:: L’era dell’informazione: istruzioni per l’uso

indexPiù ancora del petrolio, la nostra era sembra caratterizzata da un altro bene di consumo indispensabile e vitale: l’informazione. La trasmissione di notizie, che possono essere vere, false, distorte, travisate è sempre più veloce e alla portata di tutti. Non solo i mass media, le riviste, diffondono notizie e quindi l’esigenza di classificarle, catalogarle, si fa sempre più necessaria e vitale. Internet ormai è il nostro nuovo “guru” a cui affidiamo in pura buona fede qualsiasi nostro dubbio e lui subito ci accontenta. La dispersività dell’informazione è di certo inquietante e a questo proposito è interessante notare come la superficialità giochi un ruolo importante in questo valore aggiunto.

L’accesso all’informazione diventa quindi molto più che un semplice privilegio e a tratti quasi l’unico mezzo di sopravvivenza in un mondo sempre più tecnologico e virtuale. Brewster Khale, che penso ben pochi conoscano o anche solo abbiano sentito nominare, è un personaggio bonario e avventuroso che nell’ombra sorveglia un archivio internet con la pretesa e non solo la pretesa di raccogliere tutto lo scibile libero da copy right.

Inquietante direte? No, a mio avviso ingegnoso. Mr Kahle salva dalla dimenticanza e dalla cancellazione virtuale , testi, brani di canzoni, spot e li rende liberamente disponibili alla consultazione. Il suo sito è una piccola chiave magica nell’intricato mondo di internet, che apre porte davvero misteriose. Entrandoci si ha quasi la sensazione di star facendo qualcosa di molto sovversivo. Il nostro Kahle è anche un tipo piuttosto scorbutico oltre che visionario, avendo aperto pure un contenzioso con niente di meno che il ministro della giustizia degli Stati Uniti, sulla questione della legge sul diritto d’autore.

Oggi, un’opera acquista il copyright, scrivendola. Kahle propone di tornare al sistema di copyright in vigore fino agli anni 70 quando il diritto d’autore sulle opere non scattava automaticamente ma bisognava chiederlo fornendo una copia del prodotto alla Libreria del Congresso. Dopo un certo numero di anni, e parecchi rinnovi, il copyright svaniva e l’opera diventava di dominio pubblico.

Un interessante dibattito si apre qui: privilegiare la diffusione dell’informazione o tutelare gli autori già così poco tutelati? Io proporrei una via di mezzo. Rendere il copyright automatico finché è in vita l’autore poi immediatamente dopo far scattare il dominio pubblico. Pensate che ciò aumenterà l’incremento improvviso del decesso degli autori? Spero proprio di no. Per chi fosse interessato a curiosare l’indirizzo del sito è: www.archive.org .

 

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: