:: Intervista a Marco Polillo editore della collana “I Mastini” Polillo Editore a cura di Cristina Marra

by

Marco Polillo

La crime story “Bunny Lake è scomparsa” di Evelyn Piper inaugura la nuova collana “I Mastini” della Polillo Editore. Con “I Mastini” arrivano in libreria romanzi inediti o imperdibili del filone del giallo nato negli USA intorno agli anni Venti e definito “Hard Boiled School”, del genere suspense, del poliziesco procedurale e d’azione.

Gli “allievi” della Scuola dei Duri scrivono romanzi in cui l’enigma e la scoperta del colpevole sono soppiantati dalla violenza, dalla tensione e dalle durezze fisiche e psicologiche della realtà sociale del tempo. Nata intorno alla rivista “Black Mask” diretta da Joseph T. Shaw, questa narrativa poliziesca aderisce allo spirito sociale americano del periodo tra la Grande Depressione e il New Deal di Roosvelt. Shaw chiede ai suoi autori di raccontare le loro storie nel modo più diretto possibile e in prima persona per provocare nei lettori eccitamento e tensione. La violenza, i gangsters, il sesso sono argomenti presenti quotidianamente sui giornali e il loro passaggio in opere narrative è quasi inevitabile. Il genere diventa popolare con le opere di Dashiell Hammett, principale esponente insieme a Raymond Chandler, ma sono tantissimi gli autori forse meno noti che hanno dato un grande contributo anche alle sue evoluzioni . Dalla Scuola dei Duri ai successivi filoni che trasformarono il giallo tradizionale in un romanzo specchio delle angosce e delle violenze contemporanee, “I Mastini” si propongono come il completamento della già famosa e apprezzata collana “I Bassotti” dedicata alle detective stories della Golden Age del giallo.

L’editore Marco Polillo, presidente dell’Associazione Italiana Editori è un cultore del giallo classico ed è autore di due romanzi “Testimone invisibile” e “Corpo morto” editi da Piemme.

Com’é nata la collana “I Mastini”?

“Nel periodo del massimo splendore del giallo a enigma erano stati scritti libri di genere “hard-boiled” che meritavano di essere presentati al pubblico italiano, ma che non potevano trovare spazio nei Bassotti per motivi legati alle caratteristiche del contenuto. Questa mancanza andava sanata. Così sono nati i Mastini”.

A chi sono rivolti “I Mastini”?

“Credo che i lettori dei Bassotti qualche titolo dei Mastini lo prenderanno. Poi immagino i lettori dei gialli o thriller contemporanei e quelli che in qualche modo vogliono farsi una “cultura” storica anche sul genere poliziesco/thriller. Senza dimenticare che all’interno della collana ci saranno anche autori in qualche modo classici – per esempio Ross Macdonald o Henry Kane – che dovrebbero catturare l’attenzione di tutti quelli che ne hanno sentito parlare, ma che li conoscono ancora poco o niente affatto”.

Da lettore, lei preferisce le detective o le crime stories?

“Detective stories, senza ombra di dubbio. E infatti prima ho pubblicato i Bassotti e solo ora i Mastini”.

La Polillo si è affermata come casa editrice d’eccellenza nel settore della narrativa gialla classica. Progetti futuri?

“Per ora no. Il progetto -meglio l’obiettivo -immediato è quello di far sì che anche i Mastini riscuotano il successo che ha contraddistinto i Bassotti. E’ una collana forse più difficile, perché è meno caratterizzata, ma ha il vantaggio di offrire una maggiore varietà di trame”.

Perchè la scelta di pubblicare solo autori stranieri?

“Perché in quegli anni gli autori italiani non si cimentavano se non marginalmente in quel campo (e quelli che l’hanno fatto sono già stati ripubblicati e riscoperti in tempi anche recenti), e poi perché le patrie del giallo sono l’Inghilterra e gli Stati Uniti. Ci sarebbe anche la Francia, in realtà, almeno per il genere Mastini, e non è escluso che qualche autore di quella nazione prima o poi trovi posto nella collana.

Molte crime stories diventano film e addirittura cult movie come è successo a “Bunny Lake é scomparsa”. Che ne pensa della trasposizione cinematografica dei gialli?

“Ne penso bene. In molti casi l’ho trovata adeguata, in altri ha addirittura migliorato la storia. Certe volte, invece, l’atmosfera dell’autore del testo non è stata rispettata, ma di sicuro il cinema e la televisione hanno aiutato il giallo (così come quest’ultimo ha a sua volta aiutato il cinema e la televisione)”.

Marco Polillo é anche scrittore di gialli, a quando il terzo romanzo?

Sorpresa! Il terzo romanzo è appena terminato. L’ho consegnato ieri alla mia agente letteraria e quindi spero di avere presto buone notizie. Quello che posso dire per ora è che il protagonista è sempre il vicecommissario Zottìa e che anche questa volta l’ambientazione è molto particolare: il lago d’Orta”.

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: