non essersi mai spostata per dedicare tutta la sua vita alla cura dei genitori. Ma il motivo in realtà è un altro e lo si scoprirà presto.
Intorno agli adulti ci sono i nipoti del Generale e della Duchessa, ognuno con un proprio preciso tratto distintivo, ognuno con aspirazioni e caratteri diversi, ognuno con i proprio problemi.
Nelle pagine di questo primo capitolo della saga la Howard ci traccia i ritratti dei membri della famiglia Cazalet raccontandoci le loro azioni e le loro vicissitudini. A poco a poco si viene introdotti in famiglia e si comincia a conoscere ogni singolo protagonista attraverso punti di vista diversi. Ognuno di loro viene messo a nudo e piccoli e grandi problemi ci introducono in questa ingarbugliata famiglia.
Ma non solo. Quello dei Cazalet, infatti, non è un mondo chiuso in se stesso ed estraneo a tutto. Intorno a loro c’è il mondo reale, quello di un’Europa sull’orlo di una nuova guerra. E la Storia è anch’essa protagonista della saga e le vicende dei Cazalet si intrecciano con essa.
Quelli raccontati dalla Howard in questo primo libro sono gli anni antecedenti la Seconda Guerra Mondiale. Sono gli anni in cui ancora si spera che il conflitto si possa evitare. Gli anni in cui però comincia a farsi strada una nuova consapevolezza in ogni singolo membro della famiglia dei Cazalet. Sono gli ultimi anni della leggerezza.

Elizabeth Jane Howard  (Londra, 1923 – Bungay, 2014). Figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina del balletto russo, ebbe un’infanzia infelice a causa della depressione della madre e delle molestie subite da parte del padre. Donna bellissima e inquieta, ha vissuto al centro della vita culturale londinese della seconda metà del Novecento e ha avuto una vita privata burrascosa, costellata di una schiera di amanti e mariti, fra i quali lo scrittore Kingsley Amis. Da sempre amata dal pubblico, solo di recente Howard ha ricevuto il plauso della critica. Scrittrice prolifica, è autrice di quindici romanzi. La saga dei Cazalet è la sua opera di maggior successo. Fazi Editore ha pubblicato il romanzo Il lungo sguardo e i primi quattro capitoli della saga: Gli anni della leggerezza, Il tempo dell’attesa, Confusione e Allontanarsi.

Source: acquisto del recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: