La paura trema contro di Corrado Artale (Buendia Books, 2019) a cura di Elena Romanello

by

la-paura-trema-controSpesso si sente dire che in Italia non si sanno scrivere o realizzare buoni prodotti di genere fantastico: uno stereotipo duro a morire anche perché falso, visto che sono state tante le storie di genere fantastico italiane che sono uscite negli anni e continuano ad uscire, con vari media.
Una di queste è un film indipendente del 2019, La paura trema contro di Pupi Oggiano, girato a Torino come alcuni classici di Dario Argento e da cui Corrado Artale, un autore che ha l’horror e il fantastico nel DNA, ha scritto un romanzo che non è solo una novelisation e che viene proposto da Buendia Book nella collana Fiaschetta.
Dalla copertina si potrebbe pensare che ci troviamo nel territorio dell’horror, come il mitico Profondo Rosso, girato a Torino e ancora oggi al centro di pellegrinaggi alle sue location, ma in realtà siamo più nel terreno della fantascienza, con la storia di una famiglia, in particolare di una madre e di una figlia, sulle quali aleggiano misteri e strani eventi. Comunque chi ama le atmosfere orrorifiche troverà pane per i suoi denti, in una vicenda che si richiama anche al carattere misterioso di Torino.
La paura trema contro è una storia che piacerà molto ai fan di serie cult come Stargate (non vuole essere uno spoiler) e soprattutto The X-Files, visto che si parla di alieni e presenze insolite, un libro che vive anche di vita sua senza il film, ma che fa capire quanto fantastico ci possa essere e ci sia anche alle latitudini italiane, in una città come Torino tra l’altro più che altrove.

Corrado Artale classe 1970, docente, vive a Torino. Cura la sezione letteraria del TOHorro Film Fest,evento dedicato al cinema e alla cultura horrorofantastica in generale. Autore di articoli sul cinema, ha scritto a quattro mani con il romanziere Stefano Di Marino un saggio sul cinema sexploitation anni ’70, Tutte dentro (Bloodbuster, collana I Ratti). Ha anche collaborato alla realizzazione del testo Pupi Avati– Il cinema dalle finestre che ridono – curato da Luca Servini e dedicato al cinema fantastico del noto regista bolognese (Edizioni Il Foglio).

Provenienza: omaggio al recensore dell’Ufficio stampa che ringraziamo.

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: