:: Ricordami che devo ammazzarti, Tommaso Galligani (Galassia arte, 2013) a cura di Micol Borzatta

ricAppennino tosco-emiliano. Un uomo, a bordo della sua Panda, sta scappando per i boschi allontanandosi dalla città. Ha paura ed è terrorizzato, il mondo sembra arrivato all’Apocalisse, ovunque dilaga la pazzia e sete di sangue. Nessuno sa spiegarsi come mai sia successo, quale sia la causa scatenante, ognuno ha una sua teoria, ma la verità non la conosce nessuno. L’importante è sopravvivere. Ed è proprio quello che fa il protagonista, anche se sa che scappando si ritroverà da solo e la solitudine porta alla pazzia.
Sulla strada però incontra altri personaggi, ognuno di loro ha una vita travagliata alle spalle fatta di sacrifici, rinunce e compromessi, e per questo ognuno di loro ha una storia da raccontare, mantenendo così vivo il ricordo del mondo normale. E racconto dopo racconto il nostro protagonista riuscirà ad andare avanti e scappare da tutto.
Un romanzo non molto lungo ma abbastanza particolare, già dalla tipologia di stesura che assomiglia molto di più a una raccolta di racconti più che a un romanzo vero e proprio.
Come scelta stilistica Galligani, per il suo romanzo d’esordio, ha scelto di evitare qualsiasi tipo di descrizione, partendo dal narratore. La voce narrante è infatti il protagonista, ma non comunica mai nulla di sé. Anche la gente incontrata o i paesaggi sono poco descritti, lasciando così molta libertà al lettore per immaginarsi l’atmosfera di catastrofe.
Nonostante la carenza delle descrizioni, il romanzo è molto ben scritto e si legge con molto piacere, incontro dopo incontro, racconto dopo racconto, vita dopo vita.

Tommaso Galligani nasce nel 1979.
Dopo essersi laureato in Giurisprudenza con una tesi in Storia del diritto penale, ha preso un master in Giornalismo.
Attualmente vive a Firenze dove scrive per l’Ansa.
Ricordami che devo ammazzarti è il suo romanzo d’esordio.

Source: ebook inviato dall’ autore.

Tag:

Una Risposta to “:: Ricordami che devo ammazzarti, Tommaso Galligani (Galassia arte, 2013) a cura di Micol Borzatta”

  1. Micol Borzatta Says:

    L’ha ribloggato su Quattro chiacchiere in compagniae ha commentato:
    Recensione pubblicata sul blog Liberi di Scrivere con cui collaboro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: