:: Un’ intervista con Antonio Lanzetta a cura di Elena Romanello

by

DSCN1815

La Corte editore di Torino propone il nuovo romanzo thriller di Antonio Lanzetta, I figli del male, e sotto la Mole l’autore ha incontrato un vasto pubblico di appassionati lettori, raccontandoci un po’ di cose su un libro che promette molto bene.

Quando hai capito che scrivere per te sarebbe stato così importante?

Tutto nasce dal mio amore per i libri, trasmesso dai miei insegnanti, da ragazzino rimasi folgorato da Dieci piccoli indiani di Agatha Christie e in parallelo alla lettura di libri vari, scrivevo recite da far interpretare dai ragazzi del mio condominio.

Tu però hai fatto poi altro nella vita.

Sì, ho studiato economia con indirizzo statistico e ho perso per un po’ di anni il contatto con la scrittura. Io sono e resto un nerd, da ben prima che questa cosa diventasse di moda, sono appassionato di pc e ho passato intere estati a giocare a Dungeons & Dragons e la scrittura fa parte del mio modo di essere.

Hai iniziato con romanzi di letteratura fantastica, come mai sei passato poi al thriller?

Credo che i generi siano etichette che vengano dati ai libri per facilitare il lavoro dei librai. Io amo scrivere di cose che amo, di cose che sento. Ho adorato scrivere narrativa fantasy e di fantascienza rivolta ad un pubblico di ragazzi, ha soddisfatto il mio essere un nerd creativo e ho capito quanto sono vere le parole di Salinger sul fatto che quando leggi un libro diventi amico dello scrittore. Del resto è stato grazie al fantasy che ho conosciuto Gianni La Corte e la sua casa editrice, a Mantova fantasy nel 2012. Ci siamo scelti a vicenda e poi ad un certo punto gli ho detto che volevo cimentarmi con il thriller.

Che tipo di lettore hai in mente quando scrivi?

Nessuno in particolare, scrivo per comunicare, amo molto i lettori non tecnici, che si lasciano trascinare dalla storia.

Qual è per te la cosa più difficile dello scrivere?

La caratterizzazione dei personaggi e trovo molto duro mettermi nei panni dei cattivi, inevitabilmente presenti in un thriller. Credo che un autore debba essere un bravo attore, perché in fondo deve recitare i suoi personaggi per renderli reali. D’altro canto come ho avuto modo di dire anche alle trasmissioni a cui mi invitano come opinionista, ogni singola azione criminale deriva comunque da una patologia.

Come e quando scrivi?

Alberto Moravia diceva che bisogna scrivere almeno due ore al giorno, in realtà non è una cosa sempre possibile e penso che noi scrittori abbiamo sempre una mente dissociata con la realtà, perché viviamo anche nel nostro libro anche quando non ci stiamo lavorando. Comunque ho impiegato un anno a scrivere I figli del male anche se ci pensavo già da veri mesi prima. Mi aiutano molto i miei gatti, che mi svegliano presto così posso scrivere prima di andare al lavoro.

Ne I figli del male tornano alcuni personaggi de Il buio dentro. Sono collegati o possono essere letti in maniera indipendente?

Ci sono dei collegamenti, ma si può leggere anche da solo senza aver letto Il buio dentro, svelo meglio alcuni personaggi del primo romanzo, e poi racconto molto anche il passato, gli anni Cinquanta a Salerno dove tutto è iniziato.

Quanto si nutrono del male reale i tuoi libri?

Io sono appassionato di serie tv, sono Netflix dipendente, ma fin da ragazzino ho sempre amato molto Chi l’ha visto, e quello che mi sconvolge sempre nelle storie reali di morte è come gli assassini riescano a nascondere le loro vere intenzioni fin quando è troppo tardi. Del resto come scrittore penso che la sfida più grande è stata quella di indossare i panni del cattivo, anche se prima di tutto penso che le mie siano storie di formazione, un genere che adoro da sempre.

Nel tuo libro la grande protagonista è la città di Salerno. Che rapporto hai con la tua città?

Io amo raccontare quello che conosco, inoltre i problemi del Meridione non sono un luogo comune, una città come Napoli potrebbe vivere sulla sua Storia e la sua arte, ma non riesce ad andare oltre le etichette e a cambiare. Del resto, Saviano non ha fatto altro che portare alla luce una verità nota ma che si preferiva non ammettere.

Stai avendo successo all’estero, ti hanno definito lo Stephen King italiano. Come vivi questo successo?

Fa un certo effetto essere paragonati ad uno dei miei autori preferiti di sempre, Stephen King, anche perché per me It è il romanzo contemporaneo per antonomasia. Anche essere uno dei cinque autori italiani, con nomi come quelli di Donato Carrisi e Massimiliano de Giovanni, presenti al festival Quai de polar ad aprile a Lione è un grandissimo onore, e anche essere stato indicato come uno degli autori non statunitensi di thriller più significativi.

Nei tuoi romanzi torna spesso il tema del cold case, il delitto irrisolto. Come mai?

Penso che non esista l’omicidio perfetto, chiunque fa sbagli anche se crede di poterla fare franca e il far scoprire la verità nonostante tutto, in un microcosmo che si spiega dopo anni come capita ne I figli del male. Del resto io faccio sempre ricerche anche storiche per i miei libri, per raccontare un passato che influenza il presente.

Ti piacerebbe un film o una fiction tratti dai tuoi libri?

Ovviamente sarebbe il mio sogno, per ora mi accontento della lettura da brivido del prologo de I figli del male che ha fatto il grande doppiatore Edoardo Stopacciaro, anche autore fantasy per La Corte.

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: