:: You God, Annarita Petrino, (Il Papavero, 2014)

you-godLa fantascienza fin dal suo nascere è un genere che si è prestato a contaminazioni di varia natura tant’è che esistono numerosi generi, dalla fantascienza tecnologica alla fantascienza postapocalittica, dallo space opera al cyberpunk, senza contare poi i sottogeneri caratterizzati da ragioni tematiche più o meno ibride. Ne esiste anche un filone forse meno noto, sottogenere della soft science fiction, denominato fantascienza cristiana. Sottogenere di cui ne ignoravo l’esistenza ma che ha anche all’estero esponenti come Clive S.Lewis o Walter M.Miller Jr. Esiste comunque pure in Italia, per esempio, una rivista di fantascienza cattolica http://www.futureshock-online.info/index.html che vanta sparuti lettori ma sembra sopravvivere. Il binomio fantascienza e fede più che un connubio sembra quasi un azzardo, legato alle stesse difficoltà che nascono dal legame scienza e fede. Ho conosciuto scienziati credenti e non credenti, per cui posso tranquillamente sostenere che non è l’intelligenza a differire, ma appunto la fede, che è un dono, c’è chi lo possiede e chi no. Può essere interessante vedere la fantascienza da questo punto di vista, ovvero leggere fantascienza scritta da scrittori credenti che utilizzano il genere per veicolare le loro convinzioni? Penso di sì, rientra nel campo delle libertà individuali, e certo la lettura ne accresce il fascino, più è alta la qualità della scrittura. E la mancanza di fanatismo. La fantascienza cristiana di Annarita Petrino rientra in questa tipologia di scritti, buona scrittura (migliorabile certo) e una certa lievità e delicatezza nel proporre temi dal punto di vista di un credente proiettati nel futuro con vari gradi di distopia. You God è una raccolta di racconti, per la precisione 4, editi da un editore piuttosto piccolo, con copertina povera, una certa cura nell’impaginazione e una pregevole assenza di refusi. I racconti sono nell’ordine “Imperfezioni“, “Judy Bow“, “Hic Et Nunc” e “You God che da il titolo alla breve antologia. Sì parla di diversità, di eternità dell’anima, di fine del mondo, di etica medica, naturalmente proponendo una giusta visione delle cose (quella del credente) contrapposta a una giudicata negativa in cui i mali della modernità impediscono di avere un corretto concetto di Dio. A sostegno delle tesi sostenute, ragionamenti piuttosto consolidati, niente di eccessivamente innovativo, ma tuttavia l’esperimento è in fin dei conti interessante. Scrittori più stilisticamente maturi avrebbero potuto fare meglio, ma è senz’altro apprezzabile lo sforzo dell’autrice di esprimere le sue convinzioni, maturate dopo una conversione, tramite i topos classici della fantascienza, senza violare la libertà di chi legge e cercando di dare un po’ di speranza nel futuro. Ciò renderà la lettura apprezzabile da credenti e non credenti, a mio avviso. Buona lettura.

Annarita Petrino è nata nel 1977 a Giulianova (in provincia di Teramo) sulla costa Adriatica. Laureata in Lingue e Letterature Straniere (Università degli studi G. D’Annunzio di Pescara), lavora in una scuola materna. Scrive racconti di fantascienza da qualche anno, che hanno visto la luce su diverse riviste on-line, quali Intercom, Future Shock, Nigra la Tebra, Continuum.

2 Risposte to “:: You God, Annarita Petrino, (Il Papavero, 2014)”

  1. Annarita Petrino Says:

    L’ha ribloggato su You Gode ha commentato:
    Recensione di You God su Liberi diScrivere

  2. You God | Storie per un piccolo pianeta Says:

    […] Blog Liberi  di Scrivere Blog Not Facts, Only Words […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: