:: Gli autonauti della cosmostrada ovvero un viaggio atemporale Parigi-Marsiglia di Julio Cortázar e Carol Dunlop (Einaudi 2012) a cura di Michela Bortolotto

Cortazar_Dunlop_Autonauti.indd

Clicca sulla cover per l’acquisto

Domenica 23 maggio 1982. Un uomo e una donna si apprestano a percorrere la strada Parigi-Marsiglia a bordo del loro pulmino Wolkswagen rosso. Un normale viaggio di circa una decina di ore da percorrere tutte lungo l’autostrada. Un tragitto di ordinaria amministrazione. Niente di particolare, starete pensando. E invece no. Non c’è nulla di banale se i due viaggiatori sono Julio Cortázar e sua moglie Carol Dunlop e se il loro intento non è quello di raggiungere Marsiglia il prima possibile, ma bensì, quello di fermarsi

nelle 65 aree di sosta dell’autostrada al ritmo di due al giorno, vale a dire impiegando poco più di un mese per compiere il tratto Parigi-Marsiglia senza mai uscire dall’autostrada”.

E così, nel pomeriggio di una domenica di pioggia, Lupo (Julio) e Orsetta (Carol) partono a bordo del loro Fafner , rifornito di tutte le provviste necessarie, alla volta di Marsiglia.
Inizia così la loro avventura alla scoperta di quanto un’autostrada possa offrire a due viaggiatori curiosi. Da questo viaggio durato circa un mese nasce il libro Gli Autonauti della Cosmostrada.
Questo libro non è un semplice resoconto di viaggio. È un diario scritto a quattro mani, è una lista di cose da portare, è un susseguirsi di incontri, saluti, sguardi amichevoli, ma anche scontri. È una raccolta di foto e immagini. È un gioco con regole precise che Julio e Carol si apprestano a fare con incoscienza e innocenza quasi fanciullesche.
L’autostrada non è più un semplice non-luogo da attraversare il più velocemente possibile per arrivare alla meta. L’autostrada è essa stessa la meta, il viaggio. Un viaggio fatto di nuovi incontri, di riflessioni e anche di ricordi. Nella loro avventura Lupo e Orsetta incontrano così turisti e lavoratori, camionisti e operai. Ogni incontro merita di essere riportato nel loro diario di viaggio. Julio e Carol osservano e scrivono. Ma non solo. Questo viaggio è anche un’occasione per ricordare episodi della loro vita e riflettere sul passato e sul presente e per scoprire che nelle aree di servizio si vende di tutto, compreso un Budda di porcellana alto un metro!
Un viaggio, insomma, un po’ fuori dagli schemi classici. A renderlo ancora più speciale c’è, inoltre, il fatto che, senza saperlo, questo è stato l’ultimo viaggio insieme di Lupo e Orsetta.
Gli Autonauti della Cosmostrada si legge tutto d’un fiato. Una pagina tira l’altra e, una volta letta l’ultima parola, si viene presi da un’irrefrenabile voglia di partire. Non importa per quale destinazione perché in fondo, citando un nostro cantante compatriota,

che sia un’andata o un ritorno
Che sia una vita o solo un giorno
Che sia per sempre o un secondo
L’incanto sarà godersi un po’ la strada.

E la strada, o meglio, le pagine, in questo caso, si godono tutte, dalla prima all’ultima.

Julio Cortázar è nato a Bruxelles nel 1914, figlio di un funzionario dell’ambasciata argentina in Belgio. È considerato fra i maggiori autori di lingua spagnola del XX secolo. Morì di leucemia nel 1984 a Parigi, dove è sepolto. Tra i suoi libri pubblicati da Einaudi, oltre a Bestiario (1965) e al Gioco del mondo. Rayuela (1969, 2013), Storie di cronopios e di famas (1971), Ottaedro (1979), Il viaggio premio (1983), Il persecutore (ultima edizione nelle «Letture Einaudi», 2017), il volume complessivo dei Raccontia cura di Ernesto Franco, nella «Biblioteca della Pléiade» (1994), Fine del gioco (2003), Carte inaspettate (2012), Gli autonauti della cosmostrada ovvero Un viaggio atemporale Parigi-Marsiglia (2012), diario di viaggio scritto a quattro mani con la moglie Carol Dunlop, Animalia (2013) e Lezioni di letteratura (2014).

Carol Dunlop nata a Quincy, Massachusetts, nel 1946, la scrittrice, fotografa e traduttrice,  sposò Julio Cortázar nel 1979; morì a Parigi nel 1982. È autrice del romanzo La solitude inachevée (1976).

Source: libro del recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: