Il ritorno di Britt-Mari di Astrid Lindgren a cura di Elena Romanello

by

978880471787HIG-629x965Il nome di Astrid Lindgren, una delle più grandi scrittrici per ragazzi del Novecento, continua ad essere noto anche alle nuove generazioni, soprattutto grazie a quello che rimane il suo capolavoro, Pippi Calzelunghe, storia della prima eroina ragazzina anticonformista alle prese con l’avventura di vivere e crescere.
Astrid Lindgren è autrice di molti altri libri interessanti, magari ristampati meno di Pippi dopo che furono un grande successo anni fa sulla sua onda, ed è per questo che è molto interessante salutare una nuova edizione, dopo molti anni da quella Vallecchi ormai fuori catalogo e difficilmente reperibile anche sul mercato dell’usato, di Britt-Mari, primo libro scritto dall’autrice, riproposto dalla Mondadori con il titolo Le confidenze di Britt-Mari.
La Britt-Mari del titolo ha 15 anni, suo padre fa il preside, sua madre è traduttrice, ha una sorella grande, un fratello adolescente dispettoso, un fratellino di sette anni appassionato di collezionismo e una sorellina ancora piccolissima. Nella sua vita ci sono anche Annastina, la sua migliore amica, Bertil, di cui è segretamente innamorata, tutti i suoi libri e la vecchia macchina da scrivere di sua madre, con cui scrive lettere alla sua corrispondente di Stoccolma, Kajsa, da un autunno ad una primavera, raccontandole la sua vita e le sue avventure, il passaggio del tempo e le nuove scoperte.
Una storia di formazione di tanti anni fa ma eterna, che parla di vita, di crescita, di affetti, di progetti. Il libro è presentato con una nuova traduzione di Laura Cangemi, una prefazione di Laura Cima e le illustrazioni di Beatrice Allemagna, nominata quattro volte per la sua arte  all’Astrid Lindgren Memorial Award (considerato il Nobel della letteratura per ragazzi) e che ancora tra i suoi miti Pippi Calzelunghe.
Le confidenze di Britt-Mari è un libro da leggere o rileggere, per le nuove generazioni ma anche per chi ha voglia di riprendere in mano classici amati in tempi ormai lontani e magari mai dimenticati.

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: