La casa che mi porta via di Sophie Anderson (Rizzoli, 2019) a cura di Elena Romanello

by

casa-che-mi-porta-viaMarinka vorrebbe tanto essere una ragazza come le altre, e stringere amicizia con i coetanei, ma non è possibile, perché vive in una casa con le zampe di gallina che si sposta di continuo e senza preavviso, finendo nei luoghi più disparati e pazzi della Terra. Ma non è questo il suo solo problema, perché sua nonna è Baba Jaga, la strega che guida le anime dei morti da questo mondo all’aldilà, con un rituale di rigenerazione e pace, ma che non riempie certo la vita di Marinka di gioia.
Marinka inoltre è già stata prescelta a prendere il posto della nonna di guardiana della porta della vita, ma quando incontra un ragazzo che le regala un agnellino e una coetanea morta e che non vuole andare oltre la soglia, decide di ribellarsi per cambiare le regole, scoprendo la verità su se stessa e sulla nonna, e rimanendone sconvolta.
Nelle pagine di questo romanzo d’esordio impreziosito da alcune immagini ci sono echi di Tim Burton e Hayao Miyazaki, per una storia surreale e toccante, che parla di crescere ma anche di elaborazione del lutto e di affetti che possono durare oltre la morte, come quello che Baba Jaga prova da anni per Marinka, una bambina che è arrivata per caso nella sua vita e dalla quale non riesce a staccarsi, oltre che di amicizia e del sapere costruire e trovare un proprio equilibrio, anche quando si guidano i morti verso la vita dopo la vita.
Il tema del rapporto tra la vita e la morte non è nuovo per l’immaginario fantastico ma è poco frequentato nella narrativa per ragazzi, a cui La casa che mi porta via si rivolge, ed è trattato in maniera buffa ma capace in certi momenti di far venire un groppo in gola, con al centro di tutto un personaggio come Marinka, in cerca di una strada per poter essere se stessa, avere degli amici e nello stesso tempo non rinunciare a quello che si rivelerà un compito importante.
La casa che mi porta via non è comunque solo un libro per ragazzi, chi ha qualche anno in più coglierà citazioni e richiami, oltre che l’interesse dell’autrice per le fiabe e il folclore slavi, soprattutto russi, visto che Baba Jaga è un personaggio iconico di quell’universo, una strega non perfida come varie sue colleghe occidentali, ambigua e dal volto non sempre malefico, capace di confrontarsi con l’intrepida Vassilissa la Bella, a cui Marinka è vagamente ispirata. Tra l’altro, il libro suggerisce anche vari dolci e piatti tipici di quell’area, poco frequentata nell’immaginario di oggi ma davvero tutta da scoprire. Un universo che piace e interessa molto all’autrice e che tornerà a quanto pare nel suo prossimo libro, non un seguito di questo.

Sophie Anderson è nata a Swansea, in Galles, ed è cresciuta ascoltando i racconti della madre scrittrice e della nonna, che le ha trasmesso l’amore per le favole e le leggende della tradizione slava. Geologa e insegnante, vive nel Lake District con il marito e i tre figli. Le piace andare in canoa, camminare e sognare a occhi aperti. Il suo più grande desiderio è continuare a scrivere storie che spingano i bambini a esplorare il mondo e ad apprezzare la diversità. Con La casa che mi porta via ha ricevuto la candidatura per la Carnegie Medal, il più importante premio inglese per la letteratura per ragazzi.

Provenienza: omaggio dell’ufficio stampa che ringraziamo.

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: