:: Il bambino silenzioso di Sarah A. Denzil (Newton Compton 2018) a cura di Federica Belleri

by
Il bambino silenzioso

Clicca sulla cover per l’acquisto

È il 2006 quando il villaggio nello Yorkshire di quattrocento anime viene travolto da un’alluvione. È difficile attraversare il ponte di pietra che divide la cittadina dalla scuola. Emma deve recuperare suo figlio Aiden, ma la maestra dice che non lo trovano. Sembra scomparso. Aiden è sparito. La vita di Emma precipita nel fango, che la trascina, inesorabile. Il dolore e il tormento per lei sono senza fine. Tutti si conoscono e la conoscono, ma non sanno come aiutarla. Le domande alle quali nessuno sa rispondere, la gettano nell’angoscia. Il fiume Ouse restituisce la giacca del piccolo Aiden. La polizia indaga. La sua scomparsa si trasforma in un caso mediatico. Chiunque conosce il viso di Aiden. Il dolore si stratifica e inizia a sedimentare, ma del bambino nessuna traccia. La rassegnazione e la sconfitta definitiva equivalgono per Emma ad ammettere che suo figlio è morto.
In dieci anni la vita di Emma è cambiata radicalmente. Rob, il padre naturale di Aiden, se n’è andato. Emma si è risposata con Jake e aspetta una bambina. Una telefonata sconvolge il suo precario equilibrio: Aiden è stato ritrovato, è vivo. Ha sedici anni ora, sembra sotto shock, non parla e non vuole essere toccato. Le emozioni provate da Emma sono tante e lottano fra loro: felicità, timore, perplessità, inquietudine, frustrazione, gioia, senso di colpa e paura, tanta paura.
Nessuno sa dove sia stato, chi lo abbia preso. Emma vorrebbe solo tenerlo stretto a sé, ma non può. In più deve confrontarsi con l’ex compagno e il marito. Inizia per lei un periodo di riadattamento e di forte stress, influenzato dalla vicinanza alla data del parto. È stata una buona madre per lui? Era solo una ragazzina quando è rimasta incinta. Forse poteva impedire che Rob la lasciasse. Forse non è in grado di affrontare tutto un’altra volta …
Riaffiorano i problemi di famiglia, le maldicenze dei media. Giornali e tv scandagliano la sua vita privata e circondano la sua casa. Emergono sospetti e bugie. Emma ha paura per sé e Aiden. È suo figlio, sangue del suo sangue, ma non riesce a comunicare
con lui. Le sembra di impazzire. La polizia riapre il caso di scomparsa. Emma osserva il suo bambino cresciuto, la sua espressione neutra, le braccia inerti lungo i fianchi. Perché, perché sta succedendo tutto questo a lei? Perché non riesce a ricordare cos’é accaduto nel giorno della scomparsa? Perché è così arrabbiata? Cosa le sta sfuggendo?
Il bambino silenzioso. Un thriller volta pagina, empatico e terribile al tempo stesso. Una storia di volti celati da maschere e di ossessioni malate. Una corsa verso la libertà, tra realtà e cattiveria gratuita. Un dramma per chi non vuole ricordare, ma è costretto a farlo. Una gara al più forte, volta a nascondere debolezze schifose. Un’indagine che mette tutti contro tutti, e costringe a schiantarsi contro la paura di se stessi. Una madre, Emma, sensibile e coraggiosa; disposta a tutto pur di salvare il proprio figlio. Aiden, un ragazzino unico e caparbio, una mano tesa nel buio a cercare la luce.
Assolutamente consigliato. Buona lettura.

Sarah A. Denzil vive nello Yorkshire, dove si gode la campagna e il tempo imprevedibile. Sotto pseudonimo pubblica libri per ragazzi, ma ha una vera passione per i thriller e le storie di suspense. Il bambino silenzioso ha scalato le classifiche di vendita negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia.

Source: Libro inviato dall’Editore al recensore. Ringraziamo Antonella e Federica dell’Ufficio Stampa Newton Compton.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: