:: La cura, Arno Camenisch, (Keller, 2017) a cura di Viviana Filippini

6

Clicca sulla cover per l’acquisto

Può essere straordinaria la vita quotidiana con i suoi ritmi, abitudini e ripetizioni? Sì e ce lo dimostra Arno Camenisch con il suo ultimo romanzo “La cura” edito da Keller. Protagonisti un uomo e una donna di mezza età alle prese con un viaggio premio in un super lussuoso albergo a cinque stelle in Engadina. L’hotel elegante e il paesaggio spettacolare scatenano nella coppia due approcci diversi verso quella che dovrebbe essere una rilassante vacanza. La donna è affascinata dall’Engadina e il contatto con il paesaggio svizzero le crea emozioni così forti, che la sua mente va a ripescare ricordi nei cassettini della memoria e a trovare nel presente della terza età nuove aspirazioni e speranze per il futuro. Lui, invece, vive il viaggio premio in modo molto più traumatico, nel senso che l’uomo è ossessionato in modo costante dal bisogno di dove mangiare (e dalla paura di non aver cibo), dalla terrore di spendere più soldi del dovuto e che qualcosa di brutto accada loro mentre cercano di godersi la vacanza. A rendere meno problematico il soggiorno, per il protagonista c’è quella inseparabile borsa di plastica che si porta sempre con sé e che è stracolma di tutto ciò che gli potrebbe servire. Marito e moglie parlano, ricordano, vanno a recuperare i primi amori, i viaggi all’estero –Italia compresa-, gli amici di un tempo, le cose fatte e quelle che avrebbero potuto fare. Il tutto con una particolare attenzione a quello che è il senso della vita e a come le azioni compiute e le parole dette possano influenzarne il corso e lo sviluppo. Nella coppia c’è quindi una profonda consapevolezza che le scelte e gli eventi del passato appartengono ad un tempo che non tornerà più e che quello che resta del vivere, deve essere vissuto- anche se non sempre è facile- al meglio. Poi, ad un certo punto del soggiorno i due partono per una camminata nel bosco, ma dopo un po’ su di loro incombe un temporale, evento atmosferico che, ancora una volta, evidenzia il diverso atteggiamento verso la vita della coppia. Lei è coraggiosa, impavida e non teme a continuare la passeggiata, come se il temporale fosse sì qualcosa di spaventoso, ma dopo si esso ci sarà nuova speranza. Lui, invece è molto cupo e vede nell’evento atmosferico un qualcosa di catastrofico, dal quale scappare, per sfuggire a conseguenze disastrose. Il romanzo di Camenisch presenta, con acuta e saggia ironia, una coppia di anziani consapevoli che quella che stanno vivendo è la parte finale del loro cammino esistenziale, che avrà come termine ultimo la fine del vivere. “La cura” di Arno Camenisch non solo dimostra come la routine di ogni giorno riesca, nella sua totale e umile semplicità, a diventare argomento narrativo nel quale il lettore può identificarsi. La cura di Camenisch, che non è quella fatta di medicine, è quella forza solida e quel sostegno reciproco che l’affiatata coppia protagonista si è data in passato e che continuerà a scambiarsi nel presente e nell’incombente arrivo dell’imbrunire dell’esistenza umana. Traduzione di Roberta Gado.

Arno Camenisch è nato nel 1978 nella regione dei Grigioni, in Svizzera. Ha studiato Letteratura a Biel, dove vive attualmente. Camenisch ha vinto numerosi premi per la sua poesia, le prose e i drammi, che scrive in tedesco e in romancio. È membro dell’ensemble Spoken Word ‘Bern ist überall’. I suoi lavori in prosa e alcuni estratti sono stati tradotti in 15 lingue. Camenisch è stato inserito nell’Antologia della migliore fiction europea del 2012. Tra i premi che ha vinto: Plema d’aur, Premio Berna, Premio Schiller, Premio Eidgenössischer; Hölderlin Litteratur Preis.Il primo volume della trilogia dei Grigioni, Sez Ner, è edito da Casagrande e Keller editore dopo Dietro la stazione, pubblicherà l’ultimo volume della trilogia intitolato Ustrinkata. In romancio è uscito nel 2005 il romanzo Ernesto ed autras manzegnas (Ed. Romania).

Source: inviato dall’editore al recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: