:: Intervista a Simon Beckett

by

4525889Ciao Simon. Grazie per aver accettato la mia intervista e benvenuto su Liberidiscrivere. Raccontaci qualcosa di te. Chi è Simon Beckett?

Sono un giornalista e scrittore, autore dei romanzi di David Hunter. Sono una serie di thriller che ha per protagonista un antropologo forense britannico che usa le sue abilità per interpretare ciò che è successo ai cadaveri. Sono sposato e vivo a Sheffield.

Raccontaci qualcosa della tua Sheffield. Qual è il tuo background?

Sono nato a Sheffield, che ha una forte tradizione industriale. E’ conosciuta come la 'Steel City', anche se la produzione dell’ acciaio non è più la sua industria principale. Prima di diventare uno scrittore a tempo pieno, ho lavorato come muratore, ha insegnato inglese in Spagna e ho suonato in una band. Ma ho sempre voluto scrivere. Il che mi porta alla prossima domanda …

Come è nato il tuo interesse per la scrittura? Quando hai iniziato a scrivere?

Ho preso una laurea in letteratura inglese e americana, che comprendeva anche la scrittura creativa. Ho trovato molto gratificante, ma dopo la mia laurea non avevo niente da scrivere. Fu solo diversi anni più tardi, quando sono andato a insegnare in Spagna, che ho iniziato di nuovo a scrivere. Sono tornato nel Regno Unito sperando di diventare un romanziere pubblicato. Sette anni dopo ho finalmente avuto successo.

È più importante per te il giornalismo o la scrittura?

I romanzi sono più importanti per me che il giornalismo. Ma mi piace anche questo – per me è molto diverso da scrivere un libro, molto più veloce e meno coinvolgente. Inoltre mi allontana dalla mia scrivania e mi permette di andare in luoghi che altrimenti non avrei mai visito.

Come hai avuto l'idea per il tuo primo libro?

Avevo scritto quattro romanzi prima della serie di David Hunter, ma l'idea per il primo di questi, La Chimica della Morte, mi venne quando una rivista del Regno Unito mi incaricò di scrivere un articolo sulla formazione dello studio della scena del delitto per i funzionari di polizia degli Stati Uniti. Parte della formazione si è svolta al The Body Farm in Tennessee, che è un centro di ricerca all'aperto in cui sono lasciate veri corpi umani al di fuori a marcire, in modo che gli antropologi forensi possano così studiare cosa accade quando si decompongono. E 'abbastanza macabro, ma molto utile nel caso che la polizia trovi un corpo da qualche parte e voglia sapere cosa gli è successo. Me ne sono andato molto colpito da quello che avevo visto, e convinto che avrebbe potuto costituire la base di un romanzo. Alla fine, ho sviluppato il personaggio di David Hunter e ho scritto quello che divenne poi La Chimica della Morte.

Quali furono le tue prime influenze?

Quando ero uno studente mi ha molto impressionato sia Hemingway che Raymond Chandler. Ho ammirato lo stile  di Hemingway e il modo in cui in maniera apparentemente semplice sapeva trasmettere concetti anche profondi. Poi ho amato il Chandler romantico, specie il suo eroe  Philip Marlowe – un solitario che è costretto a fare ciò che sente è giusto, non importa a quale prezzo.

Raccontaci qualcosa del tuo debutto. La tua strada verso la pubblicazione.

Il mio primo romanzo a grandi linee può essere definito un thriller erotico che narra la storia di un commerciante d'arte la cui ossessione per il suo giovane assistente lo conduce ad un omicidio. Ho lavorato come giornalista freelance per pagare le bollette, mentre lo scrivevo, ed era stato  respinto praticamente da tutti gli editori più importanti del Regno Unito. Alla fine è stato pescato dalla pila di manoscritti non richiesti di una casa editrice indipendente, che mi ha permesso di ottenere un agente. Il libro è stato tradotto in diverse lingue e opzionato per il cinema, ma cosa ancora più importante, mi ha permesso di diventare un autore pubblicato. Cosa che ha fatto una grande differenza, sia in termini di fiducia che anche rispetto a come gli altri ti percepiscono.

Chi sono i scrittori viventi ?

Il mio autore preferito in vita è Peter O'Donnell, creatore della serie Modesty Blaise. La maggior parte delle persone hanno più familiarità con i suoi fumetti, ma mio padre mi ha fatto conoscere i suoi romanzi quando ero ancora adolescente. Sono fantastici – molto ben scritti ed estremamente divertenti. Sono spesso paragonati ai romanzi di James Bond ma penso che siano ancora meglio.

I tuoi personaggi nascono puramente dalla tua fantasia o spesso sono molto simili a te? Ci sono pezzi autobiografici?

No, è importante essere obiettivi quando si scrive, così cerco di tenermi fuori dai miei libri, per quanto possibile. Detto questo, a volte ho utilizzato cose che mi sono capitate sul serio e che ho pensato potessero funzionare in un romanzo. Per esempio la scena all'inizio di La chimica della morte, quando i due ragazzi  seguono una linea di vermi che li porta ad un cadavere in decomposizione, è basata sulla mia visita proprio a The Body Farm.

Parlami un po’ del tuo prossimo romanzo.

Non mi piace parlare di work in progress, quindi mi limiterò a dire che è un altro romanzo di David Hunter, questa volta insieme a Dartmoor. E si arriva a conoscere un po' più sul suo passato.

Sei un autore molto acclamato dalla critica. Hai ricevuto anche recensioni negative?

Penso che ogni autore abbia ricevuto alcune recensioni non proprio positive. Fortunatamente finora la maggior parte dei miei libri hanno ricevuto una buona accoglienza. Ma in qualche modo è sempre la cattiva recensione che si ricorda.

Cosa stai leggendo in questo momento?

Il nuovo romanzo di uno scrittore inglese di nome John  Macken.

Hai una base di fan molto intensa. Che rapporto hai con i tuoi lettori?

E 'molto buona. Ricevo un sacco di e-mail attraverso il mio sito, così posso realmente sapere che cosa pensano i lettori dei miei libri. E ricevo anche un sacco di letture e inoltre ho fatto numerosi incontri quest'anno in tutt’ Europa, in cui ho potuto incontrare i lettori faccia a faccia. Mi piace molto tutto questo.

Qualche consiglio per gli aspiranti scrittori?

Non rinunciare.

Che cosa è la libertà per te?

Suppongo che sia essere in grado di guadagnarsi da vivere facendo quello che si ama più fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: