Le colpe della notte di Antonio Lanzetta (La Corte editore, 2019) a cura di Elena Romanello

by

Cover-leCOLPEdellaNOTTE-RGB-307x429Torna Antonio Lanzetta, ormai affermato autore di thriller riconosciuto anche all’estero, con una nuova storia che viaggia negli abissi dell’animo umano, Le colpe della notte, legato da vari riferimenti ai due precedenti e da divorare tutto d’un fiato.
Cristian è quello che oggi viene definito un hikikomori, sempre attaccato al PC e perso in un mondo virtuale: la cosa non piace ai suoi genitori, suo padre tra l’altro è uno stimato commissario di polizia, e una sera, dopo l’ennesimo litigio, il ragazzo esce di casa per un paio d’ore. Quando torna a casa trova i genitori morti, in quello che sembra un omicidio suicidio del padre di cui si sente responsabile.
Cristian viene spedito al sud, a Castellaccio, nella casa famiglia di Flavio, che continua ad occuparsi di salvare ragazzini e ragazzine da da drammi familiari di vario genere, e qui si scontra con il bullismo di alcuni compagni di scuola, ma trova anche alcuni improbabili ma simpatici amici.
Damiano, lo Sciacallo, non è convinto che la morte dei genitori di Cristian sia stata come ha concluso l’indagine ufficiale e inizia a indagare per conto suo, scoprendo legami insospettabili con fatti delittuosi dietro ai quali si nascondono poteri forti di vario tipo e sinistramente presenti dietro a tanti fatti dalla Storia italiana degli ultimi decenni.
Cristian cercherà nel frattempo di rimarginare la sua vita, con i nuovi amici e nuovi scopi, e con l’incontro anche con Girolamo, un maresciallo dei carabinieri gattaro e in pensione, ossessionato dall’Uomo del Salice e dalla scomparsa di una bambina avvenuta trent’anni prima e mai risolta.
Antonio Lanzetta torna quindi sui suoi personaggi iconici e sulla loro lotta contro l’Uomo del Salice, tra passato e presente, non dimenticando le tematiche che gli stanno a cuore sull’adolescenza e la ricerca di sé, oltre al bisogno di verità e giustizia per fatti accaduti anni prima, i famosi cold case che non passano mai per il dolore che lasciano con loro.
Stavolta il legame con il passato è duplice, e mescola il fatto locale dell’Uomo del Salice, già ombra nera dei primi due libri, con altri fatti legati ad un attentato che ricorda tanto quello reale del 1993 di via dei Georgofili a Firenze, oltre che altre vicende vere degli ultimi decenni, da non dimenticare anche se c’è chi, tra eversioni varie, terrorismo di casa nostra e poteri mafiosi e non solo, vorrebbe che sparissero con i loro morti.
Una storia sul crescere e sul dolore che questo comporta, sul lutto, sui drammi mai risolti, sul fatto che bisogna provare ad andare avanti ma come questo a volte sia impossibile, quando si sono visti i peggiori abissi e non si è riusciti ad uscirne.

Provenienza: omaggio dell’Ufficio stampa che ringraziamo.

Antonio Lanzetta è uno scrittore salernitano che, dopo aver iniziato la sua carriera come autore di romanzi fantasy (sempre per La Corte Editore ha pubblicato Warrior e Revolution), vira verso il thriller prima con il racconto breve Nella pioggia, finalista al premio Gran Giallo Cattolica, e poi con i romanzi conIl Buio Dentroe conI figli del male.
Il Buio Dentro gli permette di valicare i confini nazionali venendo tradotto da Bragelonne, una delle più prestigiose case editrici d’oltralpe, in Francia, Canada e Belgio; lo stesso romanzo viene anche citato dal Sunday Times come uno dei cinque thriller non inglesi migliori del 2017.
Lanzetta è anche opinionista di cronaca nera per Rai Uno.

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: