Posts Tagged ‘cyberbullismo’

:: Cyberbullismo, in Vaticano l’Osservatorio mondiale voluto da Papa Francesco

7 novembre 2018

1 xcAlla luce del dilagante fenomeno del bullismo, con particolare riferimento alla dimensione digitale, la Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes, voluta da Papa Francesco per garantire a tutti i ragazzi il diritto all’educazione, e la Fondazione Carolina, dedicata a Carolina Picchio, presentano agli operatori dell’informazione il primo Osservatorio internazionale sul cyberbullismo, con sede in Vaticano.

Appuntamento alle ore 12,30 di giovedì p.v. 8 novembre, presso la Sala Marconi -Radio Vaticana – Piazza Pia 3. – 00120 Città del Vaticano.

Nasce Ico, International Cyberbullying Observatory e avrà sede in Vaticano. Il progetto, studiato per rispondere all’appello più volte lanciato da Papa Francesco per il benessere dei ragazzi nel web, sarà presentato nell’ambito del primo congresso mondiale sul rapporto tra minori e web, organizzato a Castel Gandolfo nella prossima primavera 2019.
Tutti i dettagli saranno illustrati dai promotori dell’iniziativa, la Fondazione Scholas – fondata da Papa Francesco per promuovere il diritto all’educazione grazie alle rete di oltre 440 mila scuole in tutto il mondo – e dalla Fondazione Carolina, impegnata nella tutela dei minori sul web in memoria della prima vittima di cyberbullismo, Carolina Picchio, divenuta simbolo per tutti i ragazzi.

Durante la conferenza stampa, con la partecipazione dei rappresentanti della Congregazione per l’educazione Cattolica, dei presidenti di Fondazione Scholas, José Maria del Corral, e di Fondazione Carolina, Paolo Picchio, sarà lanciata la prima indagine globale sull’esperienza digitale degli studenti.
I dati, elaborati dal Comitato scientifico di ICO, saranno restituiti ai rappresentanti istituzionali e alle delegazioni di studenti di circa 30 Paesi durante il grande evento di aprile, organizzato in collaborazione con iDea Congress, società specializzata nel fundraising e nell’organizzazione di congressi.

:: Generazioni digitali – consigli per genitori e formatori, Marco Sanavio, Luce Maria Busetto, (Edizioni San Paolo, 2017)

2 marzo 2017
generazioni-digitali

Clicca sulla cover per l’acquisto

Il web non è un gioco da ragazzi sembra dirci Generazioni digitali – consigli per genitori e formatori, scritto da Marco Sanavio e Luce Maria Busetto e edito da Edizioni San Paolo. Agile volumetto che in realtà non fornisce una risposta a tutte le domande e né una reale soluzione a tutti i mali del web, ma più che altro ci parla di un percorso che ragazzi, educatori e genitori possono percorrere insieme. Ormai la comunicazione corre sulle autostrade digitali, notizie, informazioni, messaggi personali si diffondono tra smartphone, tablet, computer, ed è piuttosto irragionevole chiamarsi fuori, e sostenere che questa rivoluzione mediatica non ci tocca, non ci coinvolge. E’ il caso dell’anziana che si crede lontana da questo mondo e ragionevolmente le viene fatto notare che ormai anche indirettamente tutti siamo inseriti in questo flusso continuo di informazioni anche solo quando un medico digita sul suo portale il nome di un suo paziente e ha subito sott’occhio la usa intera cartella clinica. E’ il progresso, è l’evoluzione della comunicazione, che tuttavia non nasconde ombre e lati oscuri, dalla dipendenza da internet, vera patologia ormai sempre più diffusa, a forme più violente come il cyberbullismo. Insomma un genitore cosa deve fare quando vede suo figlio schiavo di videogiochi, smartphone e quant’altro? Le maniere forti, i divieti, le minacce sembrano la strada meno praticabile, e in un certo senso inutile. Non è requisendo ai figli questi congegni e imponendogli un rigido digiuno digitale che si ottiene l’auspicato processo autonormante, ovvero la formulazione di alcune norme, frutto di un confronto comunitario e condiviso. Far crescere nei giovani il senso di responsabilità, e la prudenza a non diffondere dati sensibili, immagini, che potrebbero essere usate in modo illecito, è un cammino che richiede impegno, fiducia e condivisione, che parte dall’ascolto, procede con la simbolizzazione, giunge alla verbalizzazione e riappropriazione, e in fine alla fase autonormativa. Insomma siamo noi che dobbiamo usare la tecnologia, che di per sé è un grande progresso e non ha nessuna connotazione negativa questo è bene sottolinearlo, e non il contrario.

Marco Sanavio è un sacerdote della diocesi di Padova. Dal 1999 si occupa di coniugare il mondo della tecnologia con l’azione pastorale. Scrive sull’argomento per diverse riviste a diffusione nazionale. Attualmente fa parte del consiglio direttivo dell’Associazione webmaster cattolici italiani. A Padova è direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali della diocesi e segue la formazione di adulti e ragazzi all’uso degli schermi digitali.

Luce Maria Busetto svolge la sua attività di psicologa e psicoterapeuta a Padova. È specializzata nella valutazione psicodiagnostica in ambito forense. Si occupa di colloqui clinici, somministrazione di test, psicoterapia individuale e di coppia, trattamento dei disturbi d’ansia e del comportamento nell’età adulta e nell’adolescenza. È stata relatrice in una serie di incontri psicoeducazionali nella provincia di Padova incentrati sul tema “New Media e bullismo”.

Source: libro inviato dall’editore, ringraziamo Alessandro dell’ Ufficio Stampa San Paolo.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.