:: Il respiro della marea di Jean Failler a cura di Federica Belleri

by

teaProtagonista giovane e intraprendente di questa serie di gialli, è l’Ispettore di polizia Mary Lester. La cittadina bretone dove sta facendo tirocinio è piuttosto tranquilla. Il commissariato è diffidente nei suoi confronti e i colleghi la osservano sorridendo o lisciandosi i baffi …
Mary non si lascia intimidire e fin da subito si mostra curiosa e determinata. Quando il corpo di un senzatetto viene ritrovato a riva, Mary è convinta di potersene occupare senza grossi problemi. Ne troverà invece molti, a cominciare dai modi  scontrosi del suo superiore, che le consiglierà di lasciar perdere. Dopotutto, lei è solo una tirocinante.
La bellezza di questo giallo sta nell’atmosfera della Bretagna, nell’odore del mare, nella quotidianità sempre identica. Si respirano le abitudini, la lentezza delle indagini, che si scontrano con la vivacità di Mary, appena uscita dalla Scuola di Polizia. Lei vuole vivere un caso a pieno titolo, non vuole rimanere chiusa a marcire in un ufficio.
La bellezza di questo libro sta anche negli occhi attenti dell’Ispettore Lester a cogliere aspetti particolari e, tra un battibecco e una telefonata dalla cabina telefonica, la lettura scorre e gli indizi si susseguono fino all’epilogo.
Immagini d’altri tempi, in grado di catturare il lettore. Una vicenda complessa ma molto semplice, in realtà,  che Mary Lester saprà gestire con professionalità e il giusto tono di delicatezza, quando richiesto.
La nuova indagine di Mary Lester è in libreria a partire dal mese di marzo 2019 e si intitola “Le ombre del collegio”.
Buona lettura.

Fonte : acquisto personale


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: