:: Il re del gelato di Cristina Cassar Scalia (Einaudi Stile Libero Big 2023) a cura di Fabio Lotti

by

Con il vicequestore aggiunto Giovanna Guarrasi detta Vanina…

Catania 2015. Abbiamo qui trasferita da Milano la palermitana Giovanna Guarrasi detta Vanina come vice questore aggiunto alla Mobile, settore reati contro la persona.Figlia di un ispettore ucciso venti anni prima dalla mafia, ex compagna di un pm a cui aveva salvato la vita, grintosa e tosta, sigarette a go-go, Mini Cooper bianca, appassionata di vecchi film e della buona cucina (ci ritorneremo alla fine). Un po’ a disagio in questa città perché “un palermitano a Catania, per definizione, non ci si poteva trovare bene”. Comunque ha preso alloggio in una casetta alle pendici dell’Etna all’interno di una graziosa proprietà con giardino e agrumeto, la cui affabile proprietaria è anche un’ottima cuoca.

Tutto ha inizio con una chiamata al cellulare del suo vice, l’ispettore capo Carmelo Spanò, che la informa di un fatto piuttosto strano: Agostino Lomonaco, titolare delle più pregiate gelaterie di Catania, è stato denunciato per tentato avvelenamento dato che in tre dei suoi locali sono state trovate dentro ai gelati delle pillole. Per capirne la sostanza (saranno drogate?) ci vorrà del tempo, ma subito il giorno dopo la faccenda si complica. Agostino verrà trovato dal figlio dietro al bancone “riverso per terra a faccia in giù, la testa sfondata”.

Chi può essere l’assassino? Le indagini vertono soprattutto sulla figlia Corinna che il morto voleva disconoscere pensando che fosse, invece, di Ruggero Cammarata, un vecchio collaboratore amico di sua moglie. Tra l’altro nelle capsule viene trovata una “innocua, comunissima valeriana” come quelle usate dalla stessa Corinna. Ma ci può essere di mezzo anche l’organizzazione mafiosa che chiedeva dei “contributi” al re dei gelati…

Vanina non si perde d’animo e con l’aiuto della sua squadra ben delineata nelle varie sfaccettature, soprattutto del “Grande Capo” Tito Macchia (centoventi chili!), si butta a capofitto nelle indagini contrastando anche le paure del titolare Franco Vassallo dalla stretta di mano “molle e sfuggente” che teme di coinvolgere dei pezzi grossi (un classico).

Dunque avremo dei continui andirivieni tra bar e trattorie insieme agli incasinamenti e le contraddizioni della città, qualche ricordo, qualche guizzo di malinconia tra sorrisi e battute in dialetto siciliano, spunti caratteristici sui vari personaggi, momenti di tensione superati dalla caparbia, testarda volontà di risolvere il problema della nostra Vanina.

Oltre a questo gusteremo anche un saporito viaggio culinario costellato di granite, brioche, caffè, savoiardi, biscotti al cioccolato, crostata con marmellata di fichi, cornetti alla crema, Coca Cola, parmigiano, zucchine gratinate, fagiolini con le patate, rigatoni alla Norma, la caponata, pasta coi masculini, spaghetti al nero di seppia, vino, caciocavallo, burrata, prosciutto di Parma, tramezzini vari…

Buona lettura e buon appetito!

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: