:: Il suo nome quel giorno di Pietro Spirito (Marsilio 2018) a cura di Viviana Filippini

by
Il suo nome quel giorno

Clicca sulla cover per l’acquisto

Vi siete mai chiesti come sarebbe scoprire che il vostro vero nome non è quello che avete sempre usato, e che le persone che avete sempre chiamato mamma e papà, in realtà non sono i vostri genitori? È lo shock che accade a Giuliana la protagonista di “Il suo nome quel giorno” di Pietro Spirito, edito da Marsilio. Giuliana, sposata con un bambina, vive in Sudafrica, dov’è cresciuta in armonia grazie ad  una famiglia benestante di origini italiane. Quando i genitori muoiono, Giuliana scopre, non solo che la madre e il padre non sono i suoi veri genitori, ma che il suo nome non è quello da sempre usato. Giuliana in realtà si chiama Giulia ed è figlia di una donna che l’ha concepita in un campo di profughi della Venezia Giulia e che non ha esitato a venderla, come un mero oggetto, per avere dei soldi in cambio. Giuliana resta sconvolta da tale verità, ma questo non le impedisce di raccogliere le sue cose e di partire alla ricerca della sua vera madre. Prima di lasciare l’Africa, la protagonista usa il web per contattare tutti gli archivi possibili e immaginabili per trovare informazioni, e dopo centinaia di migliaia di mail, finalmente, una risposta arriva. Lui è Gabriele -archivista alla cassa pensionistica dei marittimi- pronto ad aiutarla. Quello compiuto da Giuliana/Giulia è un viaggio alla ricerca delle proprie radici, per dare un senso ad un passato che credeva di conoscere, ma che non è quello che ha sempre creduto. La protagonista è determinata, lei vuole scoprire e incontrare i suoi veri genitori. Questo suo bisogno non avrà vita facile, perché dovrà scontrarsi con la chiusura di Vera, sua madre biologica che non sarà così contenta di rivedere quella bambina, diventata donna, che lei abbandonò quaranta anni prima. “Il suo nome quel giorno” di Pietro Spirito è costruito con una perfetta alternanza tra presente e passato, dove la vita di Giuliana/Giulia si alterna a quella della madre biologica Vera nel campo profughi negli anni Cinquanta. Pagina dopo pagina il lettore scopre la dura vita che Vera fu costretta ad affrontare in quanto sfollata e esule. Povertà, ristrettezze economiche, un lavoro che non sembrava mai arrivare, relazioni non sempre d’amore saltuarie, incomprensioni con i genitori e con il mondo che sembrava non volere, o meglio, riposizionare nella società gli esuli. Poi l’inaspettata gravidanza che mette in crisi, in modo ancora maggiore, l’esistenza di Eva. Una vita nuova che arriva ma che non si è pronti ad accogliere e crescere. Una madre troppo giovane (Eva) che, nonostante tutto, decide di far nascere la figlia e di cederla ad altri, forse non per non amore, ma per dare un domani migliore alla piccola Giulia. Il romanzo di Pietro Spirito analizza il vissuto di diverse generazioni e quando figlia e madre si troveranno a confronto, per Giuliana/Giulia tante verità saranno svelate, ma tanti altri dubbi e perplessità verranno a galla. Di certo è che la voglia di conoscere le proprie origini da parte della protagonista non trova lo stesso entusiasmo nella madre Vera, che sembra chiudersi sempre più in se stessa, dimostrando di essere ben decisa nel non voler riallacciare i rapporti con Giuliana/Giulia cresciuta nel suo corpo anni prima. “Il suo nome quel giorno” di Pietro Spirito è un romanzo che affronta una parte della storia italiana non ancora abbastanza conosciuto. Allo stesso tempo ci presenta un umanità fragile, messa a dura prova dalla vita, dove nessuno è davvero vincitore e vinto, eroe o colpevole. Direi che tutti i personaggi sono dei sopravvissuti al corso della vita, che a volte prende pieghe inaspettate e ben diverse da quello i personaggi – e anche noi- vorremmo.

Pietro Spirito nato a Caserta nel 1961, vive a Trieste. È giornalista alle pagine culturali del «Piccolo». Collabora con la Rai per programmi radiofonici e televisivi. Tra i suoi libri più conosciuti: Le indemoniate di Verzegnis (Guanda 2000, Premio Chianti), Speravamo di più (Guanda 2003, finalista al Premio Stega), Un corpo sul fondo (Guanda 2007), Il bene che resta (Santi Quaranta 2009), L’antenato sotto il mare (Guanda 2010). Fra i reportage ha pubblicato Squali! Viaggio nel regno del più grande e temuto predatore dei mari, diario di una spedizione in Sudafrica (Greco&Greco 2012) e Nel fiume della notte, viaggio dalle sorgenti alla foce del Timavo, tra Italia e Croazia (Ediciclo 2015).

Source: inviato dall’editore al recensore. Grazie a tutto lo staff dell’ufficio stampa Marsilio.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag: , , , , ,

Una Risposta to “:: Il suo nome quel giorno di Pietro Spirito (Marsilio 2018) a cura di Viviana Filippini”

  1. :: Il suo nome quel giorno di Pietro Spirito (Marsilio 2018) a cura di Viviana Filippini – WONDERFUL WONDERS AND OTHERS Says:

    […] via :: Il suo nome quel giorno di Pietro Spirito (Marsilio 2018) a cura di Viviana Filippini — Liberi … […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: