Posts Tagged ‘La figlia’

:: La figlia di Giuseppe Scaglione (Robin 2017) a cura di Nicola Vacca

5 dicembre 2017
la figlia

Clicca sulla cover per l’acquisto

La provincia italiana (e i suoi misfatti) è al centro de La figlia, il primo romanzo di Giuseppe Scaglione.
In modo particolare quella barese, dove l’autore vive e ambienta un noir dalle tinte forti, in cui la sua scrittura non risparmia critiche feroci alle convenzioni sociali e all’ipocrisia.
Il protagonista è Paolo Saliani, un avvocato d’affari molto noto che si afferma a Milano. Per una serie di vicissitudini familiari decide di lasciare la città lombarda e ritornare a vivere a Bari, dove è nato.
Nel capoluogo pugliese si afferma come penalista. Paolo si trova coinvolto in una serie di omicidi che avvengono in un piccolo paese dell’entroterra barese.
Un notabile del posto viene coinvolto nel primo di questi omicidi.
L’avvocato assume le sue difese ed è subito convinto dell’estraneità ai fatti del suo cliente.
Il magistrato è di parere contrario e ordina l’arresto dell’indiziato. Paolo inizia a muoversi nella fitta rete della vita del piccolo paese, intenzionato a scoprire l’identità del vero assassino perché è convinto che egli tornerà a uccidere. Si improvvisa investigatore, aiutato da un anziano ufficiale che come lui crede nell’innocenza del suo cliente.
L’uomo di legge si troverà coinvolto nel giro di maldicenze, nella morte sociale della vita del paese, dove l’apparenza sana della provincia è solo una facciata.
Paolo riesce a perforare con le sue indagini il muro delle apparenze e delle omertà del piccolo paese della provincia barese, dove tra pettegolezzi e giochi di potere incontra sulla sua strada il perbenismo, il sopruso e soprattutto avrà a che fare con una serie di situazioni di clientelismo infame e di giochi di potere trasversale. Capirà subito che i delitti su cui si troverà a indagare scaturiranno dal quel meccanismo perverso e di depravazione.
La figlia è un noir perfetto. Dietro i suoi molteplici intrecci narrativi, Scaglione riesce, con una scrittura fluida e brillante, a fornire un quadro convincente che risponde al vero delle contraddizioni umane, sociali e economiche della vita sociale della provincia italiana.
L’autore attraverso i suoi personaggi entra nella fitta rete di complicità e connivenze di Niso, un paese della Murgia dei trulli, osserva in maniera minuziosa la realtà e i costumi del posto fornendo al lettore un quadro preciso di un’umanità meschina che si nasconde dietro le apparenze di un’esistenza normale.
La figlia è anche (e soprattutto) una commedia crudele della vita di provincia. Una commedia che Scaglione tinge di noir, dimostrando di conoscere l’arte del romanzo.

Giuseppe Scaglione è nato a Bari e vive a Gioia del Colle. Svolge attività giornalistica come critico d’arte ed è curatore di mostre ed altri eventi. Pubblica recensioni anche sul proprio blog “Correlazioni – Arte &Cultura“, che tratta di arti visive, fotografia, poesia e narrativa.

Nota: In copertina disegno di Mario Pugliese.

Source: libro inviato al recensore dall’autore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.