Posts Tagged ‘Olanda’

Per antiche strade. Un viaggio nella storia d’Europa. Mathijs Deen, (Iperborea 2020) A cura di Viviana Filippini

28 giugno 2020

per-antiche-strade-1Per antiche strade” è il nuovo lavoro letterario di Mathijs Deen, edito da Iperborea. Il testo è un vero e proprio viaggio nella storia d’Europa, come indicato nel sottotitolo, su antiche vie di comunicazione. Lo scrittore olandese parte da un ricordo d’infanzia quando andava dai nonni e il padre, alla guida della loro macchina, era solito dire: “Questa è la E8, che va da Londra a Mosca”. Un dettaglio che colpì molto il piccolo Mathijs e lo fece a tal punto che ora, in questo testo, lo scrittore ci invita a seguirlo nell’intricato reticolo di vie e strade presenti in Europa. Quello che Deen fa in “Per antiche strade” è importante, perché mette noi fruitori del presente a conoscenza di alcune delle più importanti arterie di collegamento tra città europee di oggi. In realtà, dal presente, l’autore ci trascina nel passato, mostrandoci, attraverso le storie e le vite di uomini e donne, che quelle strade vennero calpestate, percorse e solcate molto prima di noi, a dimostrazione della loro pluricentenaria esistenza. Non a caso durante la lettura si incontra la più ampia e variegata umanità, dove si alternano esploratori, conquistatori, mercanti, profughi, banditi e pure pellegrini, che nel corso dei millenni esplorarono le strade europee, lasciando le basi di quello che oggi è il nostro puzzle socio-culturale identitario. Quello che Deen fa è appassionante e stimola molto il lettore, in quanto la sua scrittura e quello che essa contiene, raccontano le strade e le vite di persone storicamente vissute, ma non sempre conosciute. Qualche esempio? Nel libro si trovano le tracce dei primi uomini giunti in Europa dall’Africa nell’era del Pleistocene. Poi incontriamo Bulla Felix, un brigante romano che rubava ai ricchi, liberava gli schiavi e ammetto che questo suo fare mi ha ricordato un certo Robih Hood arrivanto qualche tempo dopo. Come non rimanere affascinati dalla figura di Guðríðr Porbjarnardóttir, una giovane donna islandese battezzata che arrivò in Europa e dal Papa, nella speranza di capire se i suoi genitori pagani sarebbero finiti in paradiso. Non solo, perché nel libro di Deen ci sono tante figure curiose, compreso un suo lontano parente che finì a combattere in Russia al fianco di Napoleone, o le vite di coloro che parteciparono alla prime corse automobilistiche non su circuito, ma direttamente sulle strade di collegamento tra le capitali europee. “Per antiche strade” di Mathijs Deen è un libro davvero interessante, nel quale le strade dell’Europa sono narrate attraverso le biografie di coloro che le percorsero e questo approccio stilistico è molto avvincente, non solo perché ci permette di conoscere le vite di alcuni personaggi storici esistiti prima di noi ma, grazie al loro spostarsi nel continente , noi lettori conosciamo le sfaccettature, le trasformazioni delle cultura europea, e anche le conseguenze derivanti dai contrasti politici, economici, religiosi (come la storia dell’ebreo che scappò dalla Spagna, perché bersaglio dell’Inquisizione e finì in Olanda dove portò l’arte del teatro) e culturali che hanno caratterizzato e reso tale la nostra Europa. Traduzione di Elisabetta Svaluto Moreolo.Ricordo anche i podcast dedicati a “Per antiche strade” di Mathijs Deen in 8 puntate realizzati, con la collaborazione di Matteo Caccia, attore e speaker radiofonico, presenti sulle principali piattaforme streaming gratuite.

Mathijs Deen (1962) è uno scrittore e giornalista, autore di programmi di storia per la radio olandese. Ha pubblicato numerosi romanzi e raccolte di racconti e di saggi. “Per antiche strade” è in corso di pubblicazione in vari paesi europei.

Source: richiesto dal recensore. Grazie a Francesca Gerosa e all’ufficio stampa Iperborea.

:: Mediorientarsi – L’autistico e il piccione viaggiatore, Rodaan Al Galidi (Il sirente, 2016) a cura di Matilde Zubani

13 maggio 2016

index

Clicca sulla cover per l’acquisto

L’autistico e il piccione viaggiatore forse non rientra nella “classica” tipologia di libri che recensisco di solito in questa rubrica. In effetti non è ambientato in Medioriente, ma in Olanda. Però l’autore, Rodaan Al Galidi, è iracheno… anche se ha scritto questo romanzo in olandese. Leggete oltre e tutto si farà più chiaro!
Il libro racconta la storia di diversi personaggi, tutti surreali, alcuni, forse, allegorici. Prima di tutto c’è Geert, un ragazzo autistico che prende tutto alla lettera, maturando con ogni parola un rapporto speciale. Poi c’è sua madre, Janine, che potremmo definire una “sciroccata” con un debole per gli alcolici. Ci sono diverse figure femminili, tutte incomprese agli occhi di Geert, poi ci sono un piccione viaggiatore che ritorna sempre a casa e un maiale di nome Sinatra.
Geert vive con la giovane madre sopra al negozio dell’usato in cui lei lavora. Ogni notte scende le scale e si intrufola nel negozio buio e deserto: entra così in un mondo fatto di oggetti abbandonati, capaci di stimolare la sua mente geniale. Li smonta e rimonta dando vita a creazioni improbabili, come il giradischi che, collegato ad un elettrocardiografo, lo aiuta a stabilire “se la musica è buona, oppure no”.
Quando al negozio arriva un vecchio Stradivari tutto cambia. La musica diventa il mezzo tramite cui Geert si apre al mondo esterno, che accoglie incredulo il prodotto della sua creatività ribelle. Un esame attento di quel nuovo oggetto porta Geert a pensare che “l‘arte trasforma il legno in un violino, il violino in un’ anima e le dita in note che si alzano”. Smontandolo, pensa “allo spazio che era rimasto imprigionato nel violino di Antonio Stradivari dal 1773 e che era volato via nel negozio dell’usato.” Capisce che il violino e la sua musica producono emozioni che possono “far volare una persona più in alto di tutto”.
Così Geert inizia a costruire violini Stradivari demolendo vecchi divani recuperati al negozio dell’usato. L’arte dell’ingegno è la risorsa più preziosa per Geert, che vi si dedica con un’inconsapevolezza ingenua, attirando su di sé la curiosità degli altri.
Al Galidi ha scritto un romanzo iper-realista, stringato, con i dettagli ridotti all’essenziale, il linguaggio spiccio e diretto. Accosta immagini forti e disincantate – parlando di sesso o di emarginazione sociale senza tabù – a scene dai toni fiabeschi, come quelle in cui Geert si avvicina agli animali.
La chiave di lettura del racconto sta nella biografia del suo autore: dopo essersi laureato in ingegneria elettronica in Iraq, Al Galidi fugge dal suo Paese e dopo varie peripezie arriva in Olanda.
Trascorre nove anni in un campo profughi, dove impara l’olandese da autodidatta. Ecco quindi che l’autismo si trasforma in una metafora della sua condizione di “emarginato” e la scrittura è il veicolo con cui aprirsi al mondo e uscire dal proprio isolamento.
Non mancano riferimenti alle consuetudini della vita olandese viste con gli occhi di Geert, che sono quelli di un estraneo capace di coglierne le stranezze. Traspare anche una certa ironia, che riesce a sdrammatizzare gli aspetti più duri della “diversità”.

Rodaan Al Galidi – nato nel 1971 in Iraq. Dopo la laurea in ingegneria elettronica fugge dall’Iraq e arriva in Olanda nel 1998. Scrive opere di prosa e poesia in olandese, lingua che ha imparato da autodidatta. Il suo romanzo L’autistico e il piccione viaggiatore ha vinto il Premio dell’Unione Europea per la letteratura nel 2011.

Source: libro inviato dall’editore al recensore, ringraziamo Chiarastella dell’Ufficio Stampa Il Sirente.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.