:: Ultima la città delle contrade, Carlo Vicenzi, (Dunwich edizioni, 2014) a cura di Elena Romanello

by

ULTIMAKINDLE80percento-300x400Il genere fantastico, di cui più volte qualcuno celebra periodicamente il funerale, riesce sempre a risorgere con nuove storie e tematiche, e da un po’ di anni sta aumentando anche il numero di italiani che si dedicano ad esso, con storie che molto spesso non sono la copia di omologhi anglosassoni ma riescono ad aggiungere molto di nuovo.
Come Ultima la città delle contrade dell’emiliano Carlo Vicenzi, uscito per la romana Dunwich edizioni, che sotto l’egida di Lovecraft vuole proporre libri di genere fantastico poco noti o di autori nostrani, un romanzo steamfantasy di casa nostra capace di interessare e appassionare, in un contesto che reinterpreta passato e presente italiano in un mondo futuro alternativo.
Dopo una catastrofe bellica che viene solo accennata, un Paese che può essere l’Italia è regredito in una specie di Medio Evo con un po’ di tecnologia, diverso dalle ipotesi di opere come Mad Max o Ken il guerriero. In questa nuova società il potere si stabilisce non con elezioni come nelle nostre democrazie, ma con un palio all’ultimo colpo, con alcune regole come non uccidere gli avversari. Ed è dal palio delle contrade di una città tanto simile a quelle dell’Italia centrale catapultate in un altro mondo che parte la vicenda di Ultima, con il protagonista, il poco eroico Demetrio Deisanti, che viene accusato di un omicidio in gara dovuto ad un’arma truccata per potersi accaparrare la vittoria e l’elezione, ed è costretto a fuggire, mentre cerca di dimostrare la sua innocenza.
In questo universo Demetrio troverà molti nemici ma anche alcuni alleati, come Veronica e Miranda, una coppia di spie che lo aiuteranno nelle sue indagini, facendogli anche scoprire un modo di vivere diverso, visto che sono due ragazze gay che vivono insieme sfidando pregiudizi presenti anche in quel possibile mondo futuro.
Ultima prende elementi dello steampunk, la cosiddetta fantascienza nel passato, che parte dal presupposto che si sia potuto evolvere un futuro e una tecnologia a partire dalle premesse dell’epoca vittoriana, come era raccontato nei romanzi di Jules Verne e H. G. Wells e figura oggi come uno dei filoni del fantastico più amati, oggetto anche di produzione di gadget, realizzazione di eventi in tema e ispirazione per uno stile di abbigliamento Tra le pagine del libro, trovano spazio anche tematiche del fantasy e del romanzo d’avventura, per una storia che dimostra come il genere fantastico abbia ancora molto da dire e da dare.

Carlo Vicenzi, di Finale Emilia, città dove si svolge tutti gli anni un palio tra contrade, laureando in lingue e antropologia, ha scritto svariati racconti di genere fantastico e sta lavorando alla serie invece decisamente fantasy I cento blasoni per Delos Books.

Tag:

Una Risposta to “:: Ultima la città delle contrade, Carlo Vicenzi, (Dunwich edizioni, 2014) a cura di Elena Romanello”

  1. :: Ultima la città delle contrade, Carlo Vicenzi, (Dunwich edizioni, 2014) a cura di Elena Romanello | Liberi di scrivere « Elena Romanello sito ufficiale Says:

    […] :: Ultima la città delle contrade, Carlo Vicenzi, (Dunwich edizioni, 2014) a cura di Elena Romanell…. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: