:: Recensione di Scrivere sceneggiature per il cinema e la tv di Francesco Spagnuolo

by

2Tra i tanti manuali dedicati alla scrittura che crescono in Italia come funghi, e ce ne sono davvero tanti, più o meno scritti da persone competenti più o meno capaci di promettere ricette miracolose, ricordo che la Delos Books ha creato una collana curata da Franco Forte tra cui potrete trovare: Scrivere crime story a cura di Sue Grafton, Scrivere da professionisti di Stefano Di Marino già recensiti sulle nostre pagine e Il prontuario dello scrittore di Franco Forte.
Oltre a questi titoli è ora disponibile Scrivere sceneggiature per il cinema e la tv di Francesco Spagnuolo un manuale davvero prezioso per coloro che per la prima volta si avvicinano al mondo del cinema e della tv con dubbi, curiosità, a volte una valigia di sogni irrealizzabili, a volte idee distorte o decisamente sbagliate, è buffo per esempio pensare che c’è gente che confonde ancora il ruolo dello scenografo con quello dello sceneggiatore.
Ma non solo per loro, anche gli esperti della materia possono trovare stimolanti punti di vista di colleghi, spunti per aggiornarsi considerato che lo sceneggiatore è un mestiere in costante evoluzione ricco di insidie ma anche affascinante e entusiasmante come pochi.
Spagnuolo ha diviso il libro in due parti Scrivere per il cinema e Scrivere per la tv in cui raccoglie 12 interviste a addetti ai lavori ricche di informazioni, consigli, suggerimenti frutto della loro esperienza personale, pensate alla differenza tra teoria e pratica per capire quanto questa parte può risultare utile.
In conclusione nella parte denominata appendici tutto il know-how per svolgere questa determinata attività: Sindacati e associazioni di scrittori, le scuole di sceneggiatura divise per master e corsi di perfezionamento più un interessante parte dei percorsi di formazione nelle reti televisive degli Usa, riviste, libri e siti web, programmi di scrittura, concorsi e case di produzione, più un fac simile di contratto e l’appendice d in cui viene trattata dettagliatamente l’impaginazione della scena.
Tra gergo tecnico, spiegato con semplicità e immediatezza, e sano buon senso, potremo così conoscere risposte a domande come: Esistono esercizi utili per superare il blocco dello scrittore? Cosa cambia a livello di dialogo tra una scena di una soap opera e una scena di un film cinematografico? A proposito di Festival. Quali sono i più importanti in Italia a cui mandare il proprio lavoro? Per un italiano è possibile vendere sceneggiature in America?
Sergio Altieri, Giorgio Arlorio, Francesco Bruni, Barbara Petronio, Gino Ventriglia e gli altri risponderanno con solerzia di particolari e professionalità mettendoci anche in guardia dai falsi produttori, dalle false agenzie di spettacolo, dai quasi corsi di sceneggiatura, perché le insidie sono tante e non essere sprovveduti è la prima regola da seguire con impegno.

Scrivere sceneggiature per il cinema e la tv di Francesco Spagnuolo, Delos Book, collana i libri di Writers Magazine, 2010, pagine 225, brossura.

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: