:: I reni di Mick Jagger, Rocco Fortunato (Fazi, 2015), a cura di Viviana Filippini

by
reni-mick-jagger-light-674x1024

Clicca sulla cover per l’acquisto

I reni di Mick Jagger son sani e, a quanto pare, filtrano sangue che è una meraviglia. Ben diversa è la situazione del giovane protagonista di I reni di Mick Jagger, di Rocco Fortunato, edito da Fazi. Il ragazzo, nonostante abbia trentatré anni e in apparenza scoppi di salute, in realtà è costretto ad “allearsi” con la dialisi quotidiana, per poter sopravvivere e affrontare il domani. Il romanzo autobiografico di Fortunato è una bella storia nella quale emergono la forza e la tenacia nell’attaccamento alla vita. Il mondo di Rocco è fatto di cure, medicinali, di attività, di passatempi e di cibi accantonati, perché incompatibili con la malattia e con quegli organi che, a un certo punto, hanno deciso di non smaltire la giusta quantità di creatinina per lasciare in salute il loro proprietario. Rocco si trova dividere la sua esistenza tra la propria casa e l’ospedale, dove ogni giorno si reca a fare la dialisi. Le parti del romanzo ambientate nella casa di cura sono importanti, poiché mostrano al lettore quello che è il mondo dei dializzati. L’autore non ci racconta solo il reparto e la tipologia di cure che si svolgono in esso per far star meglio il malato, ma ci porta a scoprire la varietà umana in esso presente unita a tutte le gioie, alle paure che assillano e tormentano i pazienti. Quello che emerge è un piccolo universo, nel quale le persone ricoverate sono uomini, donne, giovani, anziani, tutti afflitti da malattie ai reni. Tra di loro spiccano personaggi come l’enorme Farini, un individuo un po’ losco che sembra essersi scordato chissà dove il valore dell’onestà, per lasciare campo libero ad affari loschi, sempre pronti ad attenderlo. Accanto troviamo Michele. Lui, giovanissimo, pensa solo all’amore per quelle donne reali solo nella sua fantasia e all’adorata pistola che nasconde come se fosse un bene d’inestimabile valore. Il protagonista e tutti i suoi comprimari, parlano e trovano anche spazio per momenti di divertimento, ma sono sempre sotto controllo, attenti a verificare il valore delle analisi mediche. I risultati sono sempre, e spesso, troppo uguali, stabili e monotoni. Un esito che ricorda ad ognuno dei pazienti che non devono sgarrare nel vivere. Rocco cerca di non eccedere, ma non smetterà mai di ascoltare la musica dei Rolling Stones o di amare la sua fidanzata, anche se imprevisti esistenziali lo porteranno a riavvicinarsi, molto, alla sua ex fiamma Barbara. La trama creata da Fortunato è dinamica, frizzante e chi scrive, riesce a trattare con ironia e con una fine sensibilità, accompagnata al massimo rispetto, il mondo dei dializzati. I reni di Mick Jagger di Rocco Fortunato è un romanzo che fa sorridere, ma allo stesso tempo commuove, perché fa conoscere tutti i lettori, gli ostacoli e gli imprevisti, fisici e non, che la dialisi determina in chi la fa ogni giorno, per poter vedere l’alba del domani, nella speranza di un trapianto.

Rocco Fortunato, ufficialmente architetto, nella sua vita precedente vestiva i panni del rocker. Fino al 1990 infatti è stato il cantante e chitarrista degli “I Miss Daisy”, con cui ha anche inciso un disco nel 1989, Pizza Connection, prodotto da uno dei più prestigiosi gruppi hard rock inglesi, i Motorhead. Poi la vita del rocker in giro per il mondo ha ceduto il passo davanti alla pagina bianca e Rocco si è concentrato sulla scrittura. I reni di Mick Jagger, il suo primo romanzo, ha riscosso un largo consenso di pubblico. Oltralpe la tedesca Goldmann – del gruppo Bertelsmann – e la catalana Proa sono le case editrici che ne hanno acquistato i diritti. Con il suo secondo romanzo Fabbricato in Italia, Fortunato ha avuto una consacrazione definitiva, ha vinto numerosi premi ed è considerato uno dei talenti più interessanti della narrativa italiana contemporanea.

Source: libro del recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

Una Risposta to “:: I reni di Mick Jagger, Rocco Fortunato (Fazi, 2015), a cura di Viviana Filippini”

  1. I reni di mick jagger - La biblioteca del divenire - Centro Divenire Says:

    […] Un’altra recensione dal blog Liberi di scrivere […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: