:: I misteri di Chalk Hill, Susanne Goga (Giunti, 2015) a cura di Elena Romanello

gog

Clicca sulla cover per l’acquisto

Charlotte, giovane istitutrice tedesca dell’Ottocento, è in fuga da una storia d’amore iniziata in un posto di lavoro e finita male e decide di trasferirsi in Gran Bretagna, trovando un impiego in un castello sulle colline del Surrey dove si occuperà della piccola Emily, toccata dalla recente e tragica morte della mamma.
Giunta nell’affascinante ma sinistra dimora, Charlotte percepisce subito che Emily ha non pochi problemi e si ostina a dire che la madre le appare spesso. Aiutata da Thomas Ashdown, giornalista e esperto di occultismo, Charlotte scoprirà una verità molto inquietante e incredibile, che sconvolgerà la sua vita.
Non è nuova la fascinazione che i tedeschi sentono per la Gran Bretagna, e negli ultimi anni, complici anche gli adattamenti teutonici di romanzi britannici, la cosa semmai è cresciuta. D’altro canto l’Inghilterra vittoriana è un luogo archetipo di narrazioni, amato praticamente in tutto il mondo, per atmosfere, intrecci, leggende metropolitane, misteri, tutte cose che si ritrovano nelle pagine del libro.
Susanne Goga ama molto il mondo vittoriano, conosce senz’altro bene la letteratura dell’epoca, Jane Eyre in testa, che fa da modello alla storia, ma anche Conan Doyle e Dickens, ma anche la Storia, la società, le atmosfere e le curiosità, come l’importanza dello studio dei fenomeni psichici e paranormali con un approccio scientifico e positivista, lo stesso che mosse tra gli altri in Italia anche Cesare Lombroso. Tutto questo traspare dalle pagine de I misteri di Chalk Hill, che avvincono, con una conclusione che ovviamente non va anticipata ma che è abbastanza un discreto colpo di scena, anche se, per i lettori più smaliziati, era anticipata già da un po’.
Detto questo, il libro non è molto originale, riprende schemi, personaggi, archetipi, qualche stereotipo, ed è un po’ prevedibile, soprattutto per chi è cresciuto e vive a pane e Inghilterra vittoriana, che è poi il pubblico di questo tipo di romanzi. Ma se si vuole leggere un qualcosa che immerge in luoghi e tempi amati, il libro accontenta e soddisfa, ricostruendo un mondo che piace ancora oggi, a distanza di un secolo e mezzo. E per fortuna il romanzo non scade nel rosa, ma rimane sempre ben sospeso tra il gotico, una sorta di indagine alla X-Files ante litteram, e il romanzo di ambientazione storica, in un microcosmo inquietante di un castello in cui alla fine ci si sente sempre stimolati, spaventati ma anche rassicurati.

Susanne Goga è nata nel 1967 in Germania, a Mönchengladbach, dove vive con la sua famiglia. Dopo una lunga esperienza come traduttrice letteraria, è diventata un’affermata autrice di gialli e romanzi storico-sentimentali. Ama molto la Gran Bretagna e alla fine del libro c’è una piccola guida per vedere dal vero alcuni posti descritti.

Source: prestito bibliotecario delle Civiche torinesi.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: