:: Un’ intervista con Julia Madeleine

Ciao Julia. Grazie per aver accettato la mia intervista e benvenuta su Liberidiscrivere. Raccontaci qualcosa di te. Chi è Julia Madeleine? Punti di forza e di debolezza.

Julia Madeleine è una scrittrice di thriller e  un’ artista del tatuaggio che vive alla periferia di Toronto. Direi che la mia forza è la passione. Le mie debolezze: dormo fino a tardi, gusto del buon vino e cioccolato fondente … un po ‘troppo spesso.

Raccontaci qualcosa del tuo background, i tuoi studi, la tua infanzia.

Sono cresciuta come la tipica bambina viziata in una famiglia con due fratelli maggiori e una sorella. Ho studiato scrittura per mass media al College e già da allora sognavo di diventare una scrittrice.

Cosa ti ha spinto a diventare una scrittrice?

Il mio amore per i libri. Questo, e la lettura di un romanzo scritto davvero male mi hanno convinto che avrei potuto scrivere meglio.

Scrivi a tempo pieno? Oppure dividi il suo tempo tra la scrittura e un altro lavoro?

Il mio tempo è diviso tra la gestione di un negozio di tatuaggi con mio marito e la scrittura. Quindi, in sostanza è come se avessi due carriere.

Chi sono i tuoi scrittori preferiti?

Mary Gaitskill, Evelyn Lau e Janet Fitch sono alcuni dei miei scrittori preferiti.

Descrivici una tua tipica giornata di lavoro?

Trascorro la mia mattina tra social network: scrivo e leggo email, mi connetto con gli amici su Facebook e Twitter, quindi di solito faccio un po’ di allenamento. Il mio pomeriggio lo trascorro tatuando e la sera, dalle 19:00 circa alle 02:00 circa, è dedicata alla scrittura e alle attività connesse con la scrittura.

Pensi che i critici abbiano influenzato il tuo lavoro?

Assolutamente. Ho avuto la fortuna di lavorare con alcuni grandi editori nel corso degli anni che sono anche stati i miei migliori insegnanti. E sto spingendo sempre i miei amici e la mia famiglia a leggere i miei libri e  a dirmi come posso migliorare.

Parlaci del tuo stile. Chi pensi abbia influenzato la tua scrittura?

Ho letto un sacco di romanzi letterari al college che penso abbiano influenzato la mia scrittura.

Sei femminista? Qual è il ruolo della donna nella letteratura contemporanea?

Assolutamente. Sono cresciuta in una casa che era molto pro potere femminile. Mio padre era un femminista prima ancora che il movimento delle donne nascesse. Da bambina mi ha comprato un set Meccano e lo ricordo che mi incoraggiava a credere che avrei potuto essere quello che volevo, il sesso a cui uno appartiene non era importante a suo parere. Mia sorella maggiore era molto coinvolta con il movimento delle donne, quando ero una bambina ebbe una grande influenza su di me. Penso che le donne scrittrici siano sempre state prolifiche e influenti.

Cosa pensi delle eroine nei romanzi polizieschi contemporanei? La donna è ancora relegata a ruoli di femme fatale o vittima?

Penso che in realtà dipenda da chi scrive. E ‘difficile dire, in termini generali, quale è l’opinione generale. Ho letto più libri con personaggi femminili forti che no, o personaggi femminili in cui ho trovato una grande forza interiore, che è fantastico da vedere.

Cosa stai leggendo in questo momento?

Tumblin’ Dice di John McFetridge e The Damage Done di Hillary Davidson

Ti piacciono i romanzi gialli americani degli Anni Trenta?

Non ne ho letti molti, ma mi piacciono i libri d’epoca.

Ti capita mai di utilizzare una qualsiasi delle tue paure o esperienze personali nelle tue storie?

La maggior parte del tempo sicuramente. Due dei miei romanzi si basano sugli incubi che ho avuto.

Hai mai avuto il blocco dello scrittore e che cosa hai fatto quando ciò è accaduto?

Non ho idea di cosa sia il blocco dello scrittore. Non l’ho mai provato. Ho sperimentato molto con la scrittura, ma non mi è mai successo di non essere stata in grado di scrivere. Ho il sospetto che se qualcuno ha il flusso di creatività bloccato al suo interno, è un segno che potrebbe essere necessario risolvere alcuni problemi emotivi che potrebbero esserne la causa . La fonte di creatività viene da dentro, così è lì che dovete andare. Mi piace meditare e fare ciò mi ha aiutato molto a risolvere i miei problemi di scrittura. E ‘uno strumento potente.

Infine, per concludere: a cosa stai lavorando ora?

Sto facendo le modifiche ad un nuovo thriller intitolato The Refrigerator Girls, che uscirà questa estate. E ‘la storia di una liceale testimone di un rapimento, ma non può andare alla polizia perché anche lei stava commettendo un reato, così si mette sulle tracce del sequestratore da sola.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: