:: Il figlio maschio, Giuseppina Torregrossa (Rizzoli, 2015) a cura di Rosy Franzò & Piero Pirosa

Torregrossa.-Il-figlio-maschio

Clicca sulla cover per l’acquisto

Sicilia, 1924. Don Turiddu Ciuni sente che la vita gli scappa via, e allora Che può fare un uomo per garantirsi l’eternità, se non passare il testimone al figlio maschio? Uomo forte e ruvido: Che tocca allo stesso modo il corpo di sua moglie e la terra del feudo di Testasecca, è legato alle tradizioni e avverso a qualsiasi innovazione, per non essere travolto dalla fiumana del progresso. Turi  è stato sempre convinto che “la terra … si sa, rende sani e forti” e, altresì, persuaso, sul letto di morte, che gli stenti e la fatica di un’intera esistenza “non gli pesavano quanto il tradimento della sua famiglia”. Ma a quale tradimento allude? A quello della moglie Concettina Russo, che figlia “d’allittrati ” e positivisticamente fiduciosa  in un riscatto dalla roba, dall’immobilismo isolano d’ancestrale fatalità, ha fatto studiare tutta la sua  numerosa progenie, ragazze comprese, strappandola ad  un destino già scritto.
La delusione più cocente, per il padre,  si rivela Filippo, il figlio erede di tutto il patrimonio: intelligente e bello, meritava un futuro migliore (…), le sue belle mani bianche non erano fatte per la zappa ma per la penna.
Inizia così la storia di cent’anni di editoria siciliana, che da Filippo Ciuni,  che pubblica, in pieno “ventennio”, nonostante egli fosse un editore fascista, Benedetto Croce, arriva alla realtà odierna dei librai-editori Cavallotto, guidata dalla signora Adalgisa  e dalle sue tre figlie.
E’ un romanzo che narra storie d’amore, di contrasti,  del tramonto di un modo di guardare e interpretare la vita e l’alba di un altro possibile, alternativo e, forse,  migliore. C’è un sottile filo rosso, un fil rouge  che percorre trasversalmente tutto il romanzo, il coraggio e la capacità di resistere dei personaggi femminili , veri attori,  apparentemente non protagonisti della storia, perché: I libri è vero che li pubblicano i maschi, e magari li scrivono pure loro, ma le storie le raccontano le femmine.
E’ una visione di una Sicilia intraprendente, imprenditoriale, libera e indipendente da quegli ominicchi e quaquaracquà  di sciasciana memoria, annidati nelle sicure stanze della burocrazia dello stato,   capace di farcela con le proprie forze umane ed economiche, “anni  luce” da quella  onirica  del principe  Fabrizio di Tomasi di Lampedusa: Il sonno è ciò che i Siciliani vogliono, ed essi odieranno sempre chi li vorrà svegliare.
La Torregrossa racconta, con una scrittura ricca di espressioni dialettali, la sua Sicilia, e come il suo volto si è evoluto nell’arco di un secolo. La verde isola Trinacria, dove pasce il gregge del sole è sempre presente, protagonista, una tela che trasuda dei suoi profumi, della sua storia, della sua gente, pregna di contraddizioni, di pregiudizi, ambiguità e  miserie, eppure  capace di slanci improvvisi quanto isolati,  perché: Chi nasce qui è marchiato a fuoco per sempre. Questa terra, non può essere solo semplice ambientazione o effimero contorno.
La Sicilia assume una dimensione quasi  onirica e allora  come non essere d’accordo con Sciascia quando nel suo Candido scriveva: Sai cos’è la nostra vita? La tua e la mia? Un sogno fatto in Sicilia. Forse stiamo ancora lì, e stiamo sognando.

Giuseppina Torregrossa è nata a Palermo, vive tra la Sicilia e Roma, ha tre figli e un cane. Ha esordito nel 2007 con L’assaggiatrice, cui sono seguiti, tra gli altri, Il conto delle minne (2009), Manna e miele, ferro e fuoco (2011), Panza e prisenza (2013) e La miscela segreta di casa Olivares (2014).

Source: proprietà del lettore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: