:: Recensione di La voce del destino di Marco Buticchi

by

La cantante lirica Luce de Bartolo ed Evita Peron sono amiche fin dall’infanzia. Luce in vecchiaia è diventata una clochard e viene salvata da un’aggressione da Oswald Breil, ex capo del Mossad, e da sua moglie Sara Terracini, storica e archeologa, che la ospitano nella loro casa galleggiante ormeggiata a Parigi. L’anziana cantante racconta la storia del suo passato da quando iniziò a calcare i palcoscenici di tutto il mondo grazie alla sua voce stupenda e all’appoggio di Eva Duarte che in seguito diventerà Evità Peron la donna più importante dell’Argentina. Dato che molti ex gerarchi nazisti trovano asilo in Argentina grazie a Peron, i due coniugi mettono insieme un enorme patrimonio in denaro proveniente dalla Germania. Quando Evita si ammala di cancro dona a Luce un ciondolo dove è nascosta una chiave che servirà ad aprire il contenitore dell’immenso tesoro . Inseguita da nazisti e da altri Luce riesce a mettere in salvo la chiave anche dopo la morte di Evita. I nazisti nascosti in argentina sotto falso nome vogliono ricrearvi una nuova Germania e vogliono quel tesoro per rimettere in piedi il Quarto Reich. Oswald Breil riuscirà finalmente a trovare in una banca svizzera una cassetta che viene aperta con la chiave di Luce al cui interno è nascosto un tesoro costituito da molti conti. Toccherà come sempre a Breil di salvare il mondo e di mettere il tesoro al sicuro dalle mire dei criminali nazisti. La voce del destino vede il ritorno di Oswald Breil eroe di tutti i romanzi di Buticchi questa volta alle prese con una vicenda per molti versi ancora oscura e legata ad una delle pagine più atroci del secolo scorso: il nazismo, per molti la storicizzazione stessa del male assoluto, con tutte le sue propaggini e le connivenze che hanno portato alla fuga con i loro tesori dei più efferati gerarchi dopo la fine del secondo conflitto mondiale. Che l’utopia di un Quarto Reich sia un’ipotesi neanche tanto fantascientifica porta le conclusioni di Buticchi e le implicazioni neanche tanto inverosimili con alti prelati vaticani o addirittura con i servizi segreti di alcuni paesi vincitori a gettare una nuova luce sulla storia ufficiale per molti versi venata da sotterranee correnti in cui il profitto e l’avidità se non gli ideali distorti di autentici criminali hanno un ruolo fondamentale. Buticchi su uno sfondo storico attentamente documentato muove le vicende di fantasia con una logicità e un’ attenzione per la plausibilità che spinge a credere che molte sue riflessioni abbiano basi solide e magari tenute all’oscuro dalla storiografia ufficiale. Azione, avventura, cospirazioni, suspence, si intrecciano in una narrazione come sempre tesa ed entusiasmante, caratteristica peculiare dell’autore e portano il lettore davanti ad interrogativi che spesso la storia ci pone. Per chi ama i libri ad ampio respiro di un maestro dell’avventura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: