:: Oversight, Charlie Fletcher (Fanucci, 2014) a cura di Elena Romanello

over

Clicca sulla cover per l’acquisto

Nella Londra vittoriana, luogo iconico per tante storie che non cessa di affascinare anche se è ormai distante decenni, la società segreta Oversight ha come compito quello di proteggere gli esseri umani dalle scorribande delle creature fatate, che non sono certo benevole. Per motivi vari, non ultimo il crescente scetticismo della società ottocentesca, alla Oversight sono rimasti solo in cinque, in mezzo a problemi che aumentano, anche perché uno dei loro compiti più difficili è quello di proteggere la Chiave, un oggetto magico che mantiene l’equilibrio tra le dimensioni e i tempi diversi.
Oversight è il primo romanzo rivolto ad un pubblico adulto di Charlie Fletcher, autore di diversi romanzi di genere fantasy per ragazzi, con cui l’autore ha iniziato una saga di cui è già uscito in lingua originale il seguito, Paradox. Per questa sua fatica, l’autore si è rivolto alla grande tradizione narrativa dell’Ottocento inglese, formata da autori come Charles Dickens, Charlotte Bronte, Elizabeth Gaskell, Thomas Hardy, Willie Collins. Ovviamente il suo stile è più moderno, ma il fascino di quella narrativa e di quella Londra cupa e dove entrava il gotico e il paranormale c’è tutto.
L’universo fantastico messo al centro di tutto non è formato dalle creature classiche del gotico, a cominciare dagli un po’ troppo inflazionati vampiri, ma è legato al Piccolo Popolo, le cosiddette Faeries che non vanno rese in italiano come Fate, ma sono creature maligne e temibili, presenti per secoli nella cultura irlandese e celtica a cui l’autore si ispira.
Un libro quindi che parte da molto lontano, da un folklore remoto e dalla letteratura ottocentesca, ma con echi anche di romanzi, film e telefilm attuali, da Neil Gaiman a Susanna Clarke, senza dimenticare Penny Dreadful, ma anche un Torchwood o un X-Files in salsa vittoriana: il risultato è un romanzo complesso e affascinante, originale in tempi in cui il gotico è diventato sinonimo di storielle d’amore per quindicenni amanti di vampiri luccicanti, pronto a far riscoprire o scoprire, in chiave moderna, una tradizione fondamentale per l’immaginario non solo fantastico.
Il tutto con al centro una lotta tra bene e male che non si può esaurire in 600 pagine dense e nella migliore tradizione del romanzo a capitoli capaci di avvincere pagina dopo pagina: un libro per gli amanti del genere fantastico ma anche per chi cerca storie avvincenti, con dietro tradizioni antiche ma sempre valide.

Charlie Fletcher, classe 1960, è laureato in letteratura inglese e ha iniziato la sua carriera lavorando come sceneggiatore alla BBC. Si è poi trasferito in California dove ha collaborato con case cinematografiche come Tri-Star, MGM, Paramount e Warner Bros, ma ha svolto anche attività di giornalista di vario genere, dallo sport all’enogastronomia. Autore della serie Stoneheart, sta ora lavorando alla saga iniziata con Oversight e vive con la sua famiglia a Edimburgo.

Source: libro inviato dall’ editore al recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: