:: La lingua geniale – 9 ragioni per amare il greco, di Andrea Marcolongo, (Laterza, 2017) a cura di Greta Cherubini

12

Clicca sulla cover per l’acquisto

È da settimane in vetta alle classifiche, ha venduto migliaia di copie e si prepara a sbarcare all’estero. “La lingua geniale” di Andrea Marcolongo riapre di colpo il decennale dibattito sull’utilità degli studi classici (e sull’attualità delle lingue “morte”) indicando almeno 9 fondamentali ragioni per amare il greco. Ma ce ne sono molte, molte di più. Ecco le mie preferite:

  • oida, “so” (mi perdonino i puristi per la volgare traslitterazione del greco): che non è proprio “so”, da “sapere”, ma “ho visto, quindi so”, perfetto di “orao” che appunto significa “vedere”. Ripeto, “ho visto, quindi so”. Vale a dire: dopo aver avuto diretta conoscenza/esperienza della cosa (valore aspettuale perfetto, l’azione è compiuta nel passato ma ne restano le conseguenze nel presente) posso dire di sapere. Non perché ho letto un post su Facebook, ma perché ho “guardato attentamente”. Capite?

  • tàlatta, póntos, pèlagos: “il mare”. Ma solo il primo è proprio “mare”: “póntos” è “il passaggio”, “il sentiero”, verso un altrove, che sta al di là di questa immensa distesa azzurra e che per ora possiamo solo immaginare, mentre pèlagos è proprio questa “immensa distesa azzurra”, una specie di pianura blu galleggiante. “Dire cose complesse con parole semplici, vere, oneste: ecco la potenza del greco antico”, scrive Andrea Marcolongo. In un’epoca in cui le parole scompaiono, sacrificate dalla fretta dei rapidi messaggi scambiati su whatsapp, quale lingua riuscirebbe ad esprimere in maniera tanto sintetica questa infinita varietà di significati?

  • poiesis, “poesia”: sublime arte del dire in versi. Dal verbo “poieo”, “fare”. Fare materialmente, e quindi “costruire”, “fabbricare”. Il greco utilizzava lo stesso verbo per indicare tanto il lavoro del falegname quanto quello del poeta. Semplicemente, fare poesia era un lavoro come un altro, artigianato, diremmo oggi. Geniale, no?

La lingua geniale” si rivolge fondamentalmente a due categorie di lettori: quelli che hanno fatto il classico e quelli che non l’hanno fatto. I primi torneranno nostalgicamente (e masochisticamente) agli interminabili pomeriggi di studio trascorsi a scandire macchinalmente centinaia e centinaia di declinazioni e coniugazioni, fino allo stremo psicofisico, nonché al senso di smarrimento/terrore provato innumerevoli volte davanti alle temutissime e indecifrabili versioni; tappe fondamentali della carriera scolastica di un qualunque classicista che si rispetti, e insieme riti di iniziazione alla conoscenza di una cultura ricchissima e profonda, che dopo, quando ormai si è consegnata la versione di maturità e si è deposto il Rocci, si ricorderà sempre con un po’ di orgoglio. I secondi semplicemente rimpiangeranno di non aver fatto il classico. Perché, come diceva Marguerite Yourcenar, “quasi tutto quel che gli uomini hanno detto di meglio è stato detto in greco”. E perché, come spiega in maniera leggera ed ironica Andrea Marcolongo, sotto le sottigliezze grammaticali degli specchietti da imparare a memoria si nasconde un modo di pensare, un concetto del mondo e della vita affascinante e sublime.
Semplicemente, geniale.

Andrea Marcolongo, grecista, si è laureata all’Università degli Studi di Milano. Nella sua vita ha molto viaggiato e ha vissuto in dieci città diverse, tra cui Parigi, Dakar, Sarajevo e ora Livorno. Dopo essersi specializzata in storytelling, ha lavorato come consulente di comunicazione per politici e aziende. Capire il greco, però, è sempre stata la sua questione irrisolta e a questa ha dedicato buona parte delle sue notti insonni.

Source: acquisto personale, Laterza, 2016.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: