:: Un luogo a cui tornare, Fioly Bocca (Giunti, 2017)

68700j

Clicca sulla cover per l’acquisto

E’ vero: innamorarsi è desiderare per qualcuno cose che non si ha il coraggio di desiderare per sé.

Alla parola “bosgnacco” ho fatto ricerche (anche un veloce giro su Wikipedia può aiutare) e ho scoperto che i Bosgnacchi o Bosniaci musulmani (in bosniaco bošnjaci) assieme ai croato-bosniaci e ai serbo-bosniaci costituiscono i tre maggiori gruppi etnici che popolano la Bosnia ed Erzegovina. Di fede sunnita, vittime di pulizia etnica, furono cacciati dalle zone che prima delle guerre jugoslave occupavano nella Bosnia orientale. Da allora molti profughi, con alle spalle storie più o meno drammatiche, giunsero anche in Italia. Tra questi c’è Zeligo, uno dei protagonisti principali del terzo romanzo di Fioly Bocca, Un luogo a cui tornare, edito da Giunti.
Di questa autrice, piemontese, giovane mamma, scrittrice sensibile, molto attenta alle tematiche sociali, abbiamo sia recensito Ovunque tu sarai, suo libro d’esordio, e L’emozione in ogni passo, e già prima di leggere questo suo nuovo libro sapevo che sarebbe stata un’ esperienza positiva, che mi avrebbe arricchito in un modo o nell’altro.
Fioly Bocca è esattamente la persona che traspare dai suoi libri, solare, umana, una persona che si pone delle domande e cerca di aiutare gli altri. Come Argea, voce narrante di questo delicato e poetico libro, ambientato a Torino, che parla di amicizia, amore, accoglienza, immigrazione e fraternità. Sì, quella strana parola che ci rende tutti uguali, simili, e dolorosamente uniti, anche nei momenti più tristi e difficili delle nostre vite. Parla molto di sé l’autrice in questo libro, pur se non credo sia spiccatamente autobiografico (anche se potrei sbagliarmi). Ci sono parti che mi hanno fatto piangere (non mi vergogno di dirlo), altre sorridere, altre arrabbiare. Perché l’autrice parla ai sentimenti del lettore più che al suo cervello o alla sua ragione. E lo fa in modo autentico e garbato, con uno stile poetico e emozionante. La sua lingua è molto poetica, e tra i regali che mi ha fatto questo libro c’è sicuramente quello diavermi fatto conoscere un poeta, Izet Sarajlic, di cui cita una poesia, che vi trascrivo:

Quei due abbracciati sulla riva del Reno a Gotthlieben,
potevamo essere noi due.
Ma noi non passeggeremo mai più
Su nessuna riva abbracciati.
Vieni, passeggiamo almeno in questa poesia.

Dicevo, Argea e Zeligo sono i protagonisti di questo romanzo, in cui l’amicizia e la diversità (sociale, economica, etnica) giocano un ruolo chiave. Tutto ha inizio sotto la pioggia, sotto una pioggia torrenziale in cui Argea guida la sua auto. Per un attimo di distrazione, la radio, le sigarette, il telefono, i fazzoletti, il burrocacao, sbanda e investe Zeligo, profugo bosniaco, senza tetto, lavoro, forse ubriaco. Si risveglia in ospedale, e sebbene il fidanzato, giornalista come lei, gli consiglia di dimenticare tutto e di non farsi domande, il senso di colpa, la coscienza la spingono ad avvicinare Zeligo.
Da questo momento in poi nasce un’amicizia che cambierà, in meglio, la vita di entrambi. Dire di più della trama sarebbe un vero peccato, starà a voi scoprirla se deciderete di leggere questo libro e farvi avvolgere dal calore delle sue parole. Quello che posso dirvi è che si parla di sentimenti, di desideri (il desiderio di maternità della protagonista, prima dolorosamente negato, è forse la parte più toccante, più ancora del finale), di giustizia, e di uguaglianza, di cose quotidiane in cui ogni donna si può riconoscere.
E’ quasi un romanzo motivazionale. Ti spinge a agire, a fare qualcosa per migliorare le cose. Argea sceglierà l’impegno, sceglierà di lasciare alcune certezze, per qualcosa di migliore, più vicino alla felicità. E ci vuole coraggio per farlo. Tanto coraggio.

Fioly Bocca vive sulle colline del Monferrato con il compagno e i due figli. È laureata in Lettere all’Università degli Studi di Torino e si è specializzata con un corso in redazione editoriale. “Ovunque tu sarai“, il suo romanzo d’esordio, è stato un grande successo del passaparola, tradotto in cinque Paesi. Nel 2016 è uscito, sempre per Giunti, “L’emozione in ogni passo“.

Source: libro inviato da Walkabout Literary Agency, ringraziamo Fiammetta e l’editore Giunti.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: