:: La principessa spaventapasseri di Federico Rossi Edrighi, (Bao Publishing, 2016) a cura di Elena Romanello

1

Clicca sulla cover per l’acquisto

Ci sono fumetti per ragazzi e fumetti per adulti, e poi ci sono fumetti che sulla carta sono per ragazzi ma in realtà sono per tutti, perche raccontano storie universali, di crescita, cambiamento, fantasia, realtà.
Uno di questi casi è La principessa spaventapasseri di Federico Rossi Edrighi, un romanzo di formazione nascosto sotto un dark fantasy che rievoca il Neil Gaiman di Coraline e de Il ragazzo del cimitero.
Morrigan è un’adolescente che si sente sola e non gradisce granché i continui spostamenti a cui la madre e il fratello maggiore, molto più grande di lei, la sottopongono per star dietro alle loro ricerche per libri sui misteri inglesi tradotti in tutto il mondo. Stavolta Morrigan si trova in un paesino dell’Inghilterra rurare così piccolo che nemmeno ti accorgi di esserci, e le prospettive non sono certo interessanti. Un giorno la ragazza conosce un’anziana vedova che le fa un dono destinato a cambiarle la vita, ma che la costringe ad affrontare il Signore dei corvi, un’entità malvagia che vuole sottomettere il mondo con il suo animo perverso e malato, alla fine simbolico di cosa c’è dentro di noi.
Morrigan dovrà affrontarlo, scoprendo nuove cose di se stessa e che c’è comunque un mondo e una vita degni di essere salvati e vissuti, anche se non sembrava cocì.
La protagonista ha un nome che è tutto un programma, perché Morrigan è il nome di una dea delle leggende irlandesi, una e trina, con tre volti, ragazza, donna e anziana. Qui l’incontro è tra due diverse generazioni, Morrigan e la sua anziana vicina di casa, due solitudini che scoprono di avere un qualcosa in comune, forse oltre il dover salvare il mondo. Anche il Signore dei corvi è una figura archetipa delle leggende, ripresa poi dall’immaginario contemporaneo, e qui rivive in una prospettiva fiabesca e mai banale, come simbolo di un male non irreale ma presente nel mondo, in ogni persona.
Morrigan si mette nella tradizione delle ragazze magiche e fantastiche, ma in modo molto umano, in lei ci sono echi di icone come Pippi Calzelunghe, se non altro nella caratterizzazione, e il suo affrontare il male assoluto per diventare adulta, secondo uno schema che nei decenni ha dato storie che vanno da Alice nel paese delle meraviglie a Labyrinth, da Il mago di Oz a Sailormoon, è originale perché è credibile, è uno specchio deformato che ricostruisce un percorso attraverso cui tutti siamo passati.
Una storia a se stante bella da leggere quando si ha l’età di Morrigan ma anche quando la si ha superata da un pezzo, perché certe storie sono parte di ogni età e di ogni generazione.

Federico Rossi Edrighi nasce in provincia di Roma nel 1982. Dal 2006 al 2014 realizza storyboard per lungometraggi e serie tv per studi come Musicartoon e Rainbow CGI. Ha collaborato alla quarta stagione di John Doe (Editoriale Aurea) su testi di Mauro Uzzeo e Roberto Recchioni, e ad Harpun (GP Publishing) su testi di Giovanni Masi, riedito nel 2016 da Verticomics. Nel 2015 disegna l’adattamento di Alle Montagne della Follia per la collana Roberto Recchioni presenta: i Maestri dell’Orrore (testi di Giovanni Masi, edizioni Star Comics), e dallo stesso anno collabora con la Sergio Bonelli Editore per la serie Dylan Dog. Nel 2016, per la Casa editrice BAO Publishing pubblica La principessa spaventapasseri.

Provenienza: omaggio dell’editore al recensore, si ringrazia l’Ufficio stampa.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

2 Risposte to “:: La principessa spaventapasseri di Federico Rossi Edrighi, (Bao Publishing, 2016) a cura di Elena Romanello”

  1. Carla Says:

    A me è piaciuto tantissimo, soprattutto mi è piaciuto il cattivo!

  2. :: La principessa spaventapasseri di Federico Rossi Edrighi, (Bao Publishing, 2016) a cura di Elena Romanello | Liberi di scrivere « Elena Romanello sito ufficiale Says:

    […] Sorgente: :: La principessa spaventapasseri di Federico Rossi Edrighi, (Bao Publishing, 2016) a cura di Elena … […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: